Mercoledì, 22 Gennaio 2020
RSS Feed

cronaca

Categoria: cronaca

Ladispoli, a breve i lavori di riparazione asfalto Via Claudia

La ditta esecutrice si è mostrata disponibile

redazione mercoledì 22 gennaio 2020
lavori asfaltaturaLADISPOLI - "Al termine dell'intervento di manutenzione straordinaria di via Claudia, un'opera totalmente finanziata e realizzata a cura degli Uffici Regionali di Astral, l'Ufficio Manutenzioni del nostro Ente ha subito rilevato delle anomalie sul manto stradale".

A parlare è l'assessore ai lavori pubblici, Veronica De Santis, che ha annunciato l'avvio a breve scadenza dei necessari interventi.

"Anche su segnalazione dell'Amministrazione comunale, è stata immediatamente interpellata la ditta esecutrice, che si è mostrata disponibile all'individuazione quindi alla riparazione delle aree mal riuscite.

Quanto accaduto – prosegue l'assessore De Santis - è stato dovuto alle cattive condizioni climatiche verificatesi durante le lavorazioni, che hanno inficiato la stesura del materiale bituminoso. Possiamo quindi informare la cittadinanza che ha inviato segnalazioni sui social e sulla stampa locale che, non appena sarà possibile, verranno sanate le parti ammalorate". 

Share on Facebook
Categoria: cronaca

Comitato Lago Bracciano: la Regione dica no a ulteriori prelievi

Diffidato il Ministero dell’Ambiente

redazione lunedì 20 gennaio 2020
acea la marmottaLAGO - Il Comitato per la Difesa del Bacino Lacuale di Bracciano-Martignano in data 17 gennaio 2020 per il tramite dei suoi legali (Francesco Falconi, Simone Calvigioni, Mario Lepidi e Marco Marianello) ha intimato i competenti uffici della Regione Lazio a non concedere alcuna possibilità di prelevare acqua dal lago di Bracciano ad Acea/Acea Ato 2 fino a che il livello delle acque del lago non sarà in linea con le medie stagionali di cui all'atto ex articolo 164 codice ambiente emanato dal Parco di Bracciano-Martignano.

Con lo stesso atto ha richiesto inoltre agli uffici della Regione Lazio di richiedere come per legge ad Acea/Acea Ato 2 di produrre uno studio di incidenza relativo all'impatto di una eventuale ripresa degli emungimento, nel solo di quanto stabilito dall'atto ex articolo 164 del decreto legislativo 152/2006 emanato dal Parco Regionale di Bracciano-Martignano, ovvero a seguito del ritorno del livello del lago ad una quota in linea con le medie stagionali registrate nello scorso secolo.

Con lo stesso atto inoltre il Comitato per la difesa del Bacino Lacuale Bracciano-Martignano ha diffidato il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio a concludere i procedimento amministrativo ex articoli 312, 313 del Testo Unico dell'Ambiente. Al riguardo si precisa che l'atto vale "quale nuova istanza di avvio del procedimento dal medesimo contenuto della precedente che si intende integralmente richiamata". "Si avvisa che – conclude l'atto del Comitato – che, in caso contrario, i responsabili verranno chiamati a rispondere delle proprie azioni in sede penale, civile ed amministrativa".

Nell'atto il Comitato, in relazione alla richiesta di Acea Ato 2 di poter tornare a captare dal lago di Bracciano per oltre 20 giorni ad un ritmo di oltre 1.000 litri al secondo, precisa che "è evidente che ciò sia intollerabile e non possa avvenire perché comporterebbe un deficit indotto di natura antropica pari a circa un milione e settecentomila metri cubi, pari al 4 per cento del deficit già attualmente gravante sul bacino idrico".

Nelle premesse dell'atto inoltre il Comitato precisa che "qualunque captazione sarebbe oggi assolutamente gravemente lesiva dell'ambiente e illegittima e non può considerarsi "irrilevante" in un contesto di cambiamenti climatici e di forti deficit di precipitazioni", che "la manutenzione e conservazione dell'impianto di captazione deve avvenire necessariamente con modalità tali che non importino la sottrazione di acqua dal lago di Bracciano poiché nel contesto generale di forte deficit e scarse precipitazioni non è pensabile una perdita d'acqua al solo scopo manutentivo", che "ai sensi della concessione, infatti, come confermato anche dal Tribunale Superiore Acque Pubbliche, il lago è una riserva idrica, cui può essere attinto solo per far fronte ad emergenze, sempre e comunque nel rispetto dei limiti imposti dalla salvaguardia dell'ambiente", che "spetta al concessionario adeguare l'impianto e fare in modo che possa rimanere funzionale a prescindere dalle captazioni; che "non mancano al riguardo soluzioni tecniche, nel ventunesimo secolo", che "potrebbe pertanto essere ipotizzata, ad esempio, la realizzazione di un circuito che faccia circolare l'acqua nell'impianto per ricondurla al lago".

Share on Facebook
Categoria: cronaca

ASLRM4, settimana prevenzione tumore al collo dell'utero

Test gratuito a donne tra 25 e 64 anni

redazione venerdì 17 gennaio 2020
screening copyLAZIO - La Asl Roma 4 organizza una settimana per la prevenzione in rosa.  La settimana "Prevenzione donna" prevede l'accesso libero e l'erogazione del test GRATUITO alle donne nelle fasce di età compresa tra 25 e 64 anni, nei consultori del territorio della Asl Roma 4.

Tale evento è garantito dalle ostetriche libere professioniste, dalle ostetriche consultoriali della Aslroma4, dal Call center di Bracciano e da tutti i collaboratori del Programma organizzato di Screening.

Il test sarà effettuato da una ostetrica donna, per permettere alle utenti di sentirsi a proprio agio e agevolare così l'accesso, data l'importanza della prevenzione.

Non occorre telefonare per prenotare, si può accedere liberamente negli orari e nei gironi di seguiti indicati.

Dove non indicato diversamente, i consultori rimarrano aperti fino alle 18 proprio per consentire alle donne lavoratrici di efefttuare il test anche dopo l'orario di lavoro.

Lunedì 20 - Civitavecchia: Largo Donatori del sangue Ospedale San paolo palazzina B

Martedì 21 - Morlupo: Via Roncacci 78, Fiano Romano: via Guido Rossa 35, Bracciano: Largo dell'ospedale vecchio 8

Mercoledì 22- Formello: Via regina Margherita 6, Ladispoli: Via Nino Bixio 27, Santa Marinella(9.00-13-00) Via Valdambrini 115

Giovedì 23- Bracciano: Largo dell'ospedale Vecchio 8, Civitavecchia: Largo Donatori del sangue Ospedale San paolo palazzina B

Venerdì 24- Cerveteri: (9.00-13.00) Via Martiri delle Foibe 95, Bracciano: Largo dell'ospedale Vecchio 8

Share on Facebook
Categoria: cronaca

Ladispoli, il sindaco Grando invita Michele Placido a visitare i luoghi dove visse Caravaggio

In vista delle riprese di una fiction sul pittore

redazione venerdì 17 gennaio 2020
caravaggioLADISPOLI - "Abbiamo appreso con interesse che il famoso attore e regista Michele Placido tra poche settimane inizierà le riprese di una fiction televisiva dedicata a Caravaggio. Si stanno effettuando in questi giorni i sopralluoghi sulle location scelte dalla produzione, ci auguriamo che anche il litorale di Ladispoli ed in particolare la zona del Castello di Palo Laziale dove Caravaggio fu imprigionato appena sbarcato dalla feluca proveniente da Napoli, saranno scelte da Michele Placido per la serie televisiva".

Con queste parole il sindaco Alessandro Grando ha lanciato un appello al regista pugliese, spiegando come il litorale di Ladispoli non possa essere escluso da una fiction che si pone l'obiettivo di ristabilire la verità storica dei fatti e degli eventi che precedettero di pochi giorni la morte del grande pittore.

"Da tempo – prosegue il sindaco Grando – la città di Ladispoli ha avanzato la tesi che Caravaggio possa aver vissuto le ultime ore della sua vita sul nostro litorale dopo essere stato scarcerato dalla fortezza Odescalchi i primi giorni di luglio del 1610. Un episodio attestato in modo esauriente dal compianto professor Vincenzo Pacelli dell'università di Napoli che aveva rinvenuto tutta la documentazione dello sbarco ed arresto di Caravaggio a Palo Laziale nell'Archivio del Vaticano una decina di anni fa. Pubblicando un libro nel quale illustrava in modo inequivocabile la presenza di Michelangelo Merisi sulla costa dell'attuale Ladispoli. Il rapporto tra Ladispoli e Caravaggio è sempre stato molto stretto, in più occasioni l'amministrazione comunale ha sollevato dubbi sulla ricostruzione storica degli eventi che portarono alla presunta morte del grande pittore a Porto Ercole. Invitiamo ufficialmente Michele Placido e tutta la produzione della fiction a Ladispoli per visitare i luoghi dello sbarco e vagliare l'ipotesi di girare alcune scene a Palo Laziale per offrire una versione completa dei fatti che accaddero pochi giorni prima della morte di Caravaggio".

Share on Facebook
Categoria: cronaca

Cerveteri, nuova illuminazione per Piazza Aldo Moro e Centro Storico

In questi giorni via anche ai lavori a Valcanneto

redazione giovedì 16 gennaio 2020
lampioni ledCERVETERI - Nuovi interventi sulla pubblica illuminazione a Cerveteri. Dopo i lavori nelle Frazioni di Borgo San Martino, I Terzi, Sasso e Ceri, quelli in Via Sergio Angelucci e in Viale dei Tirreni a Cerenova, quelli lungo la Via Furbara Sasso e in Piazza Santa Maria, sono in corso in queste ore le operazioni per il montaggio di 13 nuovi punti luce in Piazza Aldo Moro a Cerveteri.

Si tratta di nuove lampade che da un lato riducono i consumi, dall'altro migliorano la qualità del servizio di pubblica illuminazione, con una luce più chiara e maggiormente efficiente per le strade. In tutti i casi, si tratta di lavori realizzati interamente in proprio dalla Multiservizi Caerite finanziati da un contributo del Ministero dello Sviluppo Economico nell'ambito del Decreto Crescita.

"Grazie all'ottimo lavoro del personale della Multiservizi Caerite, coordinato dall'Ingegner Forghieri, giorno dopo giorno sta letteralmente cambiando il servizio di pubblica illuminazione della nostra città – ha dichiarato il Sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci – dalle Frazioni, che necessitavano obbligatoriamente di un intervento importante, ad alcune strade del nostro territorio, arterie viarie di primaria importanza che avevano bisogno di un restyling alla pubblica illuminazione, in quanto la precedente non era più sufficiente a garantire la sicurezza stradale da un punto di vista di efficienza. In queste ore ci si sta concentrando su Piazza Aldo Moro, dove dopo il posizionamento di questi primi punti luce, nelle prossime settimane si procederà alla sostituzione delle torri-faro, con degli impianti più moderni e confacenti alle necessità della piazza".

"Ma i lavori non finiscono qui – prosegue il Sindaco Pascucci – nei prossimi giorni si opererà nella Frazione di Valcanneto, in particolar modo in Via Albinoni e in Piazza Tommaso Albinoni, con 23 nuovi punti luce e entro la fine dell'inverno ipotizziamo di concludere i lavori nel Centro Storico e lungo il Parco della Rimembranza, con un impianto di illuminazione totalmente nuovo".

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -