Giovedì, 26 Aprile 2018
RSS Feed

cultura

Categoria: cultura

La Poesia come pura espressione dell'anima

A Bracciano sabato 10/3 Archicio Storico

redazione venerdì 9 marzo 2018
lettura di notteBRACCIANO - Ciclo di incontri di promozione della poesia a Bracciano. Sabato 10 marzo 2018 alle ore 17, nella Sala Conferenze dell'Archivio Storico, l'Associazione Culturale e Teatrale Suaviter presenta 'La Poesia come pura espresssione dell'anima - L'ironia di Trilussa e il gioco poetico del futurismo', a cura della Dott.ssa Monica Mani.

L' ingresso è libero.

Share on Facebook
Categoria: cultura

"Storie di donne, donne nella storia"

A Bracciano domenica 11 marzo

redazione domenica 4 marzo 2018
storie di donne nella storiaBRACCIANO - L'Associazione Forum Clodii presenta: "Storie di donne, donne nella storia". Storie di importanti personaggi femminili di epoche lontane che hanno caratterizzato la nostra Comunità.

Interverranno:

Elisabetta Mori - Anna Cavallaro - Cecilia Sodano

Domenica 11 marzo 2018 alle ore 10,00 - Sala Conferenze dell'Archivio Storico comunale - Piazza Mazzini, 5 - Bracciano

Share on Facebook
Categoria: cultura

Ladispoli, Milani: chiariamo dove morì Caravaggio

Documenti attestano che fu a Palo Laziale

redazione mercoledì 28 febbraio 2018
caravaggioCERVETERI - Dall'assessore alla Cultura di Ladispoli, Marco Milani, riceviamo e pubblichiamo la posizione dell'amministrazione in una vicenda che riguarda da vicino Ladispoli e la sua storia.

"Ho personalmente scritto alla CEO Magnitudo Film, al Ministro dei Beni Culturali, al sindaco di Messina ed al professor Vittorio Sgarbi per segnalare le considerazioni dell'amministrazione comunale di Ladispoli dopo la proiezione del film "Caravaggio, l'anima ed il sangue. Ci sono alcuni aspetti della ricostruzione degli ultimi giorni di vita del grande pittore che contestiamo fermamente".

"Occorre premettere – spiega Milani – che non possiamo non congratularci per l'opera "Caravaggio, l'anima e il sangue", intensa e pregnante come la vita e le opere dell'artista lombardo. Dalla pellicola traspare decisamente il tormento interno del Merisi, infinito e profondo che come un fluido magico, sacro o maledetto?, fluisce dal cuore alle vene, dal pennello sino sulla tela. Il film riesce perfettamente a restituire tutto ciò e quasi lo sbatte in faccia allo spettatore che lo avverte. Lo accusa, lo fa proprio. Purtroppo, dobbiamo segnalare un aspetto niente affatto secondario, sebbene il film non voglia essere una biografia dettagliata, tanto meno un affresco storico sulle orme del grande artista. Ci riferiamo al finale della vita del Caravaggio, e di conseguenza del film, quando in modo del tutto sbrigativo e superficiale si cita una partenza da Napoli del Merisi e un approdo in feluca a Porto Ercole, dove troverà la morte. Il Professor Vincenzo Pacelli, dell'Università di Napoli, ebbe modo di dimostrare, con tanto di documenti dell'archivio di Stato e dell'archivio Vaticano alla mano, che tale epilogo fosse per lo meno dubbio, indicando in Palo Laziale in luogo dove lo sfortunato artista perse la vita nel luglio del 1610. E tale teoria tra l'altro è stata fatta propria da molti altri studiosi e amanti del Caravaggio. Non sarebbe giunto forse il momento di chiarire una volta per tutte tale aspetto? Non è forse il caso di riconoscere per lo meno ciò che storicamente è stato attestato con certezza e cioè che il Caravaggio approdò a Palo Laziale e ivi arrestato dalle guardie degli Orsini? Perché si fa fatica a riconoscere quella che si può definire una ricostruzione attendibile e sicura? Forse perché tale riconoscimento avvalorerebbe la tesi della conseguente morte di Caravaggio a Palo Laziale? In qualità di assessore alla Cultura del Comune di Ladispoli sento il dovere di reclamare quanto la storia esige, la verità. O perlomeno una corretta e puntuale interpretazione dei fatti e delle fonti".

"Ecco perché stiamo mettendo a punto una serie di iniziative che tenderanno a evidenziare quanto appena esposto, forti di una certezza e di un sospetto: Michelangelo Merisi fu arrestato a Palo Laziale e nella stessa fortezza degli Orsini vi trovò la morte".

Share on Facebook
Categoria: cultura

Manziana, audiovisivo contro violenza donne

Realizzato da studenti Paciolo ed esperti

redazione giovedì 22 febbraio 2018
progetto-scuola-lavoro-contro-violenza-sulle-donneMANZIANA - Una serie di puntate per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla violenza di genere, partendo dal lavoro dei ragazzi del Liceo Paciolo di Bracciano e Anguillara Sabazia e dal coinvolgimento di professionisti dell'audiovisivo e degli studi sociali e psicologici.

Lo rende noto l'amministrazione comunale di Manziana.

Questi alcuni degli ingredienti dell'idea progettuale presentata dalla casa produttrice cinematografica Angelika Vision, in collaborazione con il Comune di Manziana, l'Associazione Lagone Nuovo e il Comune di Canale Monterano e finanziata dal Ministero delle Pari Opportunità che l'ha inserita al 41^ posto della graduatoria generale nazionale (più di 600 le proposte arrivate!).

La campagna di sensibilizzazione prevede la realizzazione di 7 puntate che saranno supervisionate da Maria Rita Parsi, da anni impegnata nella lotta alla violenza sulle donne, e verranno dirette dal regista Francesco Iezzi che potrà contare sulla collaborazione di Ettore Conte e Francesco Spagnuolo, responsabile editoriale di Angelika Vision.

"L'idea di realizzare questo percorso che ha una valenza sociale ma anche professionale per tutti i ragazzi che vi parteciperanno è venuta quasi naturale dopo il progetto "Cinema e Territorio", nato dalla collaborazione con il Comune di Manziana, l'Associazione Lagone Nuovo e l'istituto Paciolo e poi allargato ad altre realtà territoriali locali – dichiara Claudio Zamarion, amministratore delegato di Angelika Vision e ideatore del progetto – Confido che anche questa esperienza possa portare ottimi frutti come la precedente e riesca a coinvolgere sempre più realtà, anche tra i soggetti privati. Il Cinema è una grande opportunità per il nostro territorio ed è un piacere scoprire che siamo sempre in più persone ad esserne consapevoli."

"Siamo davvero felici che il progetto, dalla chiara valenza sociale, abbia avuto l'apprezzamento che meritava – dichiara il Sindaco Bruno Bruni – La tematica è delicata e purtroppo ogni giorno sempre più attuale. Sapere che sarà affrontata direttamente dai ragazzi, attraverso l'utilizzo di diversi media, sicuramente più vicini alla loro sensibilità ed al loro linguaggio, è già di per sé un successo. E sono convinto che tutte le professionalità coinvolte daranno quel valore aggiunto che permetterà a questa campagna di uscire fuori dalla logica locale e di lanciarsi in maniera competitiva sia a livello nazionale che internazionale. Il Comune di Manziana, grazie anche alla collaborazione e sensibilità più volte dimostrata da Claudio Zamarion, ha da subito creduto nell'idea che il Cinema possa essere un volano per il territorio e continuerà a sposare tutti quei progetti che andranno in questa direzione."

(Foto da sito Web Comune Manziana)

Share on Facebook
Categoria: cultura

ladispoli, conferenza su Maria Montessori

"La strada per la felicita"

redazione martedì 20 febbraio 2018
Maria MontessoriLADISPOLI - L'Amministrazione comunale di Ladispoli, informa che mercoledì 21 febbraio, alle ore 16.00, alla Biblioteca Comunale di Ladispoli "Peppino Impastato" prosegue il ciclo di incontri "E adesso prima le Donne! Nell'Arte e nella Storia" con la conferenza a cura di Vienna Marchetti: "Maria Montessori. La strada per la felicità".

Maria Montessori è stata un'educatrice, pedagogista e scienziata italiana. La sua opera e il suo metodo (definito metodo montessoriano) continuano a vivere attraverso le migliaia di scuole materne, primarie, secondarie e superiori in tutto il mondo. "Aiutiami a fare da solo" è probabilmente la frase di Maria Montessori che meglio racchiude il suo concetto di educazione dei bambini.

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -