Giovedì, 18 Ottobre 2018
RSS Feed

Il Buongustaio

Categoria: Il Buongustaio

Sommelier dell'olio e.v.o.

Suaviter presenta il secondo "Mini corso"

redazione martedì 3 marzo 2015
OLIOBRACCIANO - Nel rispetto dell'impegno assunto nell'ambito della valorizzazione, promozione e corretta informazione riguardo l'acquisto e l'uso dei prodotti agroalimentari locali e nazionali, SUAVITER Costruiamo Futuro per Domenica 8 Marzo propone:

dalle 18:00, presso la meravigliosa location dell'Agriturismo Tra Lago e Cielo, a Bracciano in Via della Lobbra 1b, una serata speciale aperta a tutti! Uomini e donne, curiosi e amanti del gusto e del divertimento!

Il Secondo incontro del "Mini corso di Sommelier dell'olio extra vergine di oliva"

Saremo condotti nel racconto e nell'"assaggio" della storia, delle tradizioni e del gusto e dei profumi dell'olio extra vergine di oliva dall'esperta, simpatica guida della dott.ssa Maria Velardi, componente del Comitato Scientifico della "Fondazione Dieta Mediterranea ONLUS" e Sommelier dell'olio extra vergine di oliva, ideatrice del progetto, coadiuvata dalla dott.ssa Marica Mamone, dietista, e dal dott. Angelo Correnti, agronomo. La serata, inoltre, sarà ulteriormente allietata dall'esplosiva simpatia di Teresa Polimei che interpreterà un monologo divertente ed intenso, profondo e toccante, accompagnata dalla chitarra classica di Mario Albanesi.

Il costo di partecipazione all'evento è di 18€, 15€ per i soci di SUAVITER Costruiamo Futuro. Info e prenotazioni entro il 5/3 al 3338925441 o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Share on Facebook
Categoria: Il Buongustaio

Coniglio alla cacciatora

Luigi presenta la ricetta di sua nonna

redazione martedì 13 gennaio 2015
coniglio alla cacciatoraSul coniglio alla cacciatora, Luigi, trevignanese doc appassionato di cucina, dice di saperla lunga. "E' un piatto romano molto semplice - scrive nella sua mail - ma se preparato bene può dare grande soddisfazioni. A me lo insegnò mia nonna e della sua ricetta non ho cambiato una viirgola, chi lo ha mangiato è rimasto sempre soddisfatto". 
Questa la sua ricetta.





Ingredienti:

1 coniglio
1 bicchiere di aceto di vino bianco 
1 bicchiere di vino bianco
5 peperoni sotto aceto
aglio
spezie (maggiorana, rosmarino, timo, salvia)
qualche oliva taggiasca
qualche pomodorino
olio
pepe
sale


Procedura:
Disponete il coniglio tagliato a pezzi a marinare in un recipiente con due o tre spicchi d'aglio, l'aceto, il sale e le erbe aromatiche. Lasciatelo per circa tre ore e ricordate di girarlo ogni tanto. Passate le tre ore prendete il coniglio e mettetelo un paio di minuti a rosolarare in una padella girandolo più volte, quindi aggiungete le erbe aromatiche e un paio di spicchi l'aglio. L'aglio, l'aceto e le erbe usate per marinare buttateli.

Ponete a rosolare la carne per qualche minuto unendo un filo l'olio. Fate sfumare con uno spruzzo d'aceto, poi versate i peperoni sotto aceto che avrete tagliati a julienne e aggiungete anche i pomodorini, le olive taggiasche e salate e pepate secondo i vostri gusti. 

Aggiungete il bicchiere di vino bianco, coprite con il coperchio e lasciate cuocere a fuoco lento per tre quarti d'ora circa. Se la carne dovesse attaccarsi, aggiungete unmestolo di brodo.

Share on Facebook
Categoria: Il Buongustaio

Baccalà al pomodoro fresco

Antonella: "A Natale non può mancare"

redazione giovedì 18 dicembre 2014
baccalà pomodoro frescoA Natale non il baccalà non può mancare. Cucinatelo come volete: 'in guazzetto' come piaceva a Trilussa o fritto secondo la tradizione romana, ma fate in modo che sia sulla vostra tavola. Un suggerimento su come cucinarlo bene con i pomodori freschi, ci arriva da Antonella che da Cesano ci invia questa facile ricetta.

Ingredienti:

1 kg di baccalà
500 g di pomodori freschi
150 g di olive
30 g di capperi
1 dl olio extravergine d'oliva
prezzemolo tritato q.b.
un pizzico di origano
sale e pepe q.b.

Preparazione:

"Il baccalà va lavato bene e tagliato in piccole parti - dice Antonella - quindi passatelo nella farina e poi friggetelo nell'olio di oliva. Ponetelo su carta da cucina perassorbire l'olio in eccesso".

"Successivamente adagiatelo in un tegame da forno e predisponetene un altro dove preparerete un soffritto di aglio che toglierete appena avrà preso colore. Aggiuntete i pomodori e insaporite con il prezzemolo, ma non tutto. Unite le olive e i capperi e lasciate cucinare la salsa per una ventina di minuti. Qunado sarà pronta versatela sul baccalà, poi mette in forno non troppo caldo per un quarto d'ora. Prima di servire spolverate con il prezzemolo rimasto".

Share on Facebook
Categoria: Il Buongustaio

Pappardelle al cinghiale

La ricetta di Marisa da Cerveteri

redazione martedì 18 novembre 2014
pappardelle cinghialeChi ha assaggiato le pappardelle al cinghiale di Marisa, casalinga di Cerveteri che ai fornelli ci sa fare, giura che sono da non perdere. Per la delizia del palato la giriamo volentieri ai nostri lettori. Questa la sua ricetta.


INGREDIENTI PER 4 PERSONE

500 g. di pappardelle
500 g di polpa di cinghiale
200 g di pomodori pelati
5 cucchiai d'olio extravergine d'oliva
1 cipolla
1 costa di sedano
1 carota
1 spicchio d'aglio
2 foglie di alloro
1 bicchiere pieno per 3/4 di vino rosso (secco)
Qualche bacca di ginepro
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
sale
pepe

PREPARAZIONE

Marinate per una notte la polpa di cinghiale nel vino rosso, aggiungendo tutti gli odori: sedano, carota, cipolla, aglio, un paio di foglie d'alloro, un paio di chiodi di garofano, qualche bacca di ginepro schiacciata e alcuni grani di pepe nero.

Il giorno seguente prendete la carne di cinghiale e scolatela, tagliatela a pezzetti e macinatela al tritacarne. Tritate la cipolla e lo spicchio d'aglio e, separatamente il sedano e la carota. In un tegame capiente mettete a rosolare delicatamente nell'olio il trito di cipolla. Appena imbiondisce aggiungete il sedano e la carota, e ravvivate la fiamma per qualche minuto. A questo punto versate la carne di cinghiale tritata e fate rosolare bene mescolando spesso. Appena il tutto inizia ad attaccare al fondo versate il vino in due o tre volte e fate sfumare.

Aggiustate con sale e il pepe e di seguito versate i pelati sminuzzati, aggiungete il concentrato, le foglie di alloro e qualche bacca di ginepro che avrete schiacciato prima. Non dimenticate di mescolare bene, coprite e lasciate cuocere per un paio d'ore. Se occorre aggiungete mezzo ramaiolo di acqua calda.

Lessate le pappardelle in abbondante acqua salata, scolatele e versatele nel tegame con il sugo. Mescolate bene e servitele calde subito. Chi non può farne a meno può aggiungere il parmigiano.

Share on Facebook
Categoria: Il Buongustaio

E' tempo di Castagnaccio

La ricetta di Raffaella

redazione martedì 21 ottobre 2014
castagnaccioDal caldo che fa non si direbbe ma è arrivato l'autunno, tempo di funghi e castagne. E proprio di questo gustosissimo frutto vogliamo indicarvi la ricetta per uno strepitoso castagnaccio che Raffaella ci invia da Anguillara.

Innanzitutto gli ingredienti:

750 ml di acqua
500 g di farina di castagne
100 g di noci
100 g di pinoli
80 g di uvetta
1 manciata di aghi di rosmarino
6 cucchiai di olio extravergine d'oliva
1 pizzico di sale


Preparazione:

"prima di tutto - avverte Raffaella - dovete mettere in ammollo l'uvetta in un recipiente colmo di acqua tiepida per farla riprendere un po'. Fatto questo setacciate la farina in recipiente e aggiungete un pizzico di sale e versateci la farina "spolverandola" per non formare grumi. Fate l'operazione con calma aggiungendo la farina un po' per volta amalgamando l'impasto con una frusta. Continuate fino a formare una pastella morbida".

"Togliete l'uvetta dall'acqua e strizzatela, poi tritate grossolanamente le noci. Tenete da parte una manciata di uvetta, noci e pinoli e aggiungete il resto all'impasto, quindi incorporate gli ingredienti per bene mescolando con un cucchiaio. In una teglia con bordi bassi versate 4 cucchiai d'olio evo e spargetelo sul fondo con le mani. Versate l'impasto nella teglia e spargete sulla superficie l'uvetta, i pinoli, le noci tritate e una manciata di aghi di rosmarino. Bagnate uniformemente il castagnaccio ancora crudo con altri 2 cucchiai di olio evo versati a filo e inseritelo in forno già caldo a 200°C per circa 30 minuti, e comunque non appena la superficie del castagnaccio inizia a creparsi".



Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -