Martedì, 24 Novembre 2020
RSS Feed

cultura ed eventi

Categoria: cultura

Bracciano, biblioteca: fondi statali per acquisto libri

Diecimila euro da spendere entro il 30 settembre

redazione giovedì 3 settembre 2020
libri due copyBRACCIANO - Anche la biblioteca "Bartolomea Orsini" di Bracciano è tra i destinatari del Fondo emergenze imprese e istituzioni culturali stanziato dal Governo per far fronte all'emergenza COVID-19.

Lo rende noto il Comune di Bracciano.

A seguito della domanda inoltrata la Direzione generale biblioteche ha destinato alla biblioteca di Bracciano € 10.001,9 per l'acquisto di libri, da spendere entro il prossimo 30 settembre presso tre librerie del territorio.

Già dallo scorso anno è stato possibile, per la biblioteca comunale, riprendere ad acquistare nuovi libri; con questa somma, che va ad aggiungersi a quanto già stanziato dall'amministrazione, sarà possibile rinnovare ed implementare il patrimonio librario comunale, che conta oggi circa 30.000 tra volumi ed altro materiale librario.

La biblioteca accetta i desiderata degli utenti, valutando l'acquisto dei volumi più richiesti: è possibile fare richiesta per email all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. o direttamente in biblioteca.

Share on Facebook
Categoria: cultura

Ladispoli, mostra collettiva ispirata a Caravaggio

Dal 3 settembre al Centro di Arte e Cultura

redazione martedì 1 settembre 2020
collettiva caravaggioLADISPOLI - "Sono molto felice di annunciare questa mostra, ispirata al Caravaggio, di alcuni tra i più grandi pittori contemporanei della scena artistica nazionale che si terrà dal 3 al 17 settembre presso il Centro Arte e Cultura di Ladispoli".

Con queste parole l'assessore alla Cultura Marco MIlani ha annunciato l'imminente apertura della mostra, curata da Pier Luigi Manieri, "Il Profilo di Caravaggio-il genio e l'uomo" che sarà visitabile dal 3 settembre alle 18.30.

"Ospite d'onore – ha proseguito Milani - il Maestro Venanzoni, autore di opere dedicate alla vita del Merisi (tra l'altro in mostra in questo periodo a Sutri, voluto da Sgarbi). Un altro omaggio che Ladispoli fa al grande pittore lombardo che proprio qui da noi , a Palo, fu arrestato nel luglio del 1610".

Un gruppo selezionatissimo di artisti, tra i più rappresentativi della scena contemporanea (Lidia Bachis, Pasquale Nero Galante, Easypop, Montuschi & Rapiti, Esteban Villalta Marzi, Lucio Fabale, Omino 71,Giampaolo Atzeni) è stato chiamato a rileggere le opere di Caravaggio, ispirarsi ai suoi lavori o alla sua vita, recuperarne la tecnica e l'essenza, dando vita ad una collettiva che ne rifletta il genio e l'anima.

La mostra che è aperta al pubblico dalle 10 alle 19, dalle 16.30 alle 18.30, propone anche un'attrazione dal notevole impatto divulgativo: una sala in realtà virtuale in cui immergersi nell'arte del grande artista. A corredo della collettiva un approfondimento sulla figura del Caravaggio a firma di Riccardo Rosati, saggista e museologo.

"IL PROFILO DI CARAVAGGIO - IL GENIO E L'UOMO", DAL 3 SETTEMBRE AL CENTRO DI ARTE E CULTURA

Di seguito la nota del curatore della mostra Pier Luigi Manieri

Michelangelo Merisi, più noto come il Caravaggio, sta alla storia dell'arte come le invenzioni del fuoco, della vela, del motore, stanno ai progressi scientifici. Il genio Lombardo deflagrò nel Barocco come un evento rivoluzionario. Tant'è che per quanto misconosciuto fino all'essere dimenticato per poi essere riscoperto solo nel 900, la sua eredità, non meno della sua lezione, sono sopravvissute intatte sino ai nostri giorni per illuminarci. In senso tanto metaforico quanto letterale. Caravaggio s'impone all'attenzione introducendo elementi, codici, stilemi di assoluta forza immaginifica. Ricolloca la Santità sul suolo, là dove l'uomo medio possa vederla, toccarla, a sua immagine e somiglianza.

Una santità sofferta nella sua umana e carnale fragilità. Costituita da ossa e nervi guizzanti e tuttavia intrisa di una solennità che incute rispetto e reverenza. Che commuove nel profondo e eleva nella illuminazione. Confermandosi perciò e indiscutibilmente nella più assoluta forma della pittura sacra e religiosa (Crispino Valenziano); esplora la vita nella sua quotidianità. Coi suoi piccoli e immani vizi, malattie, malformazioni, gioie e stupefazioni. Nel volgere lo sguardo al Mito, s'interroga sulla sua fugacità. La grandezza di Caravaggio si palesa nel suo essere seminale per artisti che in lui hanno trovato propellente per la propria arte. Valga per tutti George's de la Tour.

Tutto ciò che costituisce l'estetica caravaggesca si definisce nella più assoluta perfezione formale. E soprattutto, nella luce e per contro nell'oscurità. Caravaggio intuisce e traccia i principi della fotografia. La sua mise en scene è talmente "logica che diviene d'ispirazione per il teatro stesso. Del resto il suo genio riverbera tuttora nelle discipline visive. A lui guarda senza farne mistero Matteo Garrone e vi sono rimandi evidenti nello stesso cinema di Sorrentino. Se sul piano artistico Caravaggio è ascrivibile a pieno titolo e a buon diritto - e dirlo non spetta certo a chi scrive - a quella ristretta schiera di pesi massimi la cui azione si distingue per un'unicità senza tempo né confini, non meno affascinante e meritevole di narrazione è la vita da romanzo di Michelangelo Merisi.

Il Profilo di Caravaggio-il genio e l'uomo si propone come esposizione-omaggio a questa figura che più che centrale, si direbbe, piuttosto, indispensabile nella vicenda e nell'evoluzione della medesima relazione tra l'umanità e l'arte. Il cui contributo, per dirla col Marino, non smette di meravigliare chi davanti le sue opere, inevitabilmente e fatalmente estasiato si pone. Il progetto in memoria di Caravaggio, il quale soggiornò e forse morì nella cittadina balneare, nasce dunque "Il profilo del Caravaggio, il genio e l'uomo". Un gruppo selezionatissimo di artisti, tra i più rappresentativi della scena contemporanea sarà chiamato a rileggerne le opere, ispirarsi ai suoi lavori o alla sua vita, recuperarne la tecnica e l'essenza, dando vita ad una collettiva che ne rifletta il genio e l'anima. Un'immersione assoluta e un'esplorazione definitiva dell'artista e dell'uomo la cui instancabile opera ha modificato il concetto stesso di pittura fissandone nuovi ed universali punti cardinali. Per queste ragioni la sfida è irresistibile. Mediato attraverso stile e sensibilità personali, ciascun artista consegna all'occhio del visitatore il "suo" Caravaggio. Il quale, travalicando confini temporali e steccati dogmatici si sublima attraverso la metafisica, il surrealismo, il concettuale e la Pop Art. Alimentando quel circolo virtuoso che è insito nel concetto di arte che genera arte.

Lidia Bachis, Pasquale Nero Galante, Easypop, Montuschi & Rapiti, Esteban Villalta Marzi, Lucio Fabale, Omino 71,Giampaolo Atzeni. Al Maestro Guido Venanzoni, il più autorevole caravaggista a dimensione mondiale, impegnato nella ricostruzione della vita di Caravaggio attraverso una serie di dipinti che ne raccontano l'esistenza è invece affidata la testimonianza d'autore affinché l'arte ci ricordi che in fondo e sopra ogni cosa è bellezza.

Con L'ultimo approdo, Lidia Bachis, struttura e destruttura su un piano filologico concettuale, la vicenda umana e professionale del Caravaggio, che quasi metapittoricamente è colto nel gesto di ritrarsi. In quest'opera di sintesi dalla significativa forza evocativa, I bari, lavoro giovanile del Caravaggio, si combina col San Girolamo, di cui si riconosce il teschio, forse l'ultima creazione del Merisi. Nell'ambito dell'estetica citazionista propria della scena pop, che nella ricerca di Lidia Bachis ha una matrice significativamente manga, la contaminazione trova forma nel recupero della celebre onda di Hokusai, precursore del tratto nipponico, che nell'Ultimo approdo evoca il mare dal quale arrivò sulla costa di Palo per trovarvi forse la morte.

Destino che come un presagio incombe sul quadro e sul Caravaggio stesso mediante le due formazioni di nero assoluto in luogo dei giocatori. Easypop restituisce il suo Narciso trasfigurandolo nel "riflesso nello stagno-ego e alter ego". Opera iconica e densa di enigmatico surrealismo figlia dell'immaginario di due generazioni: un contemplativo Hiroshi, così lontano dal furore della battaglia osserva il suo altro io, Jeeg e da esso è a sua volta scrutato. Il tutto è come ammantato in una innaturale sospensione. Così come Narciso osserva l'altro sé stesso, vicino e simultaneamente lontanissimo. Sogno di una notte di mezza estate? O forse un doppelgänger da una dimensione parallela e speculare, nel lavoro a quattro mani di Montuschi e Rapiti, dall'afflato metafisico che felicemente si coniuga con la forma classica della figurazione.

Ma chi è realmente chi? Esteban Villalta Marzi esponente tra i più autorevoli della scena pop europea combina nel suo lavoro storicizzato, Polidoro con Caravaggio. Dal primo prende in prestito il .soggetto che nelle sue mani si plasma dando vita ad altro. A Caravaggio "ruba' l'oscurità e la luce con l'Uomo d'acciaio al suo centro: Il ratto di Superman. Per Lucio Fabale, Caravaggio è a tutti gli effetti un'icona pop, quindi combinando la lezione di Warhol con la sua riconosciuta estetica del pixell moltiplica efficacemente l'immagine del Merisi così come il padre della Pop Art insegna.

Ma Michelangelo Merisi, il Caravaggio, fu già icona popolare quando l'Italia era monetariamente sovrana. Ce lo ricorda Omino 71, che nel segno della riproducibilità pop, moltiplica e rimette "in circolo" la celebre banconota da 100.000 Lire (che fu anche l'ultima), col volto dell'artista. Giampaolo Atzeni dà luce ad una Natura morta più viva che mai. Psicadelica e visionaria adornata da serpenti che rimandano alla Medusa e un'abbondanza di teschi. Così come la Medusa e il suo groviglio di serpi animano un'altra opera di Omino71. Se la fisicità nervosa e il rigore caravaggesco rivivono nelle tele di Pasquale Nero Galante, la Bachis e Fabale si concentrano su Il Martirio di San Matteo e La Decapitazione di Giovanni Battista.

Share on Facebook
Categoria: eventi

Carlo Verdone a Ladispoli per il 40° di 'Un sacco bello'

Arriverà il 4 settembre a bordo in un bus d'epoca

redazione sabato 29 agosto 2020
carlo verdoneLADISPOLI - A quarant'anni dall'uscita di "Un sacco bello" finalmente Leo (Carlo Verdone), il 4 settembre alle 19, riuscirà a raggiungere Ladispoli, e lo farà a bordo di un autobus d'epoca messo a disposizione dal Cotral, con tanto di autista in divisa anni '80 per ricordare l'epoca del film. Ad attenderlo, nei pressi di piazza Rossellini, dove quaranta anni fa si trovava la fermata dei bus, una targa in suo onore.

Promotori dell'iniziativa, in collaborazione con il Comune di Ladispoli, Alessandra Fattoruso, presidente dell'associazione Tama' e delegata del sindaco Grando a Eventi cinema e spettacoli, e Silvana Iaboni, sorella del produttore cinematografico Massimo. Il film "Un sacco bello" ha legato indissolubilmente il nome di Carlo Verdone alla città balneare con il personaggio dell'imbranato Leo che, che a causa dell'incontro con la turista spagnola Marisol, non riuscirà mai a prendere il pullman per Ladispoli per raggiungere la madre al mare.

Le frasi "Aho sapete che ve dico? Io me ne vado che me parte pure er purman pe Ladispoli" o la risposta al portiere dell'albergo che gli suggerisce di portare con se Marisol "Ma che sei matto a Ladispoli ce sta mi' madre ma che stai a scherza?", sono rimaste impresse nell'immaginario collettivo.

"Per Ladispoli – ha commentato il sindaco Alessandro Grando – sarà un grande onore ospitare Verdone e posizionare una targa commemorativa nel luogo dove Leo sarebbe dovuto arrivare quaranta anni fa. Ringrazio Alessandra Fattoruso e Silvana Iaboni senza le quali tutto questo non sarebbe stato possibile e naturalmente l'immenso Carlo Verdone che festeggerà insieme a noi i quarant'anni dall'uscita del suo primo grande successo cinematografico".

Share on Facebook
Categoria: eventi

Cerveteri, oggi e domani due grandi spettacoli alla Legnara

Omaggio a Puccini e alla danza

redazione giovedì 27 agosto 2020
mandala dance companyCERVETERI - Dopo le serate evento dedicate a Vivaldi, Bach e Mozart, l'Assessorato alle Politiche Culturali, insieme all'Orchestra Sinfonica di Europa Musica propone un altro prestigioso appuntamento dedicato alla musica classica e all'opera.

Questa sera, giovedì 27 agosto, alle 21.30, l'arena spettacolo del Parco della Legnara ospiterà l'opera comica in un atto di Giacomo Puccini "Gianni Schicchi", una delle opere di maggior successo del compositore nato a Lucca.

L'ingresso allo spettacolo è con biglietto: costo 10,00 Euro. È possibile acquistare il biglietto presso il Punto di Informazione Turistico sito in Piazza Aldo Moro, contattabile ai numeri: 0699552637 e 3534107535.

Si ricorda che per accedere al Parco della Legnara, i cui posti a sedere sono correttamente distanziati l'uno dall'altro nel rispetto delle vigenti normative anti-covid, è obbligatorio indossare la mascherina protettiva.

L'opera, che verrà realizzata in versione integrale, è realizzata dalla regia di Gianmaria Romagnoli. Maestro di Palcoscenico, Renzo Renzi. Al pianoforte, il Maestro Mirco Roverelli. In scena, i Maestri Paolo Drigo, Marika Colasanto, Nicolas Causero, Tiziana Fabietti, Carlo Di Cristoforo, Federico Benetti, Greta De Santis, Federica Raja, Andrea Scorsolini, Giovanni Castagliuolo, Dario Ciotoli, Eleonora Leonori, Egidio D'Elia e Andrea Di Gregorio.

Altro appuntamento di rilievo domani, venerdì 28 agosto, alle 21.30, la danza celebra i 50 anni dal primo passo sulla Luna dell'Uomo. La Mandala Dance Company, realtà artistica d'eccezione del territorio, salirà sul palco del Parco della Legnara con "DISCOVERING", una riflessione in danza su cosa spinge l'Uomo ad andare oltre i suoi confini e superare i propri limiti.

"L'arte della danza torna al Parco della Legnara – ha detto Federica Battafarano, Assessora alle Politiche Culturali del Comune di Cerveteri – dopo la grande festa dell'Etruria Eco Festival, domani sera una straordinaria realtà artistica del nostro territorio è pronta ad emozionarci con le sue coreografie, con la sua danza. La Mandala Dance Company più volte è stata protagonista della nostra Estate Caerite ed ogni volta ha richiamato un gran numero di spettatori e di persone appassionate di danza. L'ingresso allo spettacolo è gratuito. Come sempre, gli accessi saranno contingentati e vi è l'obbligo di indossare la mascherina protettiva".

Concept, coreografia e regia sono di Paola Sorressa. Sul palco, Elisabetta Cipriani, Paola Foresi e la stessa Sorressa.

Share on Facebook
Categoria: eventi

Ladispoli, il grazie di Grando agli artisti

Sottolineata la qualità degli spettacoli

redazione martedì 25 agosto 2020
Fenati a LadispoliLADISPOLI - "Volge al termine la stagione turistico/culturale estiva a Ladispoli e, in attesa del grande evento del 27 con Massimo Ranieri, voglio ringraziare l'Associazione "I Servitori dell'Arte" di Manuel D'Aleo che anche quest'anno hanno proposto, presso la Grottaccia, un cartellone di eventi di altissima qualità, registrando il sold out in quasi tutte le serate. Dal concerto dedicato ad Aznavour (con la presenza dell'Ambasciatrice d'Armenia), ad Elena Bonelli (la voce di Roma), a tutti gli altri eventi, il suggestivo sito della Grottaccia ha soddisfatto tutti i palati e non è ancora finita".

Queste le parole del sindaco Alessandro Grando che ha annunciato gli eventi in programma per fine mese a Ladispoli.

"L'Arena Summer nights - aggiunge l'Assessore Milani - proporrà venerdì 28 agosto "Omaggio a Ladispoli", un concerto di musica lirica dedicato alla nostra città, con la soprano Paola Turchetta. Sabato 29 sarà la volta di "Femminile Singolare", una divertente piece teatrale da non mancare, per sorridere sull'universo femminile. Infine domenica 30 agosto, chiusura in bellezza con "Quizzami Live Show" un divertente gioco a squadre che prevede ricchi premi (primo posto un viaggio per quattro persone). Vedere la Grottaccia colma per tutti gli eventi proposti è stato fantastico. Un successo che ripeteremo l'anno prossimo, è sicuro".

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -