Giovedì, 26 Aprile 2018
RSS Feed

politica

Categoria: politica

Ladispoli, inviate alla regione richieste danni maltempo

Grando: seguiremo costantemente l'iter

redazione martedì 10 aprile 2018
sindaco alessandro grandoLADISPOLI - "Il Comune di Ladispoli ha inviato ai competenti uffici della Regione Lazio tutta la documentazione presentata dalle aziende agricole che hanno subito gravi danni alle coltivazioni a causa delle nevicata dello scorso febbraio".

L'annuncio è del sindaco Alessandro Grando che ha seguito personalmente l'iter della consegna dei documenti che attestano la distruzione provocata dalle forte ondata di gelo a 19 agricoltori del territorio di Ladispoli.

"Garantiamo agli agricoltori locali – prosegue Grando – che l'amministrazione comunale seguirà costantemente l'iter delle pratiche per ottenere i risarcimenti. La nevicata e le successive gelate hanno inferto profonde ferite alle coltivazioni di ortaggi e frutta, siamo certi che la Regione Lazio non lascerà da sole le aziende agricole del territorio di Ladispoli".

Share on Facebook
Categoria: politica

Ascani: il M5S discrimina i lavoratori Centro per l'Impiego

I dipendenti esclusi da salario accessorio

redazione martedì 10 aprile 2018
palazzo valentiniROMA - Dal capogruppo de "Le Città della Metropoli" alla Città Metropolitana di Roma, Federico Ascani, riceviamo e pubblichiamo.

"Incomprensibile e inaccettabile - afferma Ascani - quanto accaduto nella Città metropolitana di Roma Capitale per conto dell'attuale Amministrazione pentastellata che ha corrisposto i residui del trattamento accessorio incentivante dell'anno 2017 a tutti i dipendenti dell'Ente escludendo di fatto i dipendenti occupati presso i Centri per l'Impiego".

"Questa palese disparità di trattamento - evidenzia il capogruppo - non può essere giustificata se non nell'ottica di una visione distorta e discriminatoria di una Amministrazione che alimenta malessere e mortificazione dei diritti per la gran parte del personale dipendente ovvero nella mancanza di considerazione delle tante lavoratrici e dei tanti lavoratori dell'Ente quali vero e indispensabile motore di questa come di ogni macchina amministrativa".

"Uno stato di malessere diffuso tra i dipendenti alimentato anche dai comportamenti adottati su temi e argomenti che impongono il confronto e la massima condivisione come emerso da diversi comunicati diffusi da note organizzazioni sindacali presenti nell'Ente - sottolinea Ascani - si conferma dunque l'incompetenza e la grave carenza di democrazia e rispetto della dignità e dei diritti di chi lavora, nello specifico dei dipendenti dei Centri per l'impiego che nonostante oggi vivano una delicata situazione di transizione e di difficoltà con spirito di abnegazione e sacrificio, garantiscono servizi di fondamentale rilevanza per tutti i cittadini dell'area metropolitana di Roma".

"Nel manifestare piena e totale solidarietà ai dipendenti così discriminati - conclude l'esponente alla Città Metropoltana di Roma -  chiediamo l'immediato ripristino della imprescindibile parità di trattamento e del rispetto della dignità di chi lavora, anche di chi presta la propria attività presso i Centri per l'Impiego della Città metropolitana di Roma Capitale".

Share on Facebook
Categoria: politica

Pascucci incontra manzella

Affrontate questioni legate al mare

redazione mercoledì 4 aprile 2018
pascucci -manzellaCERVETERI - "Stamattina in Regione Lazio ho incontrato Gian Paolo Manzella, neo assessore allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Start-Up e Innovazione della Giunta Zingaretti. Abbiamo parlato di tutte le possibili aree di intervento delle sue deleghe e in particolare abbiamo approfondito le complesse questioni legate al mare e le possibili soluzioni per affrontarle".

Lo ha detto Alessio Pascucci, Sindaco di Cerveteri di ritorno dalla sede regionale di Via Rosa Raimondi Garibaldi a Roma.

"Anche in questo suo secondo mandato la Giunta regionale di Nicola Zingaretti ci ha immediatamente rinnovato la sua disponibilità e la sua attenzione ai temi legati alla nostra città – ha detto il Sindaco Alessio Pascucci - ringrazio l'Assessore Manzella per la grande disponibilità nel ricevere le istanze del nostro territorio e gli faccio i miei migliori auguri di buon lavoro".

Share on Facebook
Categoria: politica

Anguillara, Manciuria:servizi a cittadini non sono derogabili

In merito a sospensione Servizio Condono Edilizio

redazione mercoledì 4 aprile 2018
sergio 2  copyANGUILLARA - "Alla guida della Città di Anguillara sono trascorsi venti mesi dall'avvento della "nuova politica" che nel 2016 sbandierava e si fregiava del primato su valori come onestà, trasparenza e partecipazione prontamente sacrificati alla luce di una conclamata incapacità gestionale e arroganza nei rapporti con i cittadini. Gli slogan sono un ricordo del passato ma purtroppo rimangono di attualità le carenze e i disservizi offerti ai cittadini come l'acqua potabile, la manutenzione delle strade e la raccolta differenziata".

Commenta così il Presidente di AnguillaraSvolta Sergio Manciuria, la raccolta firme di tecnici e privati cittadini residenti, a seguito della sospensione del Servizio Condono Edilizio per la riorganizzazione interna che salvo proroghe in zona cesarini, verrà nuovamente gestita in house a far data dal 20 aprile 2018.

"Si tratta – spiega Manciuria – di una scelta improvvisata ed una soluzione ampiamente insufficiente senza un adeguato potenziamento dell'Ufficio Tecnico ad evadere e dare risposte nell'immediato alle centinaia di utenti che si avviavano a ritirare i provvedimenti di sanatoria dopo anni di oblio e lettere di pagamento degli oneri concessori".

"I servizi ai cittadini – continua il presidente di AnguillaraSvolta - non possono essere sospesi al limite del codice penale e senza un giustificato motivo stante la conoscenza dell'imminente scadenza del 29 marzo scorso, bensì si programmano e si risolvono nell'interesse della collettività nelle more di un nuovo bando come avvenuto di recente per il servizio di manutenzione del verde".

"L'auspicio per evitare contenziosi milionari - ammonisce e conclude Manciuria - è che la "Diversamente Amministrazione" si ravveda e conceda una proroga sino ad avvenuta composizione del nuovo gestore. Rimane comunque una riflessione sostanziale al netto dei valori sbandierati: il cambiamento invocato dai cittadini non può limitarsi alla sostituzione di un soggetto politico con un altro nuovo nelle parole ma vecchio nei fatti e metodi, piuttosto deve conciliare il verbo con la sostanza elemento sempre più raro nel comprensorio sabatino".

Share on Facebook
Categoria: politica

Ladispoli,minacce non fermano sgomberi case popolari

Cordeschi e Fiorenza: non ci fermeremo

redazione martedì 3 aprile 2018
Cordeschi e FiorenzaLADISPOLI - "Come avevamo preannunciato, è stato effettuato un nuovo sgombero alle case popolari di largo Livatino a Ladispoli".

Con queste parole l'assessore alle politiche sociali Lucia Cordeschi ha annunciato che, insieme al presidente della commissione consiliare alla sanità, Marco Fiorenza, proseguono i controlli di quegli appartamenti dell'Ater in largo Livatino, via Sorrento e viale America che risultano occupati abusivamente.

"In pochi mesi – prosegue l'assessore Cordeschi – è emerso uno scenario inquietante, sarebbero oltre il 30% gli inquilini che hanno preso illegittimamente possesso delle case popolari, adoperandole come seconde case o sub affittandole a costi elevati. Tutte queste persone saranno denunciate dall'Ater all'autorità giudiziaria. Invitiamo per l'ultima volta gli occupanti abusivi a consegnare le chiavi all'assessorato alle politiche sociali per evitare di incorrere nel procedimento penale. Ribadiamo che è intenzione dell'amministrazione comunale controllare sia la documentazione che l'effettiva presenza dei legittimi assegnatari negli appartamenti di proprietà dell'Ater. Il comune deve sapere esattamente chi abita negli alloggi dei tre complessi, sono momenti particolari, non possiamo permetterci di non conoscere il nome di chi abita nella nostra città per comunicarlo tempestivamente alle forze dell'ordine. Naturalmente tutti gli inquilini che abitano legittimamente nelle case popolari di Ladispoli non avranno nulla da temere da questi controlli".

In questi giorni l'iniziativa dell'amministrazione ha suscitato anche reazioni scomposte. Con tanto di telefonate anonime dai toni intimidatori.

"Sia chiaro – spiega il consigliere comunale Marco Fiorenza – che non saranno le minacce e le intimidazioni anonime arrivate in questi giorni al sottoscritto a bloccare l'opera di ripristino della legalità alle case popolari di Ladispoli avviata dall'amministrazione comunale del sindaco Grando. Alle loro minacce risponderemo con l'intensificazione dei controlli e degli sgomberi di chi ha preso possesso illegittimamente di una casa altrui".

"Davanti a questo lavoro che l'amministrazione sta svolgendo dopo anni di abbandono – conclude l'assessore Cordeschi – ora siano i cittadini a giudicare chi è fuori controllo e chi fa come gli pare. Le parole, specie quelle sui social, le porta via il vento".

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -