Mercoledì, 19 Dicembre 2018
RSS Feed

cultura

Categoria: cultura

Bracciano, in biblioteca per i 200 anni di Frankenstein

Festa per il bicentenario della pubblicazione

redazione mercoledì 24 ottobre 2018
FrankensteinBRACCIANO - La Biblioteca comunale Bartolomea Orsini, l' IIS Luca Paciolo e il Teatro MF di Canale Monterano festeggiano i 200 anni dalla pubblicazione del romanzo Frankenstein di M. Shelley.

Lo comunica l'amministrazione di Bracciano.

Mercoledì 24 ottobre 2018 ore 10.30 alla Biblioteca comunale

Leggono:

Claudia Marini – Assessore alle Politiche culturali

Roberta Guiducci - Docente IIS Luca Paciolo

Claudia Cassi – Attrice allieva del laboratorio teatrale TMF

Interviene Esper Russo - Direttore artistico TMF


Parteciperanno alcune classi dell'Istituto Luca Paciolo

Share on Facebook
Categoria: cultura

"Il sentiero del mare"

A Ladispoli il giallo di Maria Rizzi

redazione martedì 23 ottobre 2018
il sentiero del mareLADISPOLI - Continuano gli appuntamenti con l'Aperitivo Culturale a Ladispoli. Venerdì 26 ottobre alle 19, Maria Rizzi presenta il suo nuovo giallo "Il sentiero del mare". Maria Rizzi viene dalla poesia. Poetessa e figlia di un poeta, ha la scrittura nel DNA. Sin dalle prime pagine, lo si percepisce chiaramente. La sua scrittura è perfetta, scorrevole, puntuale, descrittiva, profonda e scevra di fronzoli. Così essenziale e precisa che l'azione del giallo e la caratterizzazione dei personaggi scorrono veloci e parallele e mentre entri nella trama del racconto i personaggi prendono vita proprio come in un film.

Il giallo racconta di una serie di omicidi di giovani ragazze, che si lasciano coinvolgere in un giro di prostituzione giovanile, abbagliate dai soldi facili e da compagnie "vip", in una società che finge di non vedere o vede e si gira dall'altra parte o semplicemente accetta che questo faccia parte del mondo di oggi. Ad indagare sugli omicidi, una squadra di poliziotti guidati dall' Ispettore Segni e il Commissario Severi ed una esperta di medicina legale, che è la vera protagonista del racconto. Sì, perché la storia racconta del bisogno d'amore.

Di una gioventù che ha perso i punti di riferimento e cerca sciaguratamente di sostituire l'amore con il farsi accettare in ambienti considerati ambiti; a qualunque costo: vendendo il proprio corpo, subendo ricatti e fin anche perdendo la vita. Scoprendo però che il vorticoso giro di denaro e le amicizie importanti ingigantiscono solo il vuoto di dentro.

Amore che la dottoressa Luisa Martelli cerca da sempre: l'amore per un ex compagno e collega con cui ha un legame che non riesce a sciogliere, fatto di 10 anni insieme ma anche di dipendenze e sensi di colpa, mentre lui si distrugge nell'alcool e lei nel tentare di capire e sopravvivere alla voragine che inghiotte alcune anime che il nostro amore non riesce a raggiungere. La bugia di poter accettare una "relazione" senza implicazioni sentimentali con un collega più giovane, bello e libertino, che si rivelerà quello che lei non aveva voluto vedere. L'amore che le giovani uccise, su cui deve eseguire gli esami autoptici pensando ogni volta che ciascuna di loro aveva l'età di quella figlia che avrebbe desiderato, loro avevano pensato di poterlo conquistare con la bellezza e sfidando le convenzioni.

Quindi sì, parleremo del genere letterario del giallo poliziesco nella forma, ma in realtà parleremo di come la disperata ricerca d'amore (e il vuoto che ne caratterizza la mancanza), stanno trasformando la società moderna. Maria Rizzi infatti è una sociologa, e non è un caso che i suoi libri scavino così profondamente nei legami sempre più difficili in un mondo fatto di tante profonde solitudini.

A dialogare con lei tornerà Laila Scorcelletti, che avete già incontrato nel precedente ciclo di letture con noi. Anche lei da anni focalizzata su questi temi.

Share on Facebook
Categoria: cultura

"Roma e l'Acqua"

A Cerveteri mostra collettiva sabato 20 ottobre

redazione mercoledì 17 ottobre 2018
roma e acquaCERVETERI - Un nuovo appuntamento culturale di pregio nei locali di Sala Ruspoli a Cerveteri, in Piazza Santa Maria. Si tratta della Mostra collettiva di arti figurative 'Roma e l'Acqua', organizzata dalla Galleria d'arte inquadro freelance di Cerveteri e l'associazione culturale InArte.

Oltre trenta artisti esporranno le proprie opere dedicate alla Città Eterna, a Roma, con le sue meravigliose Fontane, il Tevere il suo paesaggio, gli angoli e gli scorci del suo meraviglioso centro storico, è poi, l'acqua come fonte di energia e rinascita, coi suoi giochi di luce e le sue diverse colorazioni.

Inaugurazione della mostra, fissata per sabato 20 ottobre alle ore 17.30, con la presentazione da parte del Professor Settimio La Porta. A seguire, la performance al pianoforte del talentuoso Edoardo Sanna. Il giorno seguente, ad andare in scena è il teatro, con l'Associazione culturale Tages, con lo spettacolo 'L'Amore a Roma', scritto, diretto e interpretato dagli stessi autori. Nella mattinata di domenica la mostra aprirà alle ore 10.30 e sarà visitabile fino alle 12.30, mentre nel pomeriggio lo spettacolo teatrale avrà inizio alle ore 17.30.

"Le iniziative dell'Associazione InArte rappresentano oramai un punto di riferimento per l'offerta culturale della nostra città – ha dichiarato Alessio Pascucci, Sindaco di Cerveteri – questo week end i locali di Sala Ruspoli ospiteranno un evento di qualità, una due giorni di varie forme artistiche, che anche questa volta sapranno entusiasmare un vasto pubblico".

Share on Facebook
Categoria: cultura

Vittorio Fava a Ladispoli

Il maestro presenta i sui Libri d’Artista

redazione martedì 16 ottobre 2018
alchimia 2LADISPOLI - Venerdì 19 ottobre ore 19,00 avremo l'onore di ospitare a Ladispoli il Maestro Vittorio Fava, che ci porterà e racconterà i suoi Libri d'Artista.

Dopo l'esposizione di tre mesi alla Casina delle Civette di Villa Torlonia, visitata da migliaia di persone, avrete la possibilità di vedere da vicino e sfogliare gli straordinari libri scultura di questo geniale artista.

Classe 1949, diplomato in mosaico, esordisce negli anni Settanta (la sua prima mostra è del 1968) con dipinti figurativi accanto ad artisti del calibro di Renato Guttuso. Si dedica anche alla fotografia ed alle performance. Tra queste ultime si ricordano "Nel rosso rossore" con Vitaldo Conte al Folk Studio di Roma nel 1984. Numerosi sono i suoi film d'artista e audiovisivi. Alla fine degli anni Settanta elabora tecniche incisorie su lastra estremamente innovative.

Realizza sculture, spesso luminose, oggetti e dipinti materici. Crea mobili fantastici, macchine oniriche come il Mnemosine del 1986 (mobile luminoso con 10 cassetti contenenti la storia e la memoria di 10 donne) e il Mobile alchemico della scrittura dedicato a Gutenberg del 1998, veri e propri "strumenti di concretizzazione del sogno dove l'artefice si perde nell' "invenzione". Si dedica con passione alla Mail Art, partecipando a mostre in tutta Europa. Vedrete un esempio di questa tecnica nell'esposizione di venerdì.

Il passo successivo è la cornice invasa (sempre da carta e scrittura) che diventa il quadro stesso, ossia l'opera è la cornice, il resto è luce ed immaginazione. Nel frattempo prende forma il suo linguaggio unico ed inimitabile, dei libri d'artista. Nel 1986 nasce "Manoscritto Plastico" il primo "libro oggetto". Da allora sono nati libri di ogni foggia e dimensione (dal Grande Libro Bianco del 2006 esposto alla 54° Biennale e alto 2,05 mt ,sino alle micro-biblioteche di 1 cm, passando per i libri inseriti in semi, conchiglie, rotoli di lino, foglie di papiro e ogni altro materiale).

Vittorio Fava ha fatto sue le indicazioni di Boccioni contenute nel Manifesto tecnico della scultura futurista del 1912, superando però quelle straordinarie avanguardie e inventando un modo diverso di raccogliere frammenti di memoria e farli rivivere in un presente oltre il tempo. Una sorta di cronaca akashica da sfogliare, dove scritture antiche, materiali lavorati dall'uomo e frammenti di natura riprendono vita in una nuova forma, quella appunto del ricordo onirico.

"L'immateriale si fa incrostazione, i conglomerati polimaterici si trasformano in spettacolari contenitori di sogni", ridando vita a "nuove immaginifiche memorie", spaziando nel "piano profondo che tocca il senso dell'esistenza", conducendoci in una "dimensione estranea al tempo, nella quale, sospeso il respiro, affrontiamo l'assoluto" (Giuseppe Salerno).

A Ladispoli potrete ammirare una parte dei libri di recente esposti a Roma, tra cui Il Grande Libro dell'Alchimia (nella foto). Non mancate. Si tratta di opere d'arte straordinarie, esposte e conosciute in tutto il mondo.

Venerdi' 19 ottobre ore 19,00 presso la Caffetteria dell'Hotel Villa Margherita
Via Duca degli Abruzzi 143 Ladispoli RM
Ingresso gratuito, consumazioni facoltative non incluse

Per informazioni
Associazione Culturale senza fini di lucro "La Luce dell'Anima –cultura e spirito"
Ufficio Stampa Marina Sonzini Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Share on Facebook
Categoria: cultura

Famiglie a teatro a Ladispoli

Con Twain Centro di Produzione Danza Regionale

redazione venerdì 12 ottobre 2018
teatroLADISPOLI - Prosegue la Rassegna Famiglie a teatro organizzata da Twain Centro di Produzione Danza Regionale, in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura della Città di Ladispoli, allo Spazio Polifunzionale di Via Yvonne De Begnac.

Una raccolta di spettacoli pensati per grandi e piccini dal 30 Settembre al 11 Novembre, i prossimi appuntamenti saranno il 14 Ottobre con "Happy Times" di Jobel Teatro, "I Musicanti di Brema" del Teatro delle Condizioni Avverse il 28 Ottobre e per concludere con "Cappuccetto Rosso" della Compagnia Atacama l'11 Novembre.

Tutti gli spettacoli avranno inizio alle 17.30, Biglietti 3€ e 5€. 14 ottobre 2019 – ore 17.30 – Spazio Polifunzionale.

Happy Times Gruppo Jobel, liberamente ispirato ai capolavori del cinema muto di Charlie Chaplin, lo spettacolo rappresenta un virtuosismo scenico per omaggiare il grande artista dello schermo attraverso una poetica e divertente retrospettiva degli indimenticabili episodi del suo personaggio più celebre: il vagabondo Charlot. La storia di un uomo che, alla ricerca della felicità, ripercorre i momenti più importanti della sua vita in una serie di gag suggestive ed irresistibili, capaci di coinvolgere il pubblico di ogni età.

Un' esperienza di teatro "senza parole" per accompagnare il pubblico in un indimenticabile incontro fuori dal tempo con l'arte intramontabile del grande Chaplin. Prodotto dal Gruppo Jobel nel 2017, per la regia di Lorenzo Cognatti e l'interpretazione di Brian Latini (già interprete de "Il vagabondo" nella rivisitazione teatrale del film "Il Monello" prodotto dal Jobel nel 2015). Famiglie a Teatro Organizzata da Twain Centro di Produzione Danza Regionale direzione artistica Loredana Parrella in collaborazione con Ass.to alla Cultura – Città di Ladispoli iNFO: 338.2051200 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.cietwain.com

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -