Mercoledì, 11 Dicembre 2019
RSS Feed

politica

Categoria: politica

Città Metropolitana, sinistra presenta mozione: no rifiuti a Civitavecchia

Chieesto il ritiro dell'ordinanza sindacale

redazione martedì 26 novembre 2019
palazzo valentiniCITTA' METROPOLITANA - "Il gruppo consiliare del centrosinistra in Città Metropolitana ha presentato una mozione urgente nel Consiglio previsto per oggi pomeriggio. La mozione richiede il ritiro dell'ordinanza della Raggi con la quale si vuole utilizzare anche sito di Civitavecchia come discarica dei rifiuti della Capitale. Colpisce che la Raggi si ricorda di essere Sindaca anche della Città Metropolitana sono in occasione di qualche evento europeo o per scaricare in Provincia i "rifiuti capitali "".

Così, in una nota il gruppo consiliare " Le città della Metropoli ".

"Già alcuni mesi fa - prosegue la nota - aveva provato ad individuare aree bianche, quindi possibili aree di discarica, solo al di fuori di Roma, facendo sollevare intere comunità di cittadini che invece, da anni, hanno adottato il servizio porta a porta. Ora ci riprova con un'ordinanza che è a tempo determinato, ma è comprensibile il timore che possa essere estesa. D'altronde, la chiusura a fine anno del sito di Colleferro non è in discussione per cui finalmente i nodi di una sconsiderata gestione dei rifiuti romani arriveranno al pettine. Dispiace solo pensare che Roma si avvia verso le festività con questo scenario, fatto non di luminarie e alberi natalizi, ma di cumuli di sacchi neri", conclude il comunicato.


Share on Facebook
Categoria: politica

cerveteri, Nucci: opposizione becera e demagogica

In merito al numero legale nei passsati consigli

redazione lunedì 25 novembre 2019
Consigliere Claudio NucciCERVETERI -  Dal consigliere di aggioranza al Comune di Cerveteri, Claudi Nucci, riceviamo e pubblichiamo.

A seguito di alcuni articoli di certi Consiglieri di minoranza, usciti sulla stampa locale e riguardanti il Consiglio Comunale, vorrei precisare alcune cose, per ristabilire la realtà dei fatti. Per tenersi, il Consiglio Comunale necessita di un numero legale di Consiglieri presenti: 13 per l'esattezza. Quindi su 25 Consiglieri eletti devono esserne presenti 13. Il nostro Consiglio, ad oggi, conta 15 Consiglieri eletti nelle file della maggioranza e, sempre ad oggi, 10 di opposizione.

Al consiglio Comunale del 16 settembre scorso, si sarebbe dovuto trattare 5 mozioni delle 11 citate nei vari articoli. Tuttavia, i Consiglieri di minoranza le avevano presentate in ritardo rispetto a quanto previsto dalla normativa, ovvero troppo a ridosso dello stesso consiglio, cosicché non potevano essere discusse. Insomma, i proponenti ritenevano tali mozioni così importanti, da non essere in grado nemmeno di depositarle a tempo debito.

In seguito venivano presentate le altre mozioni, per un totale di 11, e qualche interrogazione. Si decideva quindi di convocare un Consiglio Comunale dedicato esclusivamente alla discussione delle mozioni presentate dall'opposizione. Data, 23 ottobre ore 17.00. Ogni Consiglio Comunale prevede due appelli: se al primo appello non sono presenti almeno 13 consiglieri eletti, il Consiglio non si apre e, dopo 20 minuti, si tiene un secondo appello. Se anche lì non ci sono 13 Consiglieri presenti, il Consiglio non si tiene.

Al primo appello del Consiglio del 23 ottobre scorso erano presenti 12 consiglieri, 11 di maggioranza e solo Garbarino per l'opposizione. Per la verità gli altri consiglieri di opposizione c'erano, ma preferivano nascondersi per farsi dichiarare assenti. Al secondo appello, dopo 20 minuti, erano presenti 12 consiglieri, stavolta tutti di maggioranza, anche Garbarino si univa ai suoi colleghi di opposizione, nascondendosi per farsi dichiarare assente! Il Consiglio, quindi, saltava, quando sarebbe bastato 1 solo altro consigliere presente per discutere le "importanti" mozioni. I Consiglieri di minoranza, firmatari delle "importanti" mozioni, sebbene in aula, invece di darsi presenti per aprire la discussione e la votazione, preferivano far cadere il numero legale.

Si fissa allora nuovamente il Consiglio; all'ordine del giorno di nuovo le "importanti" mozioni. Data: prima convocazione 18 novembre, seconda convocazione il 21 novembre.

Il 18 novembre, al primo appello, erano presenti 12 consiglieri, tutti di maggioranza, mentre i consiglieri di opposizione, firmatari delle importanti mozioni, erano di nuovo in aula ma si nascondevano (come tanti topolini direbbe qualcuno), facendosi dichiarare assenti. Al secondo appello, arrivano altri 2 consiglieri di maggioranza, siamo in 14, il numero c'è. Allora i consiglieri di opposizione, firmatari delle importanti mozioni, la cui presenza per aprire il consiglio diventa ininfluente, decidono magicamente di palesarsi per dichiararsi presenti.

I consiglieri di minoranza hanno dimostrato di non aver alcun interesse a discutere e votare le loro "importanti" mozioni, ma solo a fare giochetti per poi poter dire che il Consiglio non si era tenuto, per colpa della maggioranza. A questo punto, visto il contegno, questo sì davvero scandaloso, dei consiglieri di minoranza, si decideva di far saltare il numero legale: se le loro mozioni non interessano a loro stessi, se preferiscono dichiarasi assenti anziché discuterle, evidentemente non saranno così "importanti" da dover impegnare tempo e risorse dell'Amministrazione? Pretestuose come la loro assenza? Del tenore e dell'importanza che loro stessi gli danno, immeritevoli di discussione?

Ovviamente le ho lette tutte prima del Consiglio ed in effetti non posso che condividere il giudizio che è emerso dal comportamento degli stessi proponenti: le boccerò tutte, nessuna esclusa! Si è rimandato il loro prevedibile esito. Quindi la città può stare tranquilla, quelle mozioni, evidentemente ritenute poco utili proprio dagli stessi che le hanno proposte, non troveranno accoglimento come non lo avrebbero trovato prima. È stata rinviata solo l'inevitabile bocciatura, al fine di far capire ai consiglieri di minoranza che questo atteggiamento di dichiararsi assenti è improduttivo, pretestuoso e inutile, soprattutto scandaloso.

Ultime considerazioni: un consigliere comunale non percepisce uno stipendio, ma solo un gettone di presenza in consiglio comunale. All'anno ammontano a circa 400€. E ovviamente, se sei assente, non lo percepisci.

Infine: vivo a Cerveteri, i miei figli (7 e 2 anni), vivono a Cerveteri, la mia compagna, con i miei suoceri (entrambi nati a Cerveteri) e le loro famiglie, vivono a Cerveteri, mia cognata vive a Cerveteri, mio padre, mia madre, mia sorella con mia nipote, mio fratello con sua moglie, vivono a Cerveteri.

Prima di essere un consigliere comunale sono un cittadino di Cerveteri, che la abita e la vive con la sua famiglia. Da cittadino, so benissimo da che parte stare: non certo dalla parte di coloro che fanno un'opposizione becera, inutile e meramente demagogica.

Share on Facebook
Categoria: politica

Trevignano, Consiglio il 28/11

Odg: approvazione Bilancio consolidato 2018

redazione lunedì 25 novembre 2019
municipio trevignano dueTREVIGNANO - Il Consiglio comunale di Trevignano è convocato per giovedì 28 novembre alle 16 per discutere ilseguente ordine del giorno:

1 - Approvazione del Bilancio consolidato anno 2018

Share on Facebook
Categoria: politica

Cerveteri, Massimo Zanni nominato Dirigente Generale di Pubblica Sicurezza

Gli auguri del sindaco all'illustre concittadino

redazione sabato 23 novembre 2019
massimo-zanniCERVETERI - Nomine di prestigio a Palazzo Chigi. Nomine che riguardano anche la città di Cerveteri. Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell'Interno Luciana Lamorgese ha infatti deliberato la nomina a Dirigente Generale di Pubblica Sicurezza dei Dirigenti Superiori della Polizia di Stato di Massimo Zanni, cittadino di Cerveteri.

In servizio nella Polizia di Stato dal 1985, Zanni ha ricoperto numerosi ruoli di rilievo nella Polizia: dopo aver iniziato la sua carriera a Firenze, ha diretto numerosi commissariati di Roma lavorando in quartieri difficili della Capitale, occupandosi di attività di prevenzione e di servizi antidroga.

Molto più recentemente, ha ricoperto il ruolo di Questore di Grosseto.

"A nome mio, della Giunta e della Città di Cerveteri tutta i miei complimenti a Massimo Zanni per un incarico così prestigioso e di rilievo – ha dichiarato il Sindaco Alessio Pascucci – è motivo d'orgoglio per Cerveteri che un proprio concittadino sia chiamato a ricoprire un ruolo di tale responsabilità ed importanza all'interno della Polizia di Stato. Sono state numerose le occasioni in tanti anni di carriera in cui si è contraddistinto per professionalità, competenza e senso di appartenenza allo Stato. A lui, il più vivo augurio di un buon lavoro, certo che la sua dedizione e la sua passione per il suo lavoro rappresenteranno un importante punto di riferimento ed un grande valore aggiunto".

Un saluto giunge anche da Riccardo Ferri, Assessore alle Politiche Agricole del Comune di Cerveteri, che dichiara: "Massimo Zanni è un volto conosciuto, un uomo di Stato ligio al dovere. Mi complimento con lui per questo incarico davvero di pregio. Cerveteri è orgogliosa che ai vertici della sicurezza nazionale, ci sia una persona del suo spessore umano e professionale".

Share on Facebook
Categoria: politica

Lazio, la settimana in Consiglio regionale

Mercoledì continua seduta su emergenza rifiuti

redazione sabato 23 novembre 2019
ingresso consiglio regionaleLAZIO - Il presidente Mauro Buschini ha aggiornato a mercoledì 27 novembre alle ore 10 la seduta n. 44 per la prosecuzione della discussione sull'emergenza rifiuti nella Regione Lazio.

COMMISSIONI CONSILIARI PERMANENTI E SPECIALI

Lunedì 25 novembre

Ore 16 – Sala Etruschi

Commissione speciale sui piani di zona per l'edilizia economica e popolare nella Regione

Audizione in merito ai seguenti piani di zona: Pdz B39-Ponte Galeria, Pdz A5-Spinaceto 2. Invitati: Direzione politiche abitative della Regione Lazio, Pau edilizia sociale di Roma Capitale, Municipio IX.

Martedì 26 novembre

Ore 12 – Sala Di Carlo

I Commissione - Affari costituzionali e statutari, affari istituzionali, partecipazione, risorse umane, enti locali, sicurezza, lotta alla criminalità, antimafia

All'ordine del giorno l'esame dello Schema di Deliberazione n. 87 concernente "Legge regionale 3 novembre 2015, n. 14 (Interventi regionali in favore dei soggetti interessati dal sovraindebitamento o delle vittime di usura o di estorsione). Linee di utilizzo della quota residua resasi disponibile".

Ore 12 – Sala Latini

X Commissione - Urbanistica, politiche abitative, rifiuti

All'ordine del giorno due audizioni:

ore 12,00: Audizione sulla "Discarica di Magliano Romano". Invitati: direttore regionale Politiche ambientali e Ciclo dei rifiuti, Flaminia Tosini; presidente dell'Associazione "Ecologica Monti Sabatini-No Discarica Magliano Romano", ing. Giuseppe Amendolea.

ore 13,00: Audizione sulla proposta di compostaggio anaerobico "Salone/Prenestina VI Municipio". Invitati: Direzione regionale Politiche ambientali e Ciclo dei rifiuti; sindaco di Roma Capitale; presidente VI Municipio; assessore Urbanistica, Lavori pubblici, Erp VI Municipio; assessore Politiche dell'Ambiente, Mobilità, Decoro urbano, Patrimonio, Benessere e Tutela degli animali VI Municipio.

Ore 14 – Sala Di Carlo

IX Commissione - Lavoro, formazione, politiche giovanili, pari opportunità, istruzione, diritto allo studio

All'ordine del giorno l'esame della Proposta di legge n. 99 del 21 gennaio 2019 "Disposizioni in materia di sistema integrato di educazione e istruzione per l'infanzia".

Ore 14 – Sala Etruschi

VIII Commissione - Agricoltura, ambiente

All'ordine del giorno il parere su due schemi di deliberazione di Giunta:

SD n. 88 concernente "Atto controllo. Consorzio di Bonifica Valle del Liri. Deliberazione del Commissario Straordinario n. 105 del 3 ottobre 2019, avente per oggetto: 'Approvazione variazione al bilancio di previsione esercizio 2019'. Scadenza 6 dicembre 2019";
SD n. 89 di Giunta concernente "Atto controllo. Consorzio di Bonifica Valle del Liri. Deliberazione del Commissario Straordinario n. 106 del 4 ottobre 2019, avente per oggetto: 'Approvazione 2°variazione al bilancio di previsione esercizio 2019'. Scadenza 6 dicembre 2019".

Mercoledì 27 novembre

Ore 10 – Sala Latini

III Commissione - Vigilanza sul pluralismo dell'informazione

Comunicazioni del Presidente in merito alla programmazione prossime attività di Commissione;
Proposta di legge regionale n. 25 del 3 maggio 2018, "Legge quadro a tutela della salute pubblica in materia di elettrosmog da impianti di radiodiffusione, telefonia mobile, comunicazioni wireless ed elettrodotti". Introduzione alla discussione propedeutica alla richiesta di parere;
"Proposte di modifica alla Legge Regionale 13/2016".

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -