Venerdì, 14 Agosto 2020
RSS Feed

eventi

Categoria: eventi

Carlo Verdone al FilmFest

Tutto pronto a Trevignano per la rassegna

redazione domenica 14 settembre 2014
carlo verdoneTREVIGNANO - Torna al cinema Palma, con lo scenario fantastico del lago di Bracciano, il Trevignano FilmFest.

Cittadini del mondo
è il titolo di questa terza edizione, dal 25 al 29 settembre, dedicata al tema delle migrazioni. In programma film e documentari di vari paesi e la partecipazione di Carlo Verdone, Monica Guerritore, Rocco Granata, autore della canzone degli anni '50 Marina, e molti altri registi e autori.

VERDONE AL TREVIGNANO FILMFEST

Sono stati appena finiti di montare due clip di episodi sull'immigrazione tratti dai film di Carlo, che saranno proiettati il 26 alle 19, al cinema Palma di Trevignano Romano: ce ne sono davvero di buffi. Come quello dell'emigrato che torna in Italia dalla Germania, e gli fregano mangianastri e borchie delle ruote (da "Bianco, Rosso e Verdone"), o quando in "Acqua e Sapone" il professor Verdone tenta di insegnare "A Silvia" a tre neri, un filippino e un carabiniere, o ancora quando in "Io, Loro e Lara" il missionario Verdone tenta di spiegare che le cameriere nere che servono a tavola sono state tolte dalla strada. Carlo sarà intervistato da Fabio Ferzetti, critico del Messaggero e poi risponderà alle domande del pubblico.

https://www.facebook.com/TrevignanoFilmFest?hc_location=timeline
SITO : http://www.trevignanofilmfest.it/

Cinque euro e 15 spettacoli con la FilmFest Card

Con cinque euro si avrà la possibilità di guardare nove film e sei documentari. Tanto (si fa per dire) costerà infatti la tessera del Trevignano FilmFest, che potrà essere acquistata direttamente alla cassa del cinema Palma, che ospita la manifestazione.

In attesa di pubblicare il programma orario definitivo delle cinque giornate, dedicate a "Cittadini del mondo – il cinema racconta le migrazioni" anticipiamo i titoli dei nove film che saranno proiettati: "La prima neve", di Andrea Segre, "Il figlio dell'altra", di Lorraine Lévy, "Machan", di Uberto Pasolini, "Marina", di Stijn Coninx, "Alì ha gli occhi azzurri" di Claudio Genovesi, "Una pelle color miele", di Jung e Laurent Boileau, "Il maiale di Gaza", di Silvain Estibal, "Eastern Boys" di Robin Campillo e "La gabbia dorata", di Diego Quemada-Diaz.

Ecco invece i sei documentari: "Lontano dal lago", di Marco Leopardi, "L'ultima frontiera", di Raffaella Cosentino e Alessio Genovese, "Il futuro è troppo grande", di Giusy Buccheri e Michele Citoni, "18 ius soli" di Fred Kuwornu, "La neve la prima volta" di Valerio Cataldi e "Cittadini del mondo" di Stefano Trincia, attorno agli incontri sulle migrazioni effettuati lo scorso inverno nei licei romani.

Share on Facebook
Categoria: eventi

Due mostre esclusive

Carlo Riccardi e Massimo Pastori a Museo Civico

Redazione venerdì 12 settembre 2014
ARCHIVI RICORDIANGUILLARA - I grandi scatti del paparazzo per eccellenza, Carlo Riccardi, con personaggi del calibro di Fellini, Bardot ma anche del Papa buono Giovanni XXIII e di papa Giovanni Paolo II e le creazioni illuminate dell'artista Massimo Pastori.

Due mostre esclusive per un doppio appuntamento culturale, da oggi a domenica 14 settembre, al Museo della Civiltà Contadina e della Cultura Popolare "Augusto Montori" di Anguillara per iniziativa dell'Associazione Culturale Sabate.

Tutto nell'ambito delle attività messe a punto dall'associazione dopo il trasferimento dal Torrione Orsini alla nuova sede in via Doria D'Eboli. Non solo cultura contadina, con la riscoperta di attrezzi che parlano di fatica e lavoro, ma iniziative che allargano gli orizzonti per proporre ai visitatori della struttura museale nuove occasioni di incontro e di arricchimento culturale.

Davvero esclusive le foto messe a disposizione dell'associazione dal fotografo Carlo Riccardi che ha donato inoltre anche suoi lavori artistici. Un saggio del grande patrimonio che fa parte dell'archivio Riccardi con un accenno ai divi della Dolce Vita ma anche ai signori di Roma come i Papi Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. L'archivio fotografico dell'Agenzia AGR del Gruppo Riccardi, www.archivioriccardi.it, iscritto presso la Sovrintendenza Archivistica del Lazio di Roma quale Patrimonio di interesse Nazionale, è composto da oltre un milione di negativi originali, che ritraggono infiniti momenti più o meno noti della vita politica, sociale e di costume che hanno caratterizzato gli ultimi 60 anni di storia italiana.

L'archivio
conservato con cura dal figlio Maurizio all'interno della storica agenzia fotografica Agr, situata nel cuore di Roma, rappresenta un tesoro di informazioni su eventi e personaggi, una miniera per capire la nostra storia attraverso le immagini, non solo dei divi che popolavano lo star system del Dopoguerra o dei politici che di fatto hanno scritto la storia, ma anche con l'ausilio di foto che ritraggono le persone comuni protagoniste della vita reale.

Originalità e fantasia sono invece gli elementi che caratterizzano Le Materie Illuminate di Massimo Pastori. In sostanza lampade originali che prendono forma da materiali di riciclo e che si riassemblano andando a costituire nuovi elementi di arredo ammiccando al lavoro, alla semplicità, con stile e creatività. Le ha ideate e pensate "l'artista" Pastori che di lavoro fa il vigile del fuoco. Un pompiere che si mette in gioco con successo realizzando opere esclusive ed interessanti.

Le due mostre, "Gli scatti di Carlo Riccardi" – inaugurata sanato 6 settembre - e la mostra "Materie Illuminate", per motivi organizzativi sono visitabili in contemporanea nella struttura museale. L'ingresso, come sempre, è libero.

Le attività 2014 proseguono inoltre sabato 20 settembre alle 18 con "L'estremismo al femminile" libro sulle emozioni delle donne dalla tragedia greca alla via contemporanea con l'incontro con l'autrice Biancamaria Alberi.

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , presidente associazione Sabate Graziarosa Villani 360/805841

Share on Facebook
Categoria: eventi

Rinviata Sagra delle Zuppe

A data da destinarsi per motivi organizzativi

redazione giovedì 11 settembre 2014
la sbroscia di lagoANGUILLARA - La Sagra delle Zuppe di Pesce di lago e prodotti tipici locali prevista per il giorno 13 e 14 settembre in Piazza del Molo è stata rinviata a data da destinarsi per motivi tecnico organizzativi.

Lo comunica l'amministrazione comunale.

Share on Facebook
Categoria: eventi

Festa di Settembre

Ad Anguillara da oggi sino a domenica 8

Redazione venerdì 5 settembre 2014
fuochi artificialiANGUILLARA - Festa grande ad Anguillara, da questa sera fino a domenica 8, per la Festa di Settembre, la tradizionale festa in onore della Madonna delle Grazie e San Biagio. 
 
La Festa di Settembre - ricorda una nota del Comune- è una tradizione per Anguillara che si rifà all'antica festa contadina che sisvolgeva al termine dei lavori dei campi. Si tratta di una manifestazione molto sentita dagli anguillarini, particolarmente devoti alla Madonna delle Grazie la cui statua verrà portata in solenne processione.

La Festa, organizzata dalla Proloco in collaborazione con il Comune, come diconsueto, si svolgerà lungo i vicoli e le piazzette del suggestivo borgo dove, grazie alla partecipazione e alla collaborazione delle associazioni locali e dei commercianti verranno effettuati quasi in contemporanea, spettacoli, concerti, esibizioni di danza etc.

Non mancheranno poi le occasioni per assaggiare specialità locali tra le quali: pizzole, ciambelle e fregnacci. La festa si conclude con gli ormai famosissimi fuochi artificiali che fuoriuscendo dalle acque del lago e specchiandosi in esse, riescono a creare un'atmosfera unica.

Le diverse zone del centro storico in cui si svolgerà la festa saranno collegate fra loro da un percorso pedonale arredato con giochi di luce, mercatini, Artisti vari.

Share on Facebook
Categoria: eventi

FilmFest 2014

Dal 25 settembre a Trevignano

redazione mercoledì 3 settembre 2014
locandina FilmFest 2014TREVIGNANO ROMANO - "C'è voluto tanto a partorirla, e adesso eccola qui la locandina del FilmFest 2014. Vedetela come vi pare: un fiore dai petali variopinti, oppure un mondo che galleggia nell'Universo, fatto di donne e di uomini di molti colori e di molte identità. Del FilmFest 2014, che inzierà giovedì 25 settembre, abbiamo cercato di dare un'immagine vivace, vitale, allegra, concettualmente positiva".

Così scrivono gli organizzatori del FilmFest 2014 di Trevignano Romano.

"Migrare è oggi quasi una condizione per restare al mondo - prosegue la nota - : non ci sono soltanto le persone che fuggono dalle guerre, dalle persecuzioni, dalla povertà e vanno in cerca di un destino migliore. Ci sono anche i nostri figli che sempre più frequentemente conducono esperienze di studio e di lavoro all'estero. L'auspicata fine della terribile crisi economica che attanaglia il mondo dal 2007, e che abbiamo raccontato cinematograficamente nell'edizione 2013 del Trevignano FilmFest, non cambierà di molto queste vecchissime e nello stesso nuovissime abitudini. Viviamo in un mondo globalizzato nel quale quella che i sociologi francesi chiamano "mixitè", la coesistenza di persone di differenti identità nazionali, etniche, culturali, religiose sarà un dato sempre più centrale".

"Molti - informano gli organizztaori - continuano a scrivere e a sollecitarci perché divulghiamo il programma del FilmFest 2015. Dateci ancora una decina di giorni o poco più e vi parleremo dei film, dei documentari e dei protagonisti che verranno a Trevignano. Del resto tutta l'attenzione è ancora assorbita dal Festival di Venezia, no?"

"Riflettiamo piuttosto su un bell'editoriale di Giovanni De Mauro, pubblicato nel numero del 29 agosto del settimanale L'Internazionale, attorno ad una nuova figura di migrante: "l'immigrato digitale". De Mauro riprende il concetto-guida di un libro del giornalista canadese Michael Harris, dal titolo The end of absence, la fine dell'assenza: "Se sei nato prima del 1985, sai com'è la vita con e senza Internet. Viaggi tra un Prima e un Dopo. Se sei più giovane, invece, non hai vissuto da adulto in un mondo prima di Internet. Quelli di noi in questa generazione a cavallo, con un piede nel mare digitale e l'altro ancora a riva, vivono uno strano malessere nel tentativo di acclimatarsi. Siamo immigrati digitali e, come tutti gli immigrati, spesso non troviamo accogliente il nostro mondo".

"Ma "se siamo le ultime persone ad aver conosciuto la vita prima di Internet, siamo anche gli unici ancora capaci di parlare entrambe le lingue, siamo gli unici traduttori di un Prima e di un Dopo..." - conclude la nota - Si può essere migranti, dunque, anche senza spostare fisicamente le proprie vite. Ragionando attorno a come la rete ha cambiato il mondo, e a come, attraverso quali storie, il cinema l'ha raccontato, magari potrebbe balzar fuori l'idea per il FilmFest del prossimo anno.

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -