Sabato, 16 Febbraio 2019
RSS Feed

cultura

Categoria: cultura

Cerveteri, ‘Quartetto Namaste’ apre ‘Caere Musica 2018’

La rassegna inizia venerdì 16 novembre

redazione lunedì 12 novembre 2018
MusicaCERVETERI - Sarà il 'Quartetto Namaste' con lo spettacolo 'Ondettango' ad inaugurare la rassegna 'Caere Musica 2018', un prestigioso ciclo di cinque appuntamenti con altrettanti gruppi che nei prestigiosi locali di Sala Ruspoli in Piazza Santa Maria si alterneranno per cinque venerdì. Direzione artistica ed ideazione dell'evento, è del Professor Mauro Porro, anche Consigliere comunale di Cerveteri, insieme alla A.S.D. Tyrsenia Sporting Club, che hanno organizzato la rassegna con il contributo e patrocinio del Consiglio regionale del Lazio e del Comune di Cerveteri.

Primo appuntamento in programma, venerdì 16 novembre alle ore 21.30.

Compongono 'Quartetto Namaste', Natalia Benedetti e Guido Arbonelli ai clarinetti e Valentina Cesarini e Roberto Fuccelli alle fisarmoniche. In scaletta, musiche di Piazzolla, Gardel, Galliano, Garbarino, Monti, Arbonelli, Kovacs e Taggeo. L'ensemble si propone come entità che va alla ricerca di un linguaggio alternativo per presentare un repertorio musicale molto interessante e in continua evoluzione.

"Cinque serate tra musica antiqua, moderna e contemporanea, un viaggio di note che spazierà dal barocco, al classico, dal romantico, fino ai grandi autori contemporanei che comunque avranno uno spazio predominante all'interno del programma – ha dichiarato il Consigliere comunale Mauro Porro, anche direttore artistico della rassegna – dopo il successo dello scorso anno, anche quest'anno ho selezionato personalmente, con cura e minuzia, il cast di questa nuova edizione della rassegna. Un'occasione per tutti gli appassionati di musica del territorio, per assistere a pochi passi da casa, in maniera totalmente gratuita, ad un evento di assoluto livello, ma anche un modo per avvicinarsi a stili musicali ricercati e tutti da scoprire".

La rassegna prosegue venerdì 23 con il quartetto di saxofoni 'Ensemble Suono Giallo'.

Il 30 novembre ad esibirsi sarà il 'Duo Megna Spada', con un ricco repertorio eseguito in un suggestivo concerto flauto e pianoforte.

'Caere Musica 2018' prosegue a Dicembre con due appuntamenti: venerdì 7 si esibiranno i 'New Vision', con sinfonie al flauto, clarinetto e pianoforte. Chiudono la rassegna, venerdì 14 dicembre, i 'Pentarte Ensemble' con un concerto violino, violoncello e pianoforte.

Al termine di ogni concerto tutti i presenti sono invitati ad una piccola ma piacevole degustazione, fatta a base di prodotti tipici della nostra Cerveteri e del territorio. L'ingresso a tutti gli spettacoli, che avranno inizio alle ore 21.30, è gratuito. È richiesta la prenotazione. Gli interessati possono inviare un SMS o chiamare il numero 3346161081 oppure il 3202632445

Share on Facebook
Categoria: cultura

Ladispoli, 'Cappuccetto Rosso' riletto da Compagnia Atacama

Domenica 11 novembre allo Spazio Polifunzionale

Redazione martedì 6 novembre 2018
teatroLADISPOLI - L'amministrazione informa che nell'ambito della Rassegna Famiglie a Teatro, domenica 11 novembre alle ore 17,30 allo Spazio Polifunzionale in via Y.De Begnac, è in programma il quarto ed ultimo appuntamento con la manifestazione organizzata da Twain Centro di Produzione Danza Regionale, in collaborazione con l'assessorato alla Cultura della Città di Ladispoli.

In scena sarà rappresentato "Cappuccetto Rosso", rilettura della Compagnia Atacama di una delle fiabe più famose del mondo conosciuta da grandi e piccini.

"E uno spettacolo per ragazzi, bambini e adulti – spiega l'assessore alla cultura Marco Milani - l'ispirazione di questa nuova creazione è una delle fiabe europee più conosciute al mondo, Cappuccetto Rosso, della quale esistono numerose differenti versioni. Gli autori, partendo dalla fiaba, intendono esplorare il contrasto tra il mondo luminoso e sicuro del villaggio e quello oscuro e insidioso della foresta. Andare nel bosco come metafora del percorso che ogni individuo deve affrontare per crescere, lasciando la sicurezza dell'infanzia per divenire adulto. Sviluppare il proprio essere attraverso il passaggio nella foresta del proprio lato oscuro e nel caso di Cappuccetto rosso, nella profonda e oscura foresta della femminilità. Andare nel bosco perché la vita abbia inizio. Attraversare, incontrare il lupo, disobbedire, aprirsi alle possibilità che scaturiscono dal percorrere strade altre, errare per sentieri sconosciuti e interrotti, fino a ritrovare la strada di casa e di se stessi, un delicato viaggio in danza, poesia, testo e musica per tutta la famiglia. Invitiamo i cittadini ad assistere a questa rappresentazione".

Share on Facebook
Categoria: cultura

"I Musicanti di Brema"

A ladispoli per la rassegna "Famiglie e Teatro"

redazione giovedì 25 ottobre 2018
teatroLADISPOLI - L'amministrazione comunale informa che domenica 28 ottobre, alle 17,30, allo Spazio Polifunzionale in via De Begnac è in programma il terzo appuntamento con la Rassegna "Famiglie e Teatro", organizzata da Twain Centro di Produzione Danza Regionale, in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura della città di Ladispoli.

"In scena - afferma l'assessore alla cultura Marco Milani - andrà I Musicanti di Brema, la famosa fiaba dei fratelli Grimm portata in scena da burattini ed attori per tutta la famiglia. Un appuntamento per grandi e piccini che siamo certi calamiterà l'attenzione del pubblico di Ladispoli".

E' la storia di quattro animali in fuga dai loro padroni, alla ricerca di una vita migliore, una vita capace di rispettare gli esseri viventi e i ritmi della natura, che non debba necessariamente rispondere ai dettami della produttività e dell'efficienza. C'è un asino che fugge da un contadino avido che, grazie a pesticidi e trattori non ha più bisogno di lui; c'è un cane da caccia che non ama la caccia; c'è un gatto improduttivo perché troppo anziano per inseguire i topi e c'è un gallo che sta per finire beatamente in padella. Tutti e quattro decidono di partire verso Brema alla ricerca di una vita migliore, convinti che la banda cittadina sia lì ad aspettarli. Lungo il viaggio, però, si accorgono che "la banda" che li aspettava, non era una banda musicale, ma una famiglia di terribili banditi decisi ad inquinare tutto il mondo per ottenere denaro. I fratelli banditi, sotto il comando della crudelissima "Mammina", volevano inquinare tutto il mondo, per poi essere gli unici a poter vendere del cibo sano, e guadagnare così un sacco di soldi. L'asino, il gallo, il cane e il gatto, grazie al loro ingegno e alla loro astuzia, facendo leva sulle proprie capacità, riusciranno a mettere in fuga i banditi e troveranno un luogo dove poter vivere in serenità e armonia, e riusciranno finalmente a far valere le loro qualità musicali e sonore.

Share on Facebook
Categoria: cultura

Bracciano, in biblioteca per i 200 anni di Frankenstein

Festa per il bicentenario della pubblicazione

redazione mercoledì 24 ottobre 2018
FrankensteinBRACCIANO - La Biblioteca comunale Bartolomea Orsini, l' IIS Luca Paciolo e il Teatro MF di Canale Monterano festeggiano i 200 anni dalla pubblicazione del romanzo Frankenstein di M. Shelley.

Lo comunica l'amministrazione di Bracciano.

Mercoledì 24 ottobre 2018 ore 10.30 alla Biblioteca comunale

Leggono:

Claudia Marini – Assessore alle Politiche culturali

Roberta Guiducci - Docente IIS Luca Paciolo

Claudia Cassi – Attrice allieva del laboratorio teatrale TMF

Interviene Esper Russo - Direttore artistico TMF


Parteciperanno alcune classi dell'Istituto Luca Paciolo

Share on Facebook
Categoria: cultura

"Il sentiero del mare"

A Ladispoli il giallo di Maria Rizzi

redazione martedì 23 ottobre 2018
il sentiero del mareLADISPOLI - Continuano gli appuntamenti con l'Aperitivo Culturale a Ladispoli. Venerdì 26 ottobre alle 19, Maria Rizzi presenta il suo nuovo giallo "Il sentiero del mare". Maria Rizzi viene dalla poesia. Poetessa e figlia di un poeta, ha la scrittura nel DNA. Sin dalle prime pagine, lo si percepisce chiaramente. La sua scrittura è perfetta, scorrevole, puntuale, descrittiva, profonda e scevra di fronzoli. Così essenziale e precisa che l'azione del giallo e la caratterizzazione dei personaggi scorrono veloci e parallele e mentre entri nella trama del racconto i personaggi prendono vita proprio come in un film.

Il giallo racconta di una serie di omicidi di giovani ragazze, che si lasciano coinvolgere in un giro di prostituzione giovanile, abbagliate dai soldi facili e da compagnie "vip", in una società che finge di non vedere o vede e si gira dall'altra parte o semplicemente accetta che questo faccia parte del mondo di oggi. Ad indagare sugli omicidi, una squadra di poliziotti guidati dall' Ispettore Segni e il Commissario Severi ed una esperta di medicina legale, che è la vera protagonista del racconto. Sì, perché la storia racconta del bisogno d'amore.

Di una gioventù che ha perso i punti di riferimento e cerca sciaguratamente di sostituire l'amore con il farsi accettare in ambienti considerati ambiti; a qualunque costo: vendendo il proprio corpo, subendo ricatti e fin anche perdendo la vita. Scoprendo però che il vorticoso giro di denaro e le amicizie importanti ingigantiscono solo il vuoto di dentro.

Amore che la dottoressa Luisa Martelli cerca da sempre: l'amore per un ex compagno e collega con cui ha un legame che non riesce a sciogliere, fatto di 10 anni insieme ma anche di dipendenze e sensi di colpa, mentre lui si distrugge nell'alcool e lei nel tentare di capire e sopravvivere alla voragine che inghiotte alcune anime che il nostro amore non riesce a raggiungere. La bugia di poter accettare una "relazione" senza implicazioni sentimentali con un collega più giovane, bello e libertino, che si rivelerà quello che lei non aveva voluto vedere. L'amore che le giovani uccise, su cui deve eseguire gli esami autoptici pensando ogni volta che ciascuna di loro aveva l'età di quella figlia che avrebbe desiderato, loro avevano pensato di poterlo conquistare con la bellezza e sfidando le convenzioni.

Quindi sì, parleremo del genere letterario del giallo poliziesco nella forma, ma in realtà parleremo di come la disperata ricerca d'amore (e il vuoto che ne caratterizza la mancanza), stanno trasformando la società moderna. Maria Rizzi infatti è una sociologa, e non è un caso che i suoi libri scavino così profondamente nei legami sempre più difficili in un mondo fatto di tante profonde solitudini.

A dialogare con lei tornerà Laila Scorcelletti, che avete già incontrato nel precedente ciclo di letture con noi. Anche lei da anni focalizzata su questi temi.

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -