Mercoledì, 12 Dicembre 2018
RSS Feed
Categoria: cultura

'Il colore della polvere'

Il libro di Massimiliano Campita a Ladispoli

redazione mercoledì 21 novembre 2018
il colore della polvereLADISPOLI - Dopo la splendida conferenza del professor Morpurgo sulla filosofia medievale della settimana scorsa, questa volta ci immergiamo nell'attualità. Parliamo di Somalia, di missioni italiane in quel martoriato paese, dei nostri uomini migliori che affrontano questi scenari di guerra (che chiamiamo peace keeping, enduring freedom, restore hope ecc).

Khak è la parola persiana che significa polvere. Quella polvere che si solleva ogni volta che una scheggia di male si conficca nella carne innocente di un civile in Somalia, per poi ricadere sulla divisa di un militare italiano in missione. Khaki, come il colore della polvere. Dopo la fuga e la morte del dittatore Siad Barre, che si lasciava alle spalle oltre 50.000 morti civili, la Somalia è dilaniata dalla guerra civile, che in realtà è una guerra tribale, sostenuta (cosi' come lo era stato Barre) dai governi stranieri. Il 2 luglio 1993 muoiono i primi 3 militari italiani nell'imboscata al Checkpoint Pasta e il paese è nel caos.

Un altro militare italiano, mimetizzato nella polvere, deve portare a termine la sua missione contro i signori della guerra che devastano il paese. Il suo elicottero viene colpito, lui ferito. Ad un certo punto, una donna e una bambina irrompono nella sua vita: un colpo di vento che parrebbe far ritornare sopra le loro teste uno spicchio di cielo, ma con esso, la paura di non essere piu' nascosti.

Massimiliano Campita, portando la passione e il ricordo di chi ha vissuto gli eventi in ogni parola, con crudele lucidità dalla prima all'ultima pagina ci conduce nel durante e nel dopo. Perché c'è un dopo per le famiglie di chi non torna ma c'è un dopo anche per gli uomini che dopo aver visto tanto orrore tornano ad una vita che potrà mai piu' essere la stessa.

L'autore è nato e vive a Roma. Oggi lavora nella cyber security, ma è stato Ufficiale dell' Esercito Italiano nell'Artiglieria Contraerei, specializzazione missili. Pilota e Consigliere Giuridico delle Forze Armate (quello che gli americani chiamano JAG). Oggi è un ufficiale soggetto a richiamo nel Corpo Militare Speciale dell'Esercito. Il colore della polvere è il suo primo romanzo. Un tuffo nell'abisso, il racconto di un' esperienza che ti segna per sempre, che porti dentro per sempre.

Il racconto di uomini invisibili (ufficialmente siamo un paese in pace da 70 anni), che una volta rientrati non possono neppure indossare la divisa per la festa del 2 giugno, pena il carcere. Missioni che "non hanno mai avuto luogo", dove politica, servizi segreti, interessi economici e traffici internazionali creano mix esplosivi in paesi appesi sul baratro, tra dittature sanguinarie, ingovernabilità e guerra civile.

E i nostri uomini migliori nel mezzo. A cercare spiragli, relazioni accettabili, perché solo se ci credi puoi pensare di lasciare una vita agiata e tranquilla e perderti in quell' inferno che in Africa ha il colore accecante del sole a picco, del caldo infuocato e della polvere. Quella polvere dove l'umanità non ha piu' parvenza umana, dove non esiste piu' pietà, dove bambini-soldato armati di mitra vengono arruolati da miliziani che dopo aver sparato ridono... Ridono forse per l'adrenalina dell'essere ancora vivi, per oggi, per qualche ora. In quegli anni i conflitti non erano ancora religiosi. Ma l'orrore è lo stesso.



Massimiliano Campita "Il Colore della Polvere" (ed. L'Erudita)

Venerdì 23 novembre ore 19

Caffetteria dell'Hotel Villa Margherita – Viale Duca degli Abruzzi 143 Ladispoli
 

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -