Venerdì, 18 Settembre 2020
RSS Feed

politica

Categoria: politica

Tutelare lavoratori e pazienti

De Paolis (Sel) su Unisan ex Ri.Rei

redazione sabato 9 novembre 2013
DE PAOLIS GINOLAZIO - "Una storia ormai lunghissima quella della Ri.Rei, poi Unisan, fatta di consorzi che subentrano ad altri per la gestione di centri residenziali, semiresidenziali e di riabilitazione, che interessano l'intera Regione e anche il nostro territorio. Ma una storia anche di cassaintegrazione per tanti lavoratori a partire dal 2010 con una serie di altre procedure aperte del corso degli anni. Una costatazione su tutte va fatta riguardo il servizio offerto e le condizioni di lavoro degli operatori: nel corso degli anni, lo snellimento del personale impiegato avrebbe portato ad un sostanziale peggioramento anche del servizio offerto".

Lo afferma il Capogruppo di Sel in Consiglio regionale Gino De Paolis.

"A detta dei lavoratori, che ho più volte incontrato nel corso degli anni, non ultimo un paio di settimane fa alla Pisana – spiega De Paolis - hanno manifestato la difficoltà oggettiva a sostenere una tale situazione: sembrerebbe infatti evidente la negazione dei diritti contrattuali, pagamento in ritardo degli stipendi, mancato rispetto degli accordi presi con la prima Cigs (ovvero il reinserimento di coloro che si fossero riqualificati come operatori sanitari), ma anche e soprattutto una condizione assai peggiorata dell'accoglienza. Un danno gravissimo per chi già ha bisogno di cure e per chi, con lavoro appassionato e zelante, porta aventi con fatica il proprio impegno".

"A questo – sottolinea il capogruppo di Sel - si aggiungono una serie di ispezioni della Asl RM/D che hanno riscontrato gravi inadempienze da parte del consorzio UNISAN, diffidandolo a rimuovere gli inconvenienti entro 30 giorni dalla data di recezione della comunicazione, che era il 5 agosto 2013".

"Come Sinistra Ecologia Libertà siamo convinti del fatto che i riflettori debbano restare accesi su questa vicenda, e consideriamo molto positiva l'interrogazione del M5S in Regione che si unisce a quella presentata già da SEL il 30 ottobre scorso. Aspettiamo dalla Regione una risposta e un passo decisivo", conclude De Paolis.

Share on Facebook
Categoria: politica

bRACCIANO, CONSIGLIO IL 12/11

All'odg anche nomina A.U. Bracciano Ambiente

redazione giovedì 7 novembre 2013
Bracciano Municipo PoliticaBRACCIANO - Convocato il Consiglio comunale di Bracciano per il 12 novembre 2013 alle ore 18:30.

Questo l'ordine del giorno:

1. Art. 11 dello Statuto Comunale - Integrazione albo comunale delle Associazioni Iscrizioni Ass.ne Internazionale Educazione Cinofila e Cani Sociali A.S.D. onlus e Ass.ne Forma Mentis Cancellazione A.S.D. Beachteam.Net

2. Affidamento del servizio pubblico di distribuzione del gas naturale ambito Roma 2. individuazione della stazione appaltante nel comune di Civitavecchia e delega delle connesse funzioni ai sensi dell'art. 2, D.M. n. 226.2011. approvazione dello schema di convenzione ex art. 30, d.lgs. n. 267.2000

3. Approvazione nuovo regolamento Museo Civico

4. Approvazione regolamento per la pubblicità e trasparenza della situazione reddituale e patrimoniale dei titolari di cariche elettive e di governo del comune di Bracciano

5. Approvazione nuova perimetrazione "Conca del Lago" della zona F2 del Piano Regolatore Generale.

6. Modificazioni e/o integrazioni Statuto Comunale. Riapprovazione nuovo testo.

7. Organo Amministrativo Bracciano Ambiente S.p.A. - Modifica organismo societario - Nomina amministratore unico.

8. Mozione sulla situazione della Bracciano Ambiente S.p.A. e della discarica di Cupinoro

9. Costituzione Gruppo Consiliare Popolo della Libertà

Share on Facebook
Categoria: politica

Riassorbire gli ex Alitalia

Impegno bipartisan in Pisana

redazione mercoledì 6 novembre 2013
ingresso consiglio regionaleLAZIO - Voto favorevole questa mattina, all'unanimità del Consiglio regionale, a favore di una mozione bipartisan con primo firmatario Michele Baldi, capogruppo della Lista Zingaretti, che ha impegnato il presidente della Regione e l'assessore Lucia Valente sulla questione ex Alitalia. "Questa mozione dice qualcosa in più rispetto a quella già votata dal Consiglio" ha tenuto a precisare Baldi ad inizio dibattito, riferendosi all'atto di indirizzo approvato all'unanimità lo scorso 9 ottobre.
 
Con l'atto di indirizzo - firmato anche da Eugenio Patané (Pd), Riccardo Valentini (Per il Lazio), Luca Gramazio (Pdl), Gianluca Quadrana (Lista Zingaretti), Silvana Denicolò (M5S), Marco Vincenzi (Pd), Davide Barillari (M5S), Francesco Storace (la Destra), Giancarlo Righini (Fratelli d'Italia) e Riccardo Agostini (Pd) - è stata chiesta l'assunzione di ogni iniziativa di mediazione e collaborazione con ministeri, parti sociali e Ipns per il riassorbimento dei lavoratori ex Alitalia in mobilità. In virtù di un emendamento - votato a maggioranza - è stata impegnata "altresì la Giunta ad intervenire sui competenti ministeri al fine di trovare risorse necessarie alla ricollocazione dei lavoratori in mobilità". La proposta di modifica è stata sottoscritta da Baldi, Vincenzi, Storace, Righini e Denicolò.

Nel corso del dibattito l'assessore Valente ha sottolineato che la delicata situazione coinvolge lavoratori giovani, tutti competenti ed esperti. "E' giusto occuparsi del loro futuro: deve essere un futuro di ricollocazione nel mondo del lavoro" ha detto.

Share on Facebook
Categoria: politica

Lazio avrà Garante Rifugiati

In commissione anche PL su accreditamenti

redazione martedì 5 novembre 2013
rifugiatiLAZIO - La commissione Politiche sociali e Salute del Consiglio regionale del Lazio, presieduta da Rodolfo Lena (Pd), nella seduta odierna ha esaminato la proposta di legge n. 85 di iniziativa della Giunta, che consentirebbe di sbloccare le autorizzazioni all'esercizio delle strutture sanitarie e sociosanitarie private che attualmente non sono presenti nella piattaforma Saass, il sistema informativo istituito nel 2011 per il rilascio dell'autorizzazione e dell'accreditamento.

A illustrare il provvedimento, il responsabile della cabina di regia del Ssr, Alessio D'Amato: "Si tratta di riaprire una finestra per consentire a 40 strutture medio-grandi, perlopiù classificate e che impiegano non meno di 12mila dipendenti nella nostra regione, di poter completare il percorso di accreditamento on line ponendo fine ad un periodo di estrema incertezza e di formale irregolarità". La Giunta ha inoltre annunciato la presentazione di un proprio emendamento, che tra l'altro introdurrà dei principi sanzionatori per le strutture in questione, medianti tagli al budget nella misura compresa tra il 5 e il 10 per cento.

A seguire, l'assessore alle Politiche sociali, Rita Visini, ha illustrato la proposta di legge n.87, mediante la quale si intende istituire nel Lazio il "Garante dei diritti dei rifugiati e delle persone bisognose di protezione internazionale o umanitaria". Si tratta di una figura di supporto alle attività regionali di prima accoglienza, che non avrà alcun budget economico a disposizione, se non il supporto logistico degli uffici e la facoltà di visitare i centri, vigilando sull'applicazione e l'attuazione delle normative e delle convenzioni internazionali, nonché sulle attività delle strutture ricettive dedicate ai profughi, promuovendo la realizzazione dei progetti territoriali finalizzati a garantire servizi sociosanitari, di inserimento lavorativo e tutela legale.

"Questa proposta - ha spiegato Visini - nasce dall'esigenza di garantire una permanenza dignitosa per i rifugiati presenti temporaneamente nella nostra regione, uniformando il trattamento nei vari centri, laddove ci arrivano sempre più segnalazioni negative in tal senso. In caso di approvazione, saremmo la prima regione a dotarsi del Garante, anche se durante l'ultima riunione della Conferenza delle Regioni la nostra idea è stata apprezzata unanimemente e sarà certamente ripresa anche in altre parti d'Italia".
La Commissione tornerà a riunirsi giovedì 7 novembre.

Share on Facebook
Categoria: politica

Ciocchetti: "Da Pd solo parole"

Su vicenda licenziamenti Bracciano Ambiente

redazione venerdì 1 novembre 2013
ciocchetti1LAZIO - "Bracciano Ambiente S.p.A. in accordo con il sindaco Giuliano Sala, sta procedendo al licenziamento di 21 dipendenti pari al 40% dell'organico della società. Inutili tutti i tentativi di tutelare i dipendenti e le loro famiglie, ennesima dimostrazione che il Pd e' vicino al popolo solo a parole ma lontanissimo con i fatti. Invito tutti gli organi competenti a fare chiarezza su questa vicenda, usando accortezza e buon senso prima di procedere con i licenziamenti che potrebbero apparire dettati da logiche discriminatorie piuttosto che da una reale esigenza di razionalizzazione". Scrive in una nota il leader di Idee più Popolari Luciano Ciocchetti.

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -