Lunedì, 17 Dicembre 2018
RSS Feed

politica

Categoria: politica

Ladispoli, Moretti: su acqua pubblica Regione si contraddice

Il delegato: pronti a mobilitarci

redazione venerdì 16 novembre 2018
filippo morettiLADISPOLI - "Ritengo legittime le proteste del PD verso il proprio assessore regionale che, di fatto, intimando al nostro Comune il passaggio in ACEA, va in senso contrario rispetto quanto approvato congiuntamente dalle commissioni ambiente e territorio il 16 ottobre scorso".

Così il delegato alle risorse idriche Filippo Moretti richiama tutte le forze politiche a fare fronte comune.

"Sempre su richiesta del nostro Comune - continua Moretti -  le stesse commissioni si riuniranno nuovamente il 20 novembre per approvare un documento da trasmettere alla giunta regionale per richiedere che i comuni non ancora confluiti in ACEA-ATO2 possano ottenere una moratoria, in attesa dell'approvazione della nuova legge sull'acqua pubblica già in discussione in parlamento. E' questa una fase delicata della vicenda che ci vede resistere da anni all'ingresso forzoso sotto la gestione ACEA e spero vivamente che tutti i consiglieri ed i responsabili delle forze politiche del territorio si adopereranno per raggiungere questo obiettivo".

"Sarebbe, infatti, paradossale - osserva il delegato - che i nostri Comuni venissero obbligati ad una scelta devastante in termini economici e di servizi, con criteri opposti alla gestione dell'acqua pubblica, solo per adempiere ad una norma che è in procinto di essere profondamente cambiata. Crediamo ci siano ancora i margini per risolvere questa annosa questione, ma è chiaro che se alla fase del dialogo politico non seguiranno soluzioni utili per il nostro Comune - conclude Moretti -  ci mobiliteremo immediatamente mettendo in campo forme di protesta molto decise e siamo certi che la Città sarà con noi".

Share on Facebook
Categoria: politica

Lazio, rischio sismico: sì della commissione a 'Legge Pirozzi'

7,1 milioni di euro nel biennio 2019-2020

redazione mercoledì 14 novembre 2018
sala mechelliLAZIO - La commissione Tutela del territorio, erosione costiera, emergenze e grandi rischi, protezione civile, ricostruzione, presieduta da Sergio Pirozzi (Lista Pirozzi), ha approvato oggi all'unanimità la proposta di legge regionale n. 49 del 13 luglio 2018, concernente "Norme in materia di prevenzione e riduzione del rischio sismico. Ulteriori disposizioni per la semplificazione e l'accelerazione degli interventi di ricostruzione delle aree colpite dagli eventi sismici del 2016 e successivi". Il provvedimento passa ora all'esame dell'Aula per l'approvazione definitiva.

Come ha precisato il proponente, lo stesso Sergio Pirozzi, le nuove disposizioni intendono incentivare la messa in sicurezza delle abitazioni costruite in zone a rischio sismico prima del 1974, cioè quando non esisteva ancora una specifica normativa antisismica in materia di costruzioni. "Il Lazio è la prima regione d'Italia che investe delle risorse per i privati a fondo perduto nella prevenzione sismica – ha detto Pirozzi – e mi auguro che diventi un modello anche per le altre regioni. Se un giorno si salverà anche solo una vita umana – ha aggiunto il presidente – sarà merito di chi ha lavorato a questo provvedimento".

Oggi la commissione, prima del voto finale, ha dato parere favorevole all'ultimo articolo rimasto, quello sulle disposizioni finanziarie, approvate ieri in commissione Bilancio. E' previsto uno stanziamento complessivo di 7,1 milioni di euro per gli anni 2019 e 2020. Sei milioni (due per il 2019 più quattro per il 2020) serviranno a concedere contributi in conto capitale, in misura non superiore al 30% della spesa riconosciuta ammissibile, ai proprietari di case ubicate nei comuni classificati nella zona sismica 1 per interventi di adeguamento sismico, con priorità per quelle costruite prima dell'entrata in vigore della legge 64/1974. Un milione di euro (500mila per ciascuna annualità) serviranno invece a finanziare convenzioni con gli istituti di credito per prestiti a tasso agevolato per la realizzazione degli stessi interventi. Infine, 100mila euro saranno destinati ad attività di prevenzione del rischio sismico.

Più in generale, la proposta di legge contiene anche disposizioni finalizzate a promuovere lo studio e l'analisi sui fattori di rischio sismico del territorio e altre novità, tra cui:

- il "Documento sul rischio sismico regionale", approvato con cadenza triennale dalla Giunta regionale, per individuare il quadro generale definito dalle disposizioni strutturali del Piano Territoriale Regionale Generale (Ptrg);
- l'istituzione della "Giornata regionale dell'alfabetizzazione sismica", il tredici gennaio di ogni anno, per sensibilizzare e informare la popolazione e gli enti pubblici e privati;
- semplificazioni e agevolazioni nelle zone sismiche 1 per quanto riguarda le "Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale" previste all'articolo 27 della legge regionale 11 agosto 2009, n. 21, nonché norme più stringenti in materia di collaudo statico;
- interventi di ristrutturazione edilizia negli insediamenti prevalentemente residenziali esistenti, con possibilità di ridurre di un piano (in alcuni casi anche di due) l'intero edificio e di ampliare l'area di sedime fino al 50% di quella dell'edificio oggetto dell'intervento;
- interventi di trasformazione del bosco a sostegno della ripresa economica dei territori colpiti dagli eventi sismici, nel rispetto della normativa paesaggistica, con possibilità di eliminare parte della vegetazione (con obbligo di rimboschimento compensativo) solo in caso di: realizzazione di opere pubbliche o di pubblica utilità; ristrutturazione e ampliamento di immobili e pertinenze di insediamenti produttivi esistenti; viabilità agro-silvo pastorale; allacciamenti tecnologici e viari agli edifici esistenti.

Share on Facebook
Categoria: politica

Air Show, Milani: a ladispoli atti trasparenti

Assessore risponde a polemiche su sponsorizzazioni

redazione mercoledì 14 novembre 2018

marco-milani
LADISPOLI - Dall'assessore alla cultura di Ladispoli, Marco Milani, riceviamo e pubblichiamo.

"Ancora una volta Terzobinario dà una interpretazione molto personale e discutibile di quanto accaduto per l'organizzazione dell'Air Show 2018.Tutti gli atti amministrativi necessari sono stati compiuti nella massima limpidezza e trasparenza e questo forse ha spiazzato chi non era abituato. Veniamo ai fatti. Il 20% di aggio sulle sponsorizzazioni procacciate è una percentuale di gran lunga inferiore ai prezzi di mercato, lavoro oltretutto da svolgere in tempi limitati in quanto si era a ridosso dell'evento.

Nel fare una rapida ricerca di mercato abbiamo ricevuto richieste anche del 35%! Il fatto che molti bonifici siano stati fatti direttamente dall'associazione gestrice e non dai singoli sponsor è un ulteriore servizio (per chi non poteva lasciare la propria attività) offerto agli operatori commerciali, che hanno chiesto di poter partecipare, attraverso proprio Assobalneari e Ribomar, ben consapevoli dell'importanza di una sponsorizzazione per tale evento.

Anche per la stampa del materiale pubblicitario il servizio offerto dall'Associazione è stato conveniente e puntuale. Si pensi che per stampare 15.000 brochure, 200 locandine, 500 manifesti, lo striscione 3mtx3mt (tutto a colori) più la mano d'opera relativa al lavoro grafico si è speso € 3.700 quando gli altri preventivi richiesti in fase di ricerca di mercato chiedevano almeno il doppio della spesa. Dunque massima convenienza e massima trasparenza.

A proposito di correttezza: nella mia precedente replica, il mio comunicato era stato pubblicato da Terzobinario con alcuni tagli, proprio laddove contestavo l'uso del termine "bufala" e l'utilizzo di un titolo fuorviante. Spero che stavolta non accada di nuovo. La nostra prima missione è quella di lavorare in trasparenza, cercando di limitare al massimo le spese. Tutto è stato pubblicato, tutto è alla luce del sole. Perché cercare la polemica anche dove è evidente che si sia agito nell'interesse della cittadinanza? Grazie".

Share on Facebook
Categoria: politica

Anguillara,Bianchini:boicottata mia mozione su acquedotti

Non è stata inserita nell'odg del Consiglio

redazione sabato 10 novembre 2018
silvio bianchini treANGUILLARA - "Apprendo con stupore che nella convocazione del Consiglio comunale non è stata inserita la mia mozione sugli acquedotti comunali, presentata il 22 ottobre 2018. Il regolamento del Consiglio comunale disciplina le modalità di presentazione e trattazione delle mozioni che, in questo caso, è stata completamente disattesa: come sempre chi predica bene, razzola male".

Lo ha detto il capogruppo dem in Consiglio comunale ad Anguillara, Silvio Bianchini.

"La mozione - spiega Bianchini - tratta un tema molto sentito dai cittadini, soprattutto quelli serviti dagli acquedotti del Biadaro, Ponton dell'Elce, Colle Sabazio e Pantane che, in questi ultimi due anni, stanno manifestando malfunzionamenti mai verificatisi prima. Con la mozione da me presentata, si dispongono correttivi necessari per i cittadini, quali la corretta e puntuale informazione sulla potabilità dell'acqua (analisi ogni mese), l'avvio di soluzioni per sopperire ai periodi di carenza di potabilità (casette dell'acqua) e maggiori informazioni all'utente (modifica delle fatture). Invece, come sempre, quando si parla dei cittadini ci si nasconde dietro il passato (Raggi docet)".

"Non esiste confronto costruttivo con questa maggioranza - afferma il capogruppo - anche se abbiamo sentore dei mal di pancia interni che denotano stanchezza da parte di molti consiglieri verso i ripetuti atteggiamenti di arroganza e supponenza da parte di alcuni loro rappresentanti di spicco. Ciò che sta accadendo, a seguito di scelte scellerate, vedi PII, e dalla gestione caotica della macchina amministrativa, è molto preoccupante per il presente ma soprattutto per il futuro del paese. La totale assenza di capacità amministrative e la totale assenza di visione politica, seppur celate dietro puerili consensi virtuali affidati a LIKE che essi si scambiano e apposti su POST spesso di cattivo gusto, ha lapidato il tenue consenso che ha permesso alla Anselmo di essere eletta Sindaca. E' chiaro e palpabile la fine della luna di miele tra l'Amministrazione e i cittadini che, sempre più spesso, deridono ogni azione da questi compiuta, persino nelle occasioni pubbliche".

"I cittadini hanno ragione - sottolinea Bianchini - perché sono loro che si sobbarcano i 12.000 euro al mese di stipendi che la Giunta percepisce. Assessori sconosciuti anche agli uffici, che vagano una o due volte a settimana all'interno del Palazzo Baronale. Non si è mai visto parlare di Riqualificazione Urbanistica del tessuto urbano, un assessore che ignora del tutto il territorio. O un altro assessore che tratta il tema del gas Radon. Tematica importante, per carità, ma Anguillara ha bisogno di chi controlla le cave, il contratto Nettezza Urbana e gli acquedotti, non chi effettua docenze su temi distanti dalle esigenze dei cittadini. Per non parlare - conclude il capogruppo - dell'assunzione del Comandante dei Vigili due volte a settimana, relegando ad altra (estranea) mansione chi aveva tutti i diritti e titoli ad occupare la posizione".

Share on Facebook
Categoria: politica

Anguillara, Consiglio il 14/11

All'Odg: anche gestione associata servizi sociali

redazione sabato 10 novembre 2018
Anguillara porta orologioANGUILLARA - Il Consiglio comunale di Anguillara è convocato, in seduta straordinaria, per mercoledì 14 Novembre alle ore 10, per discutere il seguente ordine del giorno:

ORDINE DEL GIORNO:

Intitolazione del Centro Antiviolenza di Anguillara Sabazia a Federica Mangiapelo;

Approvazione regolamento di organizzazione e funzionamento dell'Ufficio di Piano Distretto ROMA 4.3;

Gestione associata dei servizi sociali Ambito Territoriale Distretto ROMA 4.3 - Approvazione schema di convenzione;

Bilancio di previsione 2018/2020. Applicazione dell'avanzo di amministrazione accertato sulla base del rendiconto dell'esercizio 2017. (Art.187, comma 2, D.Lgs. n.267/2000) Adeguamento paghe per rinnovo contrattuale.

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -