Venerdì, 22 Giugno 2018
RSS Feed

Il Buongustaio

Categoria: Il Buongustaio

Pappardelle al cinghiale

Una bontà che si sposa con il Chianti

Domenico Messina giovedì 28 marzo 2013
pappardelle al cinghialeQuesta volta niente fretta, la prelibatezza che proponiamo ha bisogno di tempo e pazienza: Pappardelle al cinghiale. Perciò, se vogliamo gustare una bontà che a noi italiani riesce così bene, infiliamo la parinnanzi, procuriamoci gli ingredienti giusti e mettiamoci ai fornelli.

Per completare l'opera poi, non potrete fare a meno di abbinare l'ottimo vino che vi suggerisco: un Chianti Colle Aretini " I selvatici".

Sposalizio ideale per il "selvatico" d'eccellenza dei nostri boschi.





4 persone

Pappardelle 400 g

Polpa cinghiale 800 g

1 kg di pomodori pelati

Rosmarino, salvia, aglio, bacche di ginepro

1 carota 1 cipolla 1 gambo di sedano

2 litri di vino rosso e 1 bicchierino di brandy

Olio, sale pepe q.b.

Mettete la carne di cinghiale a marinare - per una notte - nel vino e nel brandy con carota, sedano, cipolla, rosmarino, salvia, aglio e tre bacche di ginepro.

Scolate la carne e tritatela, rosolatela in una casseruola con un po' d'olio d'oliva, quindi unite le verdure della marinata tritate, mescolare, salate, pepate e bagnate con del liquido della marinata.

Lasciate cuocere a fuoco basso per 40 minuti, per poi unire i pomodori pelati e proseguite la cottura per altri 20 minuti. Lessate le pappardelle e condite con il sugo.

Vino consigliato.

Chianti Colli Aretini " I selvatici"

Vino ottenuto da uve sangiovese, canaiolo nero e trebbiano toscano, prodotto in provincia di Arezzo, dal colore rosso rubino vivace, con caratteristico profumo intenso vinoso, talvolta con un sentore fruttato di viola mammola, al palato leggermente tannico, con una nota di sapidità, che ne completa il suo profilo armonico.

Domenico Messina - Sommelier

Share on Facebook
Categoria: Il Buongustaio

Il vero Cacio e pepe

Facile, ma attenti a non sbagliare

redazione martedì 26 marzo 2013
cacio e pepeE' un piatto tra i più semplici della cucina romana: spaghetti cacio e pepe. Ma attenti a non sbagliare. Poche regole per farli come dio comanda: usare sempre spaghetti e non tonnarelli, sedanini o altro; adoperare pecorino romano – insostituibile, così come il pepe nero macinato grosso – non amalgamare MAI sul fuoco.

In un quarto d'ora avremo tutto pronto. Per 4 persone, procuratevi:

400 grammi di spaghetti
200 grammi di pecorino romano grattugiato
pepe nero macinato
olio extravergine d'oliva
sale.

Al Corriere del Lago li prepariamo così:

Iniziamo col cuocere gli spaghetti in acqua salata. Un piccolo (ma ormai risaputo) segreto: versate nell'acqua un cucchiaio di olio di oliva extravergine, ci permetterà di scolare una pasta "fluida" pronta al condimento.

Mentre cuocete la pasta, prendete un recipiente dove condirete gli spaghetti e versateci pepe e pecorino mescolandoli con cura (ma contrariamente a quanto spesso suggerito, non aggiungete acqua adesso).

Scolate (ma non eliminate tutta l'acqua) la pasta al dente nel recipiente la mescolanza di pepe e pecorino che avete preparato prima e condite con cura aggiungendo due mestoli di acqua di cottura affinché il tutto si amalgami bene. Non perdete tempo (sarebbe fatale, freddandosi il formaggio tende a rapprendersi) e servite subito.

Share on Facebook
Categoria: Il Buongustaio

Orecchiette, vongole, broccoli

Un piatto da "Paradiso"

redazione mercoledì 20 marzo 2013
Signora Brescia copyIl mediterraneo offre tanti profumi e sapori, e in questo contesto la Puglia la fa da padrone. Ecco allora una ricetta semplice presentata da Loredana Paradiso, che con il marito Nicola – già ospitato in questa rubrica con la ricetta delle seppie nere ripiene – dispensa un pesce strepitoso ai clienti della loro pescheria.

Una mezzoretta ai fornelli e anche voi potrete preparare un primo piatto di marca pugliese gustoso e originale: Orecchiette con vongole e broccoli. Le vongole devono essere "di mare" pescate, non coltivate anche se veraci.

Preparazione:

Lessate i broccoli e metteteli da parte.

Prendete uno spicchio d'aglio e togliete la camicia, quindi fatelo soffriggere in un tegame aggiungendo del peperoncino secondo i gusti.

Mettete le vongole (che avrete fatto spurgare in acqua e sale) e fatele aprire come fate normalmente (filtrando la loro acqua, ecc.). Successivamente togliete l'aglio, unite i broccoli e mescolate il tutto.

Nel frattempo lessate le orecchiette in abbondante acqua salata – attenzione a non cuocerle troppo, meglio al dente – scolatele e mettetele a insaporire nel tegame con i broccoli e le vongole. Il prezzemolo ci sta bene, tritatelo e cospargetelo, quindi servite in tavola.

Pescheria c/o Supermercato Gros Via della Tenuta di Santa Cecilia, 16 (Pisana) Roma

Share on Facebook
Categoria: Il Buongustaio

Arancini, che passione!

A Montalbano piacevano quelli di Adelina

Redazione mercoledì 13 marzo 2013
aranciniSugli arancini, si sa, c'è una letteratura varia e discordante. Pur essendo un piatto tipico siciliano, troverete ricette diverse a seconda della zona della Trinacria dove vi trovate. A Palermo li troverete diversi da Messina, a Siracusa incontrerete un gusto diverso da Catania.
Camilleri, romanziere geniale che ha inventato il Commissario Montalbano, ne prese spunto per uno degli episodi più famosi della saga: Gli Arancini di Montalbano. Ma la storia del famoso commissario - che andava matto per quelli di Adelina, la cammarera del romanzo - si svolge a Vigàta, paese che esiste soltanto nella fantasia dello scrittore ma che in realtà cela la vera città di origine di Camilleri: Porto Empedocle.

Non sappiamo come vengono preparati gli arancini da quelle parti, ma Rosanna, una nostra lettrice imbattuta per caso sul sito de il Corriere del Lago, ci invia dalla Sicilia questa strepitosa ricetta. Che però - ci ha confessato - le è stata tramandata da Michelina. Tanto per dare a Cesare quel che è di Cesare, e quel che è di Michelina a Michelina. Buon appetito.

Arancini messinesi per 4 persone

1 kg riso
3 uova
100 gr. parmigiano
100 gr. caciocavallo o pecorino
250 gr. passata di pomodoro
150 gr. carne macinata
4 cucchiai di piselli
100 gr. Prosciutto
1 mozzarella
1/2 cipolla
olio, sale, pan grattato q.b.

Fate cuocere il riso in abbondate acqua salata, scolatelo al dente e fatelo riposare. Nel frattempo preparate la farcitura: tagliate finemente la cipolla, fatela rosolare in un tegame in due cucchiai d'olio extra vergine d'oliva. Aggiungete la carne macinata e i piselli e fate cuocere a fuoco alto. Versate la passata di pomodoro, abbassate il fuoco e fate cuocere per altri 20 minuti, fino a che il sugo non sia addensato.

Impastate il riso, ormai freddo, con 4 cucchiai di sugo, le uova, il parmigiano e il caciocavallo.
Prelevate adesso una manciata di riso e formate una pallina della dimensione di una piccola arancia. Fate un buco al centro e metteteci un cucchiaio del ripieno appena preparato, un dado di mozzarella e qualche pezzettino di prosciutto.

Chiudete con un altro po' di riso. Ripetete l'operazione fino a che non finite gli ingredienti. Passate gli arancini di riso nel pan grattato e friggetele in abbondante olio caldo.

Gli arancini sono buoni sia caldi sia freddi.

Share on Facebook
Categoria: Il Buongustaio

Pasta e fagioli e Cerasuolo

Un piatto “povero” ricco di sapori

Domenico Messina - Sommelier mercoledì 6 marzo 2013
pasta e fagioliL'ossimoro del sottotitolo la dice tutta su questa pasta e fagioli presentata da Domenico Messina. Ammettiamolo: il piatto "povero" che fu dei contadini è oggi una delizia per palati fini amanti di sapori antichi. E siccome ogni prelibatezza che si rispetti reclama il suo vino, Messina, per completare l'opera, ci suggerisce la bottiglia giusta a cui tirare il collo.

Perciò, se volete fare centro con il vostro commensale – uomo o donna non importa, Bacco e Cupido vanno d'accordo - seguite le sue istruzioni e coglierete il meritato successo.

Ingredienti per 2 persone

160 g di fagioli borlotti freschi (peso netto)
140 g di pasta corta tipo mezze maniche o ditalini
30 g cipolla
30 g carota
30 g sedano
1 spicchio di aglio
1 rametto di rosmarino
peperoncino cayenna secondo il proprio gusto e... resistenza al piccante!
2 pomodori secchi
olio extravergine di oliva
sale

Preparazione

La pasta e fagioli al peperoncino cayenna è un ottimo primo piatto o piatto unico vegetariano, sostanzioso e saporito, molto adatto alla stagione fredda.

Preparare innanzitutto un trito con la cipolla, la carota, la costa di sedano, i pomodori secchi (sciacquati per eliminare il sale in eccesso), il rosmarino, l'aglio e del peperoncino cayenna secondo il proprio gusto e... resistenza al piccante!

Far soffriggere a fuoco dolce in un cucchiaio di olio extravergine di oliva; quando la cipolla inizierà a diventare trasparente aggiungere i fagioli borlotti freschi sgranati e farli insaporire per qualche istante.

Aggiungere quindi circa mezzo litro d'acqua calda e far sobbollire a fuoco moderato e tegame coperto per circa un'ora e mezza, finché i fagioli non saranno teneri. A questo punto, per aumentare la cremosità della pasta e fagioli, prelevare un mestolo di zuppa e frullarla, quindi rimetterla nel tegame.

Se necessario, aggiungere dell'altra acqua calda e aggiustare di sale, portare ad ebollizione e cuocervi la pasta corta (formato tipo ditalini o mezze maniche).

Quando tutta l'acqua sarà assorbita e la pasta e fagioli avrà la consistenza di una zuppa densa e cremosa, disporre nei piatti e completare con un giro di olio extravergine di oliva a crudo. Servire la pasta e fagioli al peperoncino cayenna di Mondo Piccante ben calda.

Vino in abbinamento:

CERASUOLO DI VITTORIA CLASSICO MANENE
DOCG di PAOLO CALI'

Vitigni: Nero d'Avola e Frappato

Un Cerasuolo che parla di scarlatto, di un colore brillante che si lascia sedurre dalla luce, si presenta dal colore rosso rubino e dai profumi appartenenti principalmente al registro fruttato e floreale, con note di ciliegia, melograno e frutti di bosco espressi con una certa intensità e definizione, a volte affiancati da delicato corredo di spezie e note etere.

Al palato il sorso cavalca le papille con vigoria il riecheggiare dei frutti freschi, è gentilmente tannico e fresco, con una adeguata quota di morbidezza e acidità, molti sapori si fondono con un risultato rotondo, fresco ed equilibrato e per queste caratteristiche sono spesso vini che partono già equilibrati e quindi di facile approccio gustativo.

Domenico Messina - Sommelier



Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -