Mercoledì, 21 Novembre 2018
RSS Feed

cultura

Categoria: cultura

Doppio Diesis, musica d'insieme

Dalla polifonia corale alle percussioni africane

redazione martedì 2 dicembre 2014
DOPPIO DIESISANGUILLARA - Musica d'insieme: questa la proposta dell'Associazione Doppio Diesis da anni impegnata ad Anguillara e nel territorio del lago di Bracciano nella diffusione della cultura musicale, in particolare del canto corale. E dopo aver esplorato per anni il mondo della polifonia, l'associazione si apre anche a nuove esperienze musicali che abbracciano il repertorio etnico e popolare.

Tra innovazione e tradizione, le proposte di questo anno 2014/2015 si rivolgono a persone di tutte le età, dai bimbi agli ultra80enni, uniti dal desiderio di imparare, ma anche di divertirsi condividendo nello stesso momento una stessa passione.

Il Coro Diapason Amici della Musica, diretto da Pierangela Ghezzo, svolge dal 1994 attività corale con un repertorio che spazia dalla polifonia rinascimentale a cappella alla lirica, alla tradizione napoletana e romana e internazionale. Un lavoro intenso caratterizzato dalla partecipazione a concorsi e a rassegne in Italia e all'estero (Belgio e Spagna).

Da tre anni si è inoltre costituito il gruppo MondoMusica, che studia brani musicali etnici, tradizionali e moderni di tutti i continenti.
La novità di quest'anno riguarda il laboratorio musicale, Percussioni e musica africana (il martedì dalle 19.30 alle 21) tenuto dal senegalese Moustapha Mbengue leader del gruppo Tamtam Morola. Tanto ritmo ma anche creatività e improvvisazione.

Doppia inoltre, la proposta per i bambini, con due laboratori (5-7 anni e 8- 12 anni) rigorosamente di musica d'insieme, su percussioni, strumenti a barre e vocalità. I laboratori sono tenuti da Francesca Lanz e Pierangela Ghezzo.

L'Associazione cura inoltre progetti musicali finalizzati all'educazione e alla socializzazione degli alunni delle scuole e alla formazione dei docenti, sollecitando l'attenzione delle istituzioni nei confronti di questa disciplina per i suoi effetti positivi sulle capacità cognitive ma soprattutto sulla socialità e sulle relazioni. Dal 2008 l'attività è stata svolta in particolare presso il 205° circolo didattico di Anguillara.

I prossimi appuntamenti:

13 dicembre 2014 ore 20.30 – Roma, Chiesa di San Lorenzo in Lucina, concerto del coro Diapason Amici della Musica nell'ambito del Festival dell'Avvento;
14 dicembre 2014 ore 18.30 – Anguillara, Chiesa di San Francesco, Concerto di Natale del coro Diapason Amici della Musica e del gruppo I Dodecafonici, con piccola esibizione dei bambini dei laboratori, organizzato nell'ambito delle manifestazioni promosse dal Comune di Anguillara e dalla Pro Loco con la collaborazione delle realtà associative locali.
19 dicembre 2014 – Valcanneto (Cerveteri) – concerto polifonico di Natale

Doppio Diesis: Associazione culturale senza fini di lucro costituita nel 1997 ad Anguillara Sabazia per diffondere la cultura musicale sul territorio attraverso iniziative finalizzate alla condivisione dell'esperienza musicale, allo scambio e all'incontro tra gruppi musicali diversi. Attraverso corsi e laboratori specifici, l'Associazione vuole sperimentare repertori della tradizione orale delle diverse culture, italiani e stranieri, per favorire la conoscenza degli altri e, di conseguenza, il riconoscimento e l'accettazione della diversità come fattore che arricchisce e che apre al mondo. La musica diventa strumento privilegiato per unire le persone in un percorso di crescita che parte dal riconoscimento della diversità culturale che è in tutti noi per ricomporre le differenze nel sentirsi gruppo attraverso la musica.

Per iscrizioni e informazioni: 3701313328 - 3295722325 – 3355212947
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.associazionedoppiodiesis.org

Share on Facebook
Categoria: cultura

Seminario gratuito su D.S.A.

Il dott. Andrea Mazzarini sabato a Trevignano

redazione venerdì 28 novembre 2014
seminario DSATREVIGNANO - Sabato 29 novembre, dalle 10 alle 12, nella scuola elementare di Trevignano, Il Dott. Andrea Mazzarini realizza un seminario gratuito per genitori sul tema dei D.S.A. (Disturbi Specifici dell'Apprendimento) al fine di dare informazione su queste problematiche d'apprendimento scolastico in progressivo e continuo aumento.

Per info: 3398777556 e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Share on Facebook
Categoria: cultura

No alla violenza sulle donne

Spettacolo e Mostra per Giornata Internazionale

redazione mercoledì 19 novembre 2014
parole e musica contro violenza donneBRACCIANO - In occasione della Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne che ricorre ogni anno il 25 novembre il Comune di Bracciano -Assessorato alle Politiche di Genere promuove ed organizza vari eventi con l'obiettivo di accrescere l'attenzione su una tematica di drammatica attualità.

Ancora una volta l'amministrazione comunale di Bracciano si fa promotrice di iniziative di sensibilizzazione accogliendo l'invito che nel 1999 l'Assemblea delle Nazioni Unite, istituendo la Giornata Internazionale, ha rivolto alle istituzioni.
L'incarico di coordinare le iniziative in programma è stato affidato al Centro Donna Comunale che ha avviato una stretta e proficua collaborazione con alcune associazioni locali.

"Il silenzio uccide la dignità" è l'appello denuncia che caratterizza lo spettacolo in programma domenica 23 novembre alle 18 all'auditorium comunale. "Parole e musica contro la violenza sulle donne" propone brani musicali alternati a interpretazioni di brani poetico-letterari. Un evento "collettivo" frutto della sinergia creativa delle associazioni Generazione Musica, Pandora onlus, Lions Club Bracciano-Anguillara-Monti Sabatini, Giovani Leo, Piccola Orchestra Contemporanea.

Vari gli interpreti in una alternanza di generi e di stili, da Rita Pensa con un brano da "L'atro figlio" di Luigi Pirandello a Benedetta Rustici con un brano dall'"Antigone" di Sofocle, dai versi di Amelia Rosselli letti da Andrei Pollari a quelli di Maria Grazia Gambarino, fino alla lettera della condannata a morte Reyhaneh Jabbari giustiziata a Teheran il 25 ottobre 2014 letta da Flavia Flamini. Il tutto inframmezzato da motivi musicali eseguiti dall'ensemble della Piccola Orchestra Contemporanea.

Segue martedì 25 novembre alle ore 17 all'archivio storico comunale un evento che intreccia arte e denuncia. Una mostra di opere figurative sul tema della violenza sulle donne elaborate nel corso dei seminari di mail art tenuti dall'arteterapeuta Sabrina Masoni l'8 e il 15 novembre al Centro Donna comunale. La mostra è accompagnata da un seminario di approfondimento. Apre l'incontro Barbara Busetto, per l'Associazione di donne Pandora Onlus.

I Giovani Leo intervengono con un'illustrazione dei contenuti principali della Convenzione di Istanbul ed una loro riflessione pubblica sull'emergenza sociale in atto dei crescenti femminicidi. Si entra poi nel cuore dell'evento con la lettura dei lavori prodotti negli incontri di mail art condotta da Sabrina Masoni e commentata dalle partecipanti che intervengono dal pubblico. Chiude l'incontro l'assessore alle politiche di Genere Paola Lucci.

"In attesa di una piena attuazione della convenzione di Istanbul – sottolinea l'assessore Lucci - cerchiamo di entrare nel suo pieno spirito concentrando l'attenzione sulla prevenzione del problema violenza. Ci è sembrata una ottima opportunità quella di presentare questi due eventi, nati dalla collaborazione di varie realtà associative locali, per sollecitare un'attenzione alla cultura dei generi e delle relazioni tra uomini e donne. La violenza di genere – commenta Lucci - si può contrastare anche attraverso il superamento delle discriminazioni e ciò presuppone la responsabilità e la consapevolezza di ogni singolo soggetto per un reale cambiamento di prospettiva".

Share on Facebook
Categoria: cultura

I mostaccioli di S. Francesco

Conferenza al Museo sul legame con Anguillara

redazione giovedì 13 novembre 2014
museo augusto montoriANGUILLARA - I mostaccioli che mangiava il poverello di Assisi, San Francesco, nel Duecento erano preparati da sorella Jacopa, Giacomina dei Settesoli, appartenente alla famiglia degli Anguillara e moglie di Graziano Frangipane. Questa eccezionale riscoperta storica, che lega Anguillara al Santo, fatta da Domenico Bianchini, già copresidente dell'Associazione Culturale Sabate, segna con un approfondimento storico legato alle vicende del patrono d'Italia l'evento in programma per sabato 15 novembre alle 16.30 ad Anguillara al Museo Storico della Civiltà Contadina e della Cultura Popolare "Augusto Montori" sul tema "I mostaccioli –prodotti da forno e memoria" a cura di Massimo Perugini, raffinato esperto di tradizioni locali.

"Riguardo l'origine dei mostaccioli si racconta – scrive Bianchini in una nota – che alla signora Giacomina dei Settesoli - che il santo prediligeva chiamare Frate Jacopa, per il puro sentimento di fraterno affetto che nutriva verso di lei - Francesco raccomandò in un suo ultimo scritto, poco prima di morire, nell'ottobre 1226, il disbrigo di alcune cure, comprese soprattutto quella di portargli alcuni dolci e i graditi "mostaccioli" che ad Assisi non si preparavano e che ancora a tutt'oggi sono tra i dolci tradizionali più caratteristici del nostro Paese".

"Frate Jacopa – scrive ancora Bianchini - premurosa seguace di San Francesco, abitava a Roma nella torre che si trova tutt'ora a sud del Circo Massimo, verso Porta Capena, infatti la suddetta Torre, i pochi e veri romani, la chiamano "La Torre Jacopa. Il santo ricevette in questo luogo la sua ospitalità quando San Francesco venne a Roma nel 1210 per la prima approvazione del suo movimento da parte di Papa Lotario dei Conti di Segni Innocenzo III".

Una riscoperta quella fatta da Bianchini che valorizza ancor di più l'argomento del quale parlerà Perugini, appassionato esperto che conserva gelosamente alcuni originali stampi in legno per i mostaccioli, tra i quali quello più antico risale al 1793 ed apparteneva alla famiglia Ansuini di Bracciano. I mostaccioli, un preparato di farina e mosto cotto - possono essere considerati una particolare "anagrafe da forno".

Ogni famiglia infatti grazie a questo stampo poteva contare a biscotti personalizzati, cotti nel forno del paese. Generalmente di forma romboidale lo stampo oltre a soggetti ispirati alla Cristianità riportava anche pesci, uccelli, croci e scritte augurali. Tutto il contrario dell'omologazione di oggi con merendine senza genuinità, né storia.

L'incontro a libera partecipazione è inserito nell'ambito delle attività culturali 2014 dell'Associazione Culturale Sabate e consentirà di scoprire questo originale prodotto locale, tra storia, tradizione e devozione. Al termine, grazie alla sapiente preparazione della pasticceria Dolci in Comune ci sarà anche l'occasione di degustare i mostaccioli accompagnati da buon vino novello.

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , 360/805841

Share on Facebook
Categoria: cultura

Mail art - l'arte che viaggia

Tecniche e benefici dell'arteterapia

redazione mercoledì 5 novembre 2014
arteterapiaBRACCIANO - Tecniche e benefici dell'arteterapia al centro degli originali seminari in programma a Bracciano al centro donna comunale "Giuliana Serano". Due incontri, presentati il 25 ottobre scorso, l'8 e il 15 novembre dedicati alla "Mail art – l'arte che viaggia", tenuti da Sabrina Masoni, arteterapeuta di professione e promossi in collaborazione con l'Associazione Donna Pandora.

I frequentatori verranno coinvolti nella realizzazione di vere e proprie cartoline postali con l'impiego di tecniche e materiali vari, dalle fotografie personali che ognuno può portare (anche in fotocopia), agli scritti, ai disegni, ai pezzi di stoffa in una sorta di collage che porterà come tutta la posta che si rispetti uno specifico francobollo.

Una esperienza artistico-terapeutica di tre ore articolata. La prima fase è dedicata alla conoscenza del gruppo, la seconda alla meditazione introduttiva al "qui ed ora", la terza si concretizza nella fase esecutiva con le tecniche della mail art, infine la quarta fase vede la condivisione dei vissuti e dei simboli grafici emersi.

Al termine del seminario chi volesse continuare ancora a respirare lo spazio del Centro Donna e dei simboli emersi dall'attività può trattenersi per condividere una tisana in compagnia.

Il successivo laboratorio del 15 novembre sarà focalizzato attorno al tema della violenza contro le donne in vista della Giornata Internazionale del 25 novembre. Le opere elaborate nel corso del laboratorio saranno le protagoniste di una specifica mostra che verrà allestita in spazi comunali.

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -