Lunedì, 16 Settembre 2019
RSS Feed

politica

Categoria: politica

Così cambierà Laziodisu

Smeriglio: Presto nuova Agenzia regionale

redazione martedì 11 febbraio 2014
sala mechelliLAZIO - L'assessore alla Formazione, ricerca, scuola e università Massimiliano Smeriglio ha illustrato ieri pomeriggio alla commissione V, presieduta da Eugenio Patanè (Pd), le linee generali del percorso di trasformazione di Laziodisu (Ente per il diritto agli studi universitari nel Lazio) nella nuova Agenzia regionale per il Diritto alla Conoscenza (Di.Co).
Si tratta di un passaggio preliminare rispetto alla presentazione della vera e propria proposta di legge, che dovrebbe avvenire entro i prossimi sessanta giorni.

Secondo quanto riferito da Smeriglio, la trasformazione segnerà un cambio di passo della gestione del sistema del diritto allo studio verso una visione "sistemica" e integrata di presa in carico e sostegno dell'individuo nel percorso formativo. Cambio di passo da attuarsi, innanzitutto, attraverso una semplificazione del modello di governance, riassumendo in un'unica figura centrale prerogative attualmente suddivise e frastagliate e trasformando le attuali cinque Adisu in presidi territoriali o tematici.

I tradizionali servizi erogati dall'ente (mense e case dello studente in primis), inoltre, saranno accompagnati da strumenti più articolati, come quello del 'vaucher per l'abitare' in quartieri adiacenti le Università. Smeriglio ha poi sottolineato che "nella programmazione europea 2014-2020 c'è l'opportunità di voltare pagina e segnare in maniera decisiva la storia del diritto allo studio della nostra regione, per questo bisogna costruire un volano con caratteristiche diverse, immaginando la struttura come ente attuatore del Fondo Sociale Europeo".

Share on Facebook
Categoria: politica

Fondi a legge contro violenza

Un milione di euro a decorrere dal 2015

redazione lunedì 10 febbraio 2014
violenza donneLAZIO-  La commissione regionale Bilancio ha dato via libera al finanziamento di un milione di euro per la legge contro la violenza alle donne. Il parere favorevole alla norma finanziaria che, così come è stata emendata nel corso della seduta dall'assessore Sartore, prevede che lo stanziamento andrà "a decorrere dall'esercizio 2015", e confluirà in apposito fondo denominato "Fondo per il contrasto alla violenza contro le donne" e la possibilità di attingere in futuro ai fondi comunitari della programmazione 2014-2020, "previa verifica della coerenza con le linee di intervento in essi previste".

Qualora la legge dovesse entrare in vigore nel 2014, l'assessore Sartore ha assicurato che sarà sua cura anticipare parte dello stanziamento con un emendamento d'Aula.

Approvato anche lo schema di deliberazione di Giunta n. 31 del 29 gennaio 2014, contenente il cronoprogramma e le modalità operative per il trasferimento a Sviluppo Lazio SpA dei fondi speciali affidati in gestione alle società Unionfidi Lazio SpA e Banca Impresa Lazio SpA. Si tratta di un ulteriore passaggio nell'attuazione del piano di riordino delle società regionali operanti nel settore dello sviluppo economico e imprenditoriale del Lazio.

Share on Facebook
Categoria: politica

Manziana ricorda Foibe

Manifesto e annuncio su sito istituzionale

redazione lunedì 10 febbraio 2014
manziana ricordo foibeMANZIANA - In occasione del "Giorno del Ricordo", la ricorrenza che il 10 febbraio di ogni anno celebra i Martiri delle Foibe, il Sindaco e l'Amministrazione comunale ricordano l'eccidio pubblicando sul proprio sito istituzionale un manifesto accompagnato da un breve messaggio:

Una giornata per non dimenticare il massacro delle foibe

Ricorre oggi la Giornata del Ricordo: una solennità nazionale, istituita con la legge 92/2004, che viene celebrata il 10 febbraio di ogni anno per commemorare le vittime dei massacri delle foibe e dell'esodo giuliano-dalmata.

Di seguito un estratto della legge: «La Repubblica riconosce il 10 febbraio quale "Giorno del ricordo" al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale. » (legge 30 marzo 2004 n. 92)

Share on Facebook
Categoria: politica

Garante Rifugiati, primi passi

Proposta ora passa in Commissione Bilancio

redazione giovedì 6 febbraio 2014
sala mechelliLAZIO - La commissione Politiche sociali e Salute, presieduta da Rodolfo Lena (Pd), ha terminato l'esame dell'articolato della proposta di legge n.87, di iniziativa della Giunta, mediante la quale si intende istituire nel Lazio il "Garante dei diritti dei rifugiati e delle persone bisognose di protezione internazionale o umanitaria".

Si tratta di una figura di supporto alle attività regionali di prima accoglienza, che non avrà alcun budget economico a disposizione, se non il supporto logistico degli uffici e la facoltà di visitare i centri di accoglienza, vigilando sull'applicazione e l'attuazione delle normative e delle convenzioni internazionali, nonché sulle attività delle strutture ricettive dedicate ai profughi, promuovendo la realizzazione dei progetti territoriali finalizzati a garantire servizi sociosanitari, di inserimento lavorativo e tutela legale.

La proposta di legge, composta da 8 articoli di cui 7 approvati oggi all'unanimità, passa ora al vaglio della commissione Bilancio per l'esame delle disposizioni finanziarie.

Nel corso dell'esame del testo in Commissione sono passati all'unanimità 11 emendamenti - alcuni a firma del presidente Lena, altri del consigliere Devid Porrello (M5S) - tesi ad allargare la platea dei destinatari dell'azione del Garante e a rendere più trasparente e capillare l'attività di informazione e rendicontazione delle iniziative intraprese.

"La condivisione degli emendamenti - ha commentato Lena - dimostra ancora una volta che, di fronte ad argomenti di grande rilevanza, la buona politica sa sempre trovare la giusta sintesi per favorire il miglior percorso possibile a tutela dei più deboli. Inoltre - aggiunge il presidente - la Regione Lazio sarà la prima in Italia a istituire per legge una figura di riferimento per la difesa di tutte le persone che fuggono ogni giorno da miseria, fame e violenze di ogni tipo. E questo grazie al lavoro congiunto di tutti i gruppi consiliari".

Il Garante sarà nominato dal presidente della Regione (previo parere obbligatorio della commissione Politiche sociali), scelto tra persone che dispongono di particolare competenza nel settore della tutela dei diritti dei rifugiati e della protezione internazionale.

Share on Facebook
Categoria: politica

Protezione Civile, si prosegue

Approvati 16 articoli su 39

redazione giovedì 6 febbraio 2014
ingresso consiglio regionaleLAZIO - Proseguono i lavori nell'Aula del Consiglio regionale del Lazio sulla proposta di legge regionale n. 42, concernente: "Sistema integrato regionale di Protezione Civile. Istituzione dell'Agenzia regionale di Protezione Civile".

Approvati finora sedici articoli dei trentanove dell'articolato. Sono stati ritirati, durante la discussione, la maggior parte degli oltre 1.200 emendamenti alla proposta di legge.

Gli articoli approvati riguardano: Oggetto e finalità (art.1); Tipologia di eventi calamitosi e ambiti di intervento istituzionale (art.2); Attività di protezione civile (art.3); Componenti del Sistema integrato regionale (art.4); Funzione e compiti della Regione (art.5); Funzioni e compiti delle province (art.6); Funzioni e compiti dei comuni (art.7); Funzioni e compiti del Sindaco (art.8); Funzioni e compiti di Roma capitale (art.9); Organizzazione del volontariato di protezione civile (art.10); Consulta regionale delle organizzazioni di volontariato di protezione civile (art.11); Misure contributive a favore del volontariato di protezione civile (art.12); Programma regionale di previsione e prevenzione in materia di protezione civile (art.13); Procedure per l'adozione del Programma regionale (art. 14); Stato di calamità e stato di emergenza nel territorio regionale. Competenze del Presidente della Regione (art.15); Interventi per il superamento dell'emergenza (art.16).

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -