Martedì, 24 Novembre 2020
RSS Feed

cultura

Categoria: cultura

Casaleggio-il grillo parlante

Il libro del giornalista Alberto Di Majo

redazione lunedì 11 marzo 2013
copertina-Di Majo - CASALEGGIOIn libreria "Casaleggio - Il Grillo Parlante" di Alberto Di Majo
(Editori Internazionali Riuniti, 180 pagine, 14,90 euro).

La scommessa di Gianroberto Casaleggio, il manager milanese che ha inventato la seconda vita di Beppe Grillo. Parte da qui "Casaleggio - Il Grillo Parlante" (Editori Internazionali Riuniti), scritto da Alberto Di Majo, responsabile del servizio politico de Il Tempo.

Nel testo (175 pagine, 14,90 euro) il giornalista ricostruisce le convinzioni di Casaleggio, il suo rapporto con il comico genovese, la strada che ha dato vita prima al blog, poi al MoVimento 5 Stelle.

"Pensavano che fosse un consulente tecnico. Un informatico che Beppe Grillo aveva preso in simpatia e a cui, ogni tanto, poteva chiedere anche un consiglio "politico". Invece Gianroberto Casaleggio è il principale responsabile della svolta tecnologica del comico genovese" scrive Di Majo, che ricorda anche come il comico spaccava i computer nei suoi spettacoli accusandoli di non essere utili.

Ma il libro del giornalista del Tempo si concentra pure sulla democrazia all'interno del MoVimento. L'autore dà voce ai dissidenti, anche se è convinto che "dietro" a Grillo e Casaleggio non ci sia altro che la volontà di innescare una rivoluzione culturale, basata sulla Rete che cambia inesorabilmente i meccanismi della politica, facendo saltare la necessità della mediazione.

Il giornalista non fa sconti al comico e al manager e nota: "E' paradossale che un non partito che punta alla partecipazione dei cittadini e che ha tra i suoi slogan «Ognuno vale uno» finisca spesso per sopportare l'autoritarismo. Come se qualcuno valesse più degli altri" scrive Di Majo, che si domanda: "É un esito inevitabile, almeno in questa fase, o un progetto diabolico messo a punto nei minimi particolari?".

Il giornalista ne discute con Franco Ferrarotti, Massimo Cacciari, Gianni Vattimo, Giacomo Marramao, Dario Antiseri. Significativi anche i colloqui con Marco Travaglio e Klaus Davi. La prefazione è del blogger Mario Adinolfi. Non è la prima volta che Di Majo si occupa dei 5 Stelle. Nel 2012, infatti, ha pubblicato, sempre con Editori Riuniti, "Grillo for president", un viaggio nel "non partito". Pochi mesi prima ha scritto "Andate a lavorare! - I mille coloriti insulti degli italiani ai politici" (Scipioni).

Share on Facebook
Categoria: cultura

Le ombre bianche

La sorprendente attualità del testo di Flaiano

Barbara Carrozzini venerdì 8 marzo 2013
le ombre bianche flaiano copyQuesta piccola crestomazia di Ennio Flaiano, composta di articoli pubblicati tra il 1956 ed il 1971, poi raccolti dall'autore nel 1972, anno della sua morte, può essere considerata come un vero e proprio repertorio storico dell'epoca contemporanea ed in particolare della nostra nazione.

E' sorprendente come tra le righe si perda la nozione del tempo, tanto il passato sembra confondersi con il presente. Gli argomenti e le problematiche di carattere sociale e civile, sono gli stessi che oggi riempiono le colonne dei nostri quotidiani.

E' la fotografia dell'Italia di ieri e malgrado sia trascorso più di un cinquantennio, il lettore non può che trovarla spaventosamente simile a quella dei nostri giorni. Ancora carica di attualità, c'è l'Italia lenta, ottusa e indolente; quella critica, inutilmente chiacchierona e inconcludente; quella della burocrazia elefantiaca ed inefficiente, quella delle bande e della criminalità; l'Italia delle mode, che si preoccupa solo delle apparenze; quella retorica dei salotti bene; l'Italia vacanziera e quella dell'approssimazione e della superficialità.

Racconti e storie brevi dall'atmosfera spesso surreale, nei quali, Flaiano con l'acume del grande giornalista e la precisione di un chirurgo viviseziona la società italiana, descrivendone e stigmatizzandone con impietosa ferocia vizi, difetti, preoccupazioni e follie.

Nel suo insieme, una sorta di ballo in maschera, una farsa teatrale, dove "la realtà supera la satira". Peccato solo che, oltre a dilettare con la sua arguzia e il suo sarcasmo, strappi anche un sorriso dal retrogusto piuttosto amaro, quello di chi tristemente non può fare a meno di notare quanto, già allora, fossero profonde le ferite che hanno reso questo paese, il malato cronico di oggi.

"Le ombre bianche" di Ennio Flaiano (Ed. Adelphi 2004 – pp. 300 - € 15,00).

Share on Facebook
Categoria: cultura

"Proteggi il tuo territorio"

Concorso per le scuole sui temi ambientali

redazione mercoledì 6 marzo 2013
proteggi il tuo territorioANGUILLARA - Sensibilizzare i ragazzi per promuovere un comportamento più consapevole nella gestione e la prevenzione dei rifiuti. E' con questo spirito che il Comune di Anguillara, in collaborazione con CNS-Coop. 29 Giugno, ha deciso di promuovere il concorso "Proteggi il tuo territorio: a scuola si può", rivolto a tutte le scuole dell'infanzia, primarie e secondarie di primo grado presenti sul territorio comunale.

Il concorso si propone di stimolare la riflessione sia degli insegnanti che degli studenti sui concetti della raccolta differenziata, la riduzione dei rifiuti e le buone pratiche di sostenibilità ambientale.
Per partecipare i ragazzi dovranno realizzare degli elaborati artistici inediti sul tema ambientale: in particolare i bimbi della scuola dell'infanzia potranno proporre dei disegni collettivi; gli alunni della scuola primaria potranno invece realizzare dei manufatti creativi, mentre i ragazzi della scuola secondaria si dedicheranno a immagini fotografiche o piccoli video.

L'iscrizione al concorso dovrà essere effettuata a cura degli insegnanti delle classi interessate entro e non oltre lunedì 18 marzo, inviando la scheda di adesione ad E.R.I.C.A. Soc. Coop., all'attenzione della Sig.ra Eleonora Cerulli via fax al numero 0173.364898, mentre le opere dovranno essere consegnate alla Segreteria didattica di ciascuna scuola iscritta entro il 6 maggio.

Gli elaborati, i disegni ed i manufatti saranno esaminati da una commissione nominata dal Comune di Anguillara e composta da un rappresentante del Comune, un esperto in materie artistiche e un esperto di educazione ambientale e pedagogia.

I tre migliori elaborati per ogni categoria saranno premiati durante una cerimonia che si terrà sabato 25 maggio presso il Palazzo dello Sport A. Fagiani – Centro sportivo di Prato Viale ad Anguillara Sabazia. Il premio assegnato alle classi vincitrici consisterà in un bonus in denaro da utilizzare per l'acquisto di materiale didattico o da investire in promozione di progetti di educazione ambientale. Per ogni categoria al primo classificato andranno 500 euro, mentre secondo e terzo si aggiudicheranno rispettivamente 300 e 200 euro.

"Sensibilizzare sui temi ambientali – ha detto l' assessore all'Ambiente Enrico Stronati - deve essere il primo obiettivo di qualsiasi amministrazione comunale consapevole dell'importanza della tutela ambientale".

Per l'assessore, questo progetto "si rivolge ai giovani, cioè a quelle nuove generazioni che in futuro dovranno gestire il nostro territorio e salvaguardarlo". Secondo Stronati, l'intenzione è di "contribuire a formare una buona coscienza ambientale, attraverso la creatività unita alle riflessioni sui temi ambientali", per difendere – ha concluso Stronati - il bene più prezioso, ovvero l'ambiente in cui viviamo".

Ulteriori notizie sul concorso sono disponibili sul sito web del Comune all'indirizzo www.comune.anguillara-sabazia.roma.it/rifiuti voce "Sportello Ambiente", oppure al numero 320.5511865, o via e-mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Share on Facebook
Categoria: cultura

Corso di birdwatching

Lo organizza l'Accademia del Parco

redazione lunedì 4 marzo 2013
corso ornitologiaBRACCIANO - L'Accademia del Parco organizza un corso di ornitologia di II livello in 3 lezioni di 2 ore in aula e 3 uscite - Consigliate conoscenze di base - Inizio corso: venerdì 8 marzo. 3 incontri in aula (di venerdì) e 3 uscite (di sabato).

Le lezioni in aula si svolgeranno a Bracciano presso la sede del Parco in Via Aurelio Saffi 4/A, dalle 18 alle 20.00.

Quota di partecipazione 30€

Iscrizione annuale Accademia 10€

partecipazione corso ornitologia 20€

(Iscrizione annuale Accademia gratuita per minori 18 anni)

PAGAMENTO SUL C/C POSTALE n.55260301, intestato a Parco Regionale Bracciano-Martignano
Causale: Iscrizione Accademia del Parco - Corso di birdwatching 2.0

Share on Facebook
Categoria: cultura

Giornalisti&Politici d’Italia SpA

Il libro di Ugo Degl’Innocenti

redazione venerdì 1 marzo 2013
copertina0001 copyDisorientati, ansiosi, qualcuno molto vicino a una crisi di nervi. Così sono apparsi i giornalisti italiani durante lo spoglio delle schede elettorali delle elezioni 2013, mentre appariva evidente l'affermarsi del Movimento 5 stelle.

Presi alla sprovvista dal successo dell'ex comico Beppe Grillo il quale snobba proprio loro, negandosi alle interviste e rivolgendosi ai suoi seguaci solo tramite il web, i cantori del potere, gli aedi dei partiti appaiono oggi inadeguati e poco credibili a una generazione che di giornali e talk show se ne infischia.

Perché? La spiegazione va trovata nella storia del giornalismo italiano, da sempre avvinto come un'edera al potere. "Giornalisti&politici d'Italia SpA", il saggio inchiesta di Ugo Degl'Innocenti, un giornalista fuori dal coro, ne ripercorre le tappe: da Cavour a Mussolini, da Einaudi a Scalfari e Vespa, passando per Santoro, Lilli Gruber, i governatori del Lazio Marrazzo e Storace, professione giornalistica e politica s'intrecciano, dando vita a un modello tutto italiano di giornalismo schierato.

"Giornalisti&politici d'Italia SpA" analizza tale italico modello, confrontandolo con quello liberale anglo-americano (quello del Washington Post che ha costretto alle dimissioni il presidente Nixon, per intenderci) e quello democratico - corporativo dell'Europa continentale, e raccontando giornali e giornalisti schierati di ieri - dalla Rivoluzione francese al fascismo, dall'affermarsi dei giornali di partito nel secondo dopoguerra alla nascita dei "giornali-partito", La Repubblica e Il Giornale di Montanelli, negli anni Settanta – e di oggi – dagli attacchi di Feltri e di Belpietro agli avversari politici di Berlusconi all'informazione militante di Michele Santoro e Concita De Gregorio.

Conclusione: l'insano abbraccio tra politica e giornalismo più che l'indicatore di un flirt è rivelatore di un matrimonio indissolubile. La commistione tra giornalismo e politica, infatti, è stretta a tal punto che si passa dalla professione alla casta e viceversa con tanta disinvoltura, come se per un giornalista non ci fosse alcun impedimento di carattere etico a tornare al proprio lavoro dopo essere sceso nell'arena della politica, come nel caso dell'ex direttore del Tg1, Augusto Minzolini, o del direttore de il Tempo, Mario Sechi (peraltro, entrambi trombati dall'elettorato nelle elezioni 2013).

Forse solo in Italia ci sono politici che ricevono una pensione anche dall'istituto di previdenza dei giornalisti, come nel caso del senatore a vita Giulio Andreotti. Ma certamente solo in Italia c'è stato un giornalista che ha inventato un movimento politico ed è poi diventato dittatore.

Solo in Italia i giornalisti sono obbligati a essere iscritti a un albo, inventato durante il fascismo per schedare e tenere sotto controllo gli operatori dell'informazione, tenuto da un ente di diritto pubblico qual è l'Ordine dei Giornalisti che, manco a farlo apposta, è oggi presieduto da un ex giornalista parlamentare del Secolo d'Italia, Enzo Iacopino.

"Giornalisti&politici d'Italia SpA" è una tesi di laurea magistrale in editoria multimediale. L'autore è Ugo Degl'Innocenti. Relatore è il giornalista anticasta del Corriere della Sera, Sergio Rizzo. Il libro non ha trovato un editore, quindi è inedito: forse questa è la certificazione della bontà dei contenuti di "Giornalisti&politici d'Italia SpA", libro all'indice della corporazione dei giornalisti e degli editori.

Comunque, chi desiderasse leggerlo, può trovarlo nel sito ilmiolibro.it http://ilmiolibro.kataweb.it/community.asp?id=1010

PS: qualche giornale o telegiornale ha scritto o detto a chiare lettere che Pd e Pdl hanno perso (e che batosta!) le elezioni? Macché: il Pd è arrivato primo, anche se non ha vinto, mentre di Berlusconi s'è cantata la formidabile rimonta rispetto ai sondaggi!

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -