Martedì, 17 Settembre 2019
RSS Feed

politica

Categoria: politica

Legge contro violenza donne

Riprende oggi dibattito alla Pisana

redazione mercoledì 5 marzo 2014
ingresso consiglio regionaleLAZIO - Riprende oggi alle 11 in Consiglio regionale, il cammino della proposta di legge per contrastare la violenza contro le donne, di cui è  primo firmatario il consigliere Simone Lupi (Pd).

Ieri, al termine di una lunga seduta presieduta dal vicepresidente Francesco Storace (LD) e caratterizzata da diverse interruzioni, il vicepresidente di turno Massimiliano Valeriani (Pd) ha aggiornato i lavori a questa mattina.

Nel corso della seduta si è ampiamente dibattuto sull'articolo 1, che enuncia principi, oggetto e finalità della normativa. Accolti dall'Aula due emendamenti, uno della consigliera Olimpia Tarzia (Lista Storace) e uno della Giunta. In Aula era presente l'assessore regionale alle Politiche sociali e sport Rita Visini.

Share on Facebook
Categoria: politica

Laura Figorilli alla Asl Rieti

Via libera a nomina Direttore Generale

redazione giovedì 27 febbraio 2014
usl rietiLAZIO - Via libera dalla Commissione regionale Politiche sociali e salute, presieduta da Rodolfo Lena (Pd), allo schema di decreto del Presidente della Regione Lazio n. 15/VII, che dispone la "Nomina del Direttore generale dell'Azienda USL di Rieti", della dott.ssa Laura Figorilli.

Nata a Rieti il 25 ottobre del 1964 e laureata in Scienze politiche all'Università degli studi "La Sapienza" di Roma, la dottoressa Figorilli rivestiva attualmente l'incarico di Direttore amministrativo aziendale dell'Azienda USL 4 di Teramo.

Share on Facebook
Categoria: politica

Sì a Internazionalizzazione

Approvato il programma d'intervento

redazione giovedì 27 febbraio 2014
sala mechelliLAZIO - Per il 2014 sono stati stanziati dalla Regione 11,4 milioni per l'internazionalizzazione del sistema produttivo del Lazio. E oggi pomeriggio la commissione attività produttive del Consiglio regionale, presieduta da Mario Ciarla (Pd), si è espressa con un parere favorevole all'unanimità, con osservazioni, allo schema di deliberazione con il quale la Giunta definirà le linee guida delle politiche regionali e il programma d'interventi per l'anno in corso. I consiglieri, sempre nel corso della seduta, hanno designato Ciarla nel Comitato permanente per l'Internazionalizzazione con funzioni di vicepresidente.

Ad illustrare i contenuti del documento, l'assessore Guido Fabiani. Dieci le aree produttive coinvolte: aerospazio, agroalimentare, arredo design, auto motive, bioscienze, economia del mare, Ict, industria culturale, restauro e tecnologia delle costruzioni e sistema moda. Per il 'sostegno dei progetti di internazionalizzazione' saranno impiegati 5,5 degli oltre 11 milioni previsti. Saranno cofinanziati progetti promossi dal sistema imprenditoriale e previsti voucher per i servizi all'internazionalizzazione.

Altri 5,4 milioni di euro sono invece destinati ai 'progetti a regia regionale'. L'elenco è esteso: da quelli "integrati per Mediterraneo e Americhe" alle "Diplomazie economiche: Mediterraneo allargato, Russia, Estremo Oriente", dalla promozione dell'artigianato artistico ed enogastronomico ai progetti interregionali: Africa Subsahariana, Cina, Russia ed Emirati Arabi Uniti. Approvata all'unanimità un'osservazione - a firma di Ciarla e Mario Abbruzzese (Pdl - Forza Italia) - che chiede l'inserimento nel novero dei Paesi anche il Kazakhstan, sede dell'Expò universale 2017, specie per il settore delle energie alternative.

Altri interventi sono programmati per supporto ai percorsi di export management, per l'anno del turismo Italia-Russia, per la partecipazione e fiere internazionali e progetti Expo 2015, per il Festival internazionale startup e per l'accordo di collaborazione con la Fiera di Roma. Cinquencentomila euro saranno infine destinati alla 'governance di sistema', che la Regione intende riorganizzare strutturalmente. Valutazioni positive sul documento sono state espresse da Oscar Tortosa (Psi), Abruzzese e Ciarla.

Share on Facebook
Categoria: politica

Centrale rispetti i limiti

Regione: "Si usi carbone con zolfo a 0,3%"

redazione mercoledì 26 febbraio 2014
centrale-civitavecchia copyLAZIO - L'assemblea della Pisana ha approvato all'unanimità una mozione che impegna la giunta a mettere in campo tutte le azioni necessarie affinché il carbone utilizzato come combustibile nella centrale elettrica di Torre Valdaliga Nord di Civitavecchia rispetti i limiti previsti dal Piano di risanamento della qualità dell'aria della Regione Lazio.

Nella mozione, firmata dai consiglieri Devid Porrello e Silvia Blasi (M5S), si fa presente che nell'Autorizzazione integrata ambientale (Aia) rilasciata dal ministero è previsto l'utilizzo di carbone con contenuto di zolfo inferiore all'1 per cento, mentre il piano regionale prevede un limite dello 0,3 per cento.

"Non esistono motivi – si legge nella mozione – per non applicare il limite dello 0,3 per cento", visto che il carbone con queste caratteristiche "è disponibile sul mercato e il suo utilizzo è certamente praticabile".

"Questa zona – ha ricordato Porrello – subisce già un forte impatto ambientale, ci sono due impianti di produzione di energia elettrica, di cui uno a carbone, e in più c'è il porto di Civitavecchia. Acea, nei suoi impianti, rispetta le norme regionali, non si capisce perché Enel non debba fare lo stesso. Oggi chiediamo alla Giunta di fare chiarezza una volta per tutte".

"Il Piano della Regione Lazio – ha spiegato l'assessore Concettina Ciminiello – non ha cogenza sugli impianti autorizzati a livello nazionale, come la centrale di Torre Valdaliga Nord, ma soltanto su quelli sottoposti ad autorizzazione provinciale, con potenza inferiore a 300 megawatt termici. Ma le misure contenute nel Piano servono a raggiungere gli obiettivi previsti dalla legge per quanto riguarda la qualità dell'aria e quindi le Aia rilasciate dal ministero ne devono tenere conto.

La giunta si impegna a chiedere tutta la documentazione tecnica al proprietario dell'impianto e a chiedere al ministero dell'Ambiente tutte le informazioni necessarie sull'eventuale impossibilità di un utilizzo di carbone con contenuto di zolfo inferiore al 3 per cento".

Share on Facebook
Categoria: politica

No a Centro nbc Civitavecchia

Consiglio regionale approva mozione unanime

redazione mercoledì 26 febbraio 2014
ingresso consiglio regionaleLAZIO - Il Consiglio regionale  ha approvato all'unanimità una mozione che impegna la giunta ad attivarsi "contro ogni ipotesi di incenerimento di qualsiasi rifiuto" nel Centro tecnico logistico interforze Nbc di Santa Lucia di Civitavecchia, "a maggior ragione se si tratta di rifiuti chimici, siano essi armi, aggressivi, manufatti o sostanze chimiche".

La mozione, presentata dai consiglieri Gino De Paolis (Sel) e Marco Vincenzi (Pd), parte da uno studio in avanzato stato di attuazione che si sta svolgendo proprio nel Centro. Secondo i presentatori "la tecnologia sperimentata si basa su un processo di ossidazione termica in luogo dell'ossidazione chimica" che viene utilizzata attualmente con "ottimi risultati – ha spiegato De Paolis – anche dal punto di vista ambientale". E tutto questo avviene in una zona "già fortemente compromessa". Per questo si chiede l'impegno della giunta contro la realizzazione "di un impianto di ossidazione termica che in pratica è un vero e proprio inceneritore".

"La Giunta regionale – ha dichiarato l'assessore Concettina Ciminiello – non ha competenze in materia, ma comprendiamo le preoccupazioni delle popolazioni della zona. Per questo chiederemo al ministero della Difesa l'istituzione di un tavolo di lavoro comune per verificare le procedure di smaltimento dei residui bellici".
In apertura della seduta il presidente Daniele Leodori (Pd) ha ricordato Gianni Borgna, consigliere regionale dal 1975 all'85, deceduto la settimana scorsa.

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -