Mercoledì, 22 Maggio 2019
RSS Feed

politica

Categoria: politica

Lazio, la settimana in Consiglio regionale

I lavori d'Aula, delle commissioni e gli eventi

redazione sabato 4 maggio 2019
sala mechelliLAZIO - Il calendario dei lavori delle Commissioni permanenti e speciali e i lavori d'Aula del Consiglio regionale del Lazio per la settimana prossima:

COMMISSIONI CONSILIARI PERMANENTI E SPECIALI

Lunedì 6 maggio
Ore 15 - Sala Latini
XI Commissione – Sviluppo economico e attività produttive, start-up, commercio, artigianato, industria, tutela dei consumatori, ricerca e innovazione

Proposta di legge n. 37 del 20 giugno 2018, concernente: "Disciplina del commercio e della somministrazione di alimenti e bevande". Esame degli emendamenti e subemendamenti.

Martedì 7 maggio
Ore 11 - Sala Latini
VIII Commissione – Agricoltura, ambiente

Audizione su pl n. 56 del 2018, concernente "Disposizioni per la discipina e la promozione dei biodistretti".
Invitati: Confagricoltura Lazio, Coldiretti, CIA, COPAGRI, Biodistretto via Amerina, Schola campesina Aps.

Ore 14 - Sala Etruschi
X Commissione – Urbanistica, politiche abitative, rifiuti.

Audizione in merito alla Proposta di deliberazione consiliare n. 26 del 4 gennaio 2019 concernente: "Approvazione del piano territoriale paesistico regionale ai sensi degli articoli 21, 22 e 23 della Legge regionale 6 luglio 1998, n.24 (Pianificazione paesistica e tutela dei beni e delle aree sottoposti a vincolo paesistico) e successive modifiche e degli articoli 135, 143, 156 e 141 bis del Decreto legislativo 22 gennaio 2004, n.42 (Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell'art.10 della Legge 6 luglio 2002, n.137) e successive modifiche.
Soggetti auditi: CNAP Confederazione Nazionale Archeologi Professionisti, Associazione Nazionale Archeologi, Ordine dei Geologi del Lazio, Federazione degli ordini della Regione Lazio (Forestali e Agronomi).

Ore 15 - Sala Latini
III Commissione – Vigilanza sul pluralismo dell'informazione

PL n. 66 del 24 ottobre 2018 concernente "Istituzione dell'Osservatorio regionale sull'informazione e sulla comunicazione".
Giovedì 9 maggio

Ore 15 - Sala Etruschi
I Commissione - Affari costituzionali e statutari, affari istituzionali, partecipazione, risorse umane, enti locali, sicurezza, lotta alla criminalità, antimafia

Audizione sulla situazione nelle carceri. Invitati: ass. regionale Sanità e integrazione sociosanitaria; ass. reg. Politiche sociali, welfare e enti locali; ass. reg. Lavoro e nuovi diritti, formazione, scuola, diritto allo studio universitario, politiche per la ricostruzione; Garante dei detenuti della Regione Lazio.

***

Lunedì 6 maggio 2019, alle ore 15, nella sala Etruschi del Consiglio regionale del Lazio (via della Pisana 1301), verrà presentato il volume "La Garanzia del Pluralismo dell'Informazione nelle Istituzioni regionali. Il caso Lazio", a cura di Andrea Camponi – Edito dal Comitato regionale per le comunicazioni del Lazio. Si tratta di un lavoro d'archivio, una selezione di dati, interviste e documenti che si riferiscono al decennio che va dal 2005 (anno in cui la Regione Lazio ha istituito la Commissione di Vigilanza sul Pluralismo dell'Informazione) sino al 2016, anno in cui il Consiglio regionale del Lazio ha approvato la Legge n. 13 del 28 ottobre 2016 "Disposizioni di riordino in materia di Informazione e Comunicazione".

Share on Facebook
Categoria: politica

Minnucci: Trevignano conferma la Bandiera Blu

"Grosso risultato e motivo d'orgoglio"

redazione sabato 4 maggio 2019
minnucci emilianoTREVIGNANO - "Dopo quella del 2018, ecco quella del 2019: la bandiera blu assegnata anche quest'anno al Comune di Trevignano non è più una novità ma piuttosto una certezza. Un risultato importante non solo per il singolo comune ma anche per tutto il territorio a nord della capitale che può vantare un'eccellenza ambientale e, di conseguenza, un'attrazione turistica di prim'ordine come il Lago di Bracciano. Un grosso risultato e un grande motivo di orgoglio anche e soprattutto per l'Amministrazione Comunale che, grazie a una seria e concreta programmazione, è riuscita a portare il nome del suo comune nell'olimpo delle spiagge più vivibili e accessibili del nostro Paese", ha detto il consigliere della Regione Lazio, Emiliano Minnucci, commentando il conferimento per il secondo anno consecutivo della bandiera blu al Comune di Trevignano Romano.

Share on Facebook
Categoria: politica

Stampa, Minnucci: subito legge nazionale contro le fake news

"Fenomeno tanto preoccupante quanto imbarazzante"

redazione venerdì 3 maggio 2019
minnucci treLAZIO - "Quello che si è consumato in queste ultime ore relativamente alle ingannevoli card diffuse sul web con falsi slogan a firma PD e prontamente disconosciute da Zingaretti ci deve far riflettere circa la condizione in cui versa il mondo dell'informazione. Le fake news sono diventate una pratica da combattere seriamente non solo per riaffermare quell'autorevolezza dell'informazione che è andata via via scemando ma anche per difendere il ruolo fondamentale che l'informazione stessa ha sempre avuto per la crescita della nostra società" ha detto il Consigliere della Regione Lazio, Emiliano Minnucci.

"È inaccettabile pensare che la credibilità e la professionalità dei giornalisti e degli operatori dell'informazione vengano completamente annullate da un esercito di trolls e di fake news writers che sistematicamente inquinano il circuito dell'informazione con la diffusione di messaggi falsi e ingannatori. La situazione si fa ancor più grave, poi, se questa pratica, disdicevole e vigliacca, viene perpetrata per pura opportunità politica. È arrivato il momento di metterci un punto. Vero e concreto. È arrivato il momento di aprire la strada ad una legge nazionale, magari sul modello tedesco, contro gli odiatori del web e le fake news e a tutela di tutte quelle professionalità operanti nel settore dell'informazione che in questi ultimi anni sono state travolte da un fenomeno tanto preoccupante quanto imbarazzante. Un atto che, anche alla luce dell'odierna giornata internazionale della libertà di stampa, sarebbe un importante passo in avanti verso un'informazione indipendente e a sostegno di un sano pluralismo dei mezzi di comunicazione" ha concluso Minnucci.

Share on Facebook
Categoria: politica

Anguillara, Bianchini-Stronati: siamo a rovina amministrativa

"Bilancio fantasioso, nessuna programmazione"

redazione venerdì 3 maggio 2019
Anguillara porta orologioANGUILLARA - "Passata, omai, la metà della consiliatura appare evidente che la giunta Anselmo abbia dimostrato non solo di non avere la volontà di portare il nostro Comune ad una fase di sviluppo economico, turistico e sociale, ma anche di non essere in grado di garantire nemmeno l'andamento normale della gestione amministrativa volta a tutelare i servizi essenziali".

Lo affermano il capogruppo dem al Consiglio comunale di Anguillara, Silvio Bianchini, e l'ex assessore della Giunta Pizzzorno, Enrico Stronati.

"Ad oggi - ribadiscono i due esponenti politici - non si intravede una strategia che rilanci Anguillara, mentre la rovina amministrativa, nonostante gli sforzi e le capacità dei singoli dipendenti comunali, colpisce ogni ufficio e tale deriva è sempre più percepibile. L'azione amministrativa invece che a risolvere i problemi dei cittadini, anche quelli più elementari ed essenziali, è stata finalizzata alle esigenze di propaganda di una maggioranza che esiste ormai solo nella fantasia dei propri comunicati. La attuale Giunta sta conducendo la Città verso un inesorabile declino: dopo aver ingannato i Cittadini con le false promesse elettorali, a partire dalla presunta e mai attuata riduzione delle indennità per il sindaco, per gli assessori e per il presidente del consiglio, l'annunciato "cambiamento epocale" declamato è rimasto un miraggio. Non c'è un settore o categoria di cittadini che non si lamenti. L'incapacità direttiva dell'attuale amministrazione comunale e l'insipienza gestionale della Giunta stanno provocando disagio e delusione, quando non rabbia, nell'opinione pubblica, a cominciare dagli stessi elettori che la hanno votata".

"Il bilancio di previsione del 2019, presentato come fosse la soluzione a tutti i problemi di Anguillara - sottolineano Bianchini e Stronati -  si rivela come un pessimo documento di ordinaria amministrazione che impedirà lo sviluppo della città. Anzi ne aggraverà l'indebitamento. È uno dei peggiori bilanci di previsione della storia cittadina, approvato con omissioni e incompletezze. Esso contiene, tra l'altro - evidenzia Silvio Bianchini - l'aumento delle rette scolastiche per l'Asilo Nido e la Mensa scolastica, nonché l'ingiusto aumento della Tari per le case superiori agli 80 mq, nonostante il servizio sia rimasto lo stesso ed anzi sia stato eliminato il ritiro degli sfalci".

"Nessuna somma è stata accantonata, secondo noi in modo del tutto irresponsabile – aggiunge Enrico Stronati – per i giudizi legali pendenti e potenziali. Ma anche la copertura dei nuovi mutui, che hanno indebitato per decenni le generazioni future, è a nostro avviso basata su poste assolutamente incerte e fantasiose. Non è mai accaduto, tra l'altro, nella storia della Città, che si discutesse perfino della regolarità delle procedure di convocazione e di fissazione degli ordini del giorno dei Consigli Comunali".

"C'è una forte preoccupazione in ordine alla legalità ed alla correttezza istituzionale  - evidenziano i due referenti sabatini -  che le forze di opposizione, anche nella loro diversità politica, hanno avuto modo di porre all'attenzione dei cittadini e del Prefetto e degli altri organi di controllo dopo ogni vano tentativo di correggere atti amministrativi consiliari che risultano essere inficiati da illegittimità. Da ultimo, con preoccupazione, poniamo alla attenzione dei cittadini il bando per la gestione dei Servizi Sociali, gara che potrebbe sfociare in un ulteriore contenzioso con gravi potenziali pregiudizi economici a carico della Comunità. E – lo ripetiamo – a bilancio non è stata accantonata alcuna somma per i contenziosi legali. Infatti il servizio per la gestione del polo per la disabilità è stato aggiudicato ad oltre 402.000,00 euro, importo addirittura superiore a quello pari ad euro 387.501,39 di cui alla manifestazione di interesse (rivolta alle imprese che sarebbero state disponibili a prendere parte alla gara)".

"Il predetto importo di euro 387.501,39 - spiegano - oltre che nella manifestazione di interesse, è stato nuovamente indicato dal Comune all'art. 5 del Capitolato di Appalto, salvo poi aggiudicare il servizio, incredibilmente, ad una somma superiore. A riguardo, nella lettera di invito, la somma indicata quale valore dell'appalto, lievitava senza alcuna giustificazione ad euro 430.879,53".

"Tale circostanza – sottolinea Bianchini – oltre che a poter far emergere un probabile danno (anche di natura erariale) per l'Ente, ha ingenerato confusione tra partecipanti i quali non hanno avuto chiaro quale fosse l'importo effettivo dell'appalto. Fatto questo che potrebbe avere indotto molti altri soggetti che hanno valutato la somma proposta pari ad euro 387.501,39 non economicamente conveniente per i servizi richiesti, a non concedere la propria disponibilità a partecipare. Disponibilità che avrebbero potuto, invece, manifestare qualora avessero saputo che il valore dell'appalto fosse stato quello più alto pari ad euro 430.879,53. Tutto ciò potrebbe far nascere ricorsi e contenziosi legali con gravi potenziali pregiudizi di carattere economico per il Comune e, quindi, per le tasche dei Cittadini".

"Ci auguriamo – conclude Stronati - che il responsabile competente voglia, per porre riparo all'errore e valutati i vizi della procedura, prendere in considerazione l'ipotesi di annullare in autotutela gli atti di gara ripetendo il procedimento in maniera corretta. Ciò anche al fine di non esporre l'Ente, e ripetiamo che nel bilancio nulla è stato accantonato a riguardo, ad un contenzioso che possa portare a danni".

"Non potevamo chiudere questa denuncia di incapacità manifesta da parte di questa maggioranza - concludono Biancini e Stronati - non toccando la questione degli affidamenti per le concessioni delle spiagge di Vigna di valle, Martignano e Marmotta. Siamo a maggio e nulla è stato fatto per la stagione estiva, siamo al terzo anno del nulla più assoluto, con perdite economiche al settore turistico e ricettivo di milioni di euro. La realtà, purtroppo, è questa: una amministrazione capace solo di elargire 18.000,00 euro per una festa con quattro saltimbanchi".

Share on Facebook
Categoria: politica

Ladispoli, Perretta: le spiagge devono essere rispettate

Predisposti controlli di "Nogra" e "Fareambiente"

redazione sabato 27 aprile 2019
pulizia spiaggeLADISPOLI - "Le spiagge di Ladispoli devono essere rispettate". Con queste parole il vicesindaco e assessore al Demanio Marittimo, Pierpaolo Perretta, condanna il degrado lasciato da chi ha goduto del primo sole sulle spiagge di Ladispoli.

"A fine giornata le nostre spiagge erano devastate dai rifiuti, gettati da incivili senza rispetto. E non si dica che mancano i punti dove gettare i propri rifiuti: il lungomare è perfettamente servito con contenitori che permettono anche di differenziare: non siamo di fronte ad un disservizio dell'ente ma all'inciviltà dilagante e impunita di persone maleducate e menefreghiste. Nelle more di una risposta organica e duratura, per non rischiare una simile situazione anche nella giornata del primo Maggio annuncio che verrà predisposto un apposito servizio di controllo sulle spiagge di Ladispoli ad opera dei corpi volontari ecozoofili "Nogra" e "Fareambiente", già molto attivi sul territorio grazie alle convenzioni promosse dall'incaricato del Sindaco Miska Morelli, e coordinati dalla nostra Polizia Locale. Ladispoli è la nostra città e non può essere trattata in questo modo: chi viene a trovarci è gradito ospite ma solo fino a quando ci rispetta. Buon primo maggio",ha concluso Perretta.

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -