Domenica, 19 Novembre 2017
RSS Feed

politica

Categoria: politica

L'assessore Riccardo Ferri eletto nel Cda del GAL

Pascucci: "Complimenti e in bocca al lupo"

redazione sabato 21 ottobre 2017
Riccardo FerriCERVETERI - "Esprimo grande soddisfazione e un grande riconoscimento e ringraziamento va alle componenti istituzionali, economiche e sociali del GAL che mi hanno scelto per rappresentarli all'interno del Cda".

Così Riccardo Ferri, Assessore alla Tutela e Rilancio dell' Agricoltura del Comune di Cerveteri, commenta la sua elezione tra i 5 membri del Consiglio di amministrazione del Gal (Gruppo di azione locale) della Tuscia Romana. Il GAL è un'Associazione riconosciuta con lo scopo prioritario di dare attuazione al Piano di Sviluppo Locale (PSL) approvato dalla Regione Lazio.

Sulla vicenda è intervenuto anche il Sindaco di Cerveteri Pascucci: "I miei complimenti e un grande in bocca al lupo all'Assessore Ferri per questo importante incarico, il GAL ha tra i suoi obiettivi, attraverso il PSL quelli di recuperare e valorizzare il patrimonio storico, culturale e ambientale, di adeguare i servizi per migliorare la fruibilità del territorio e di incrementare e differenziare le presenze turistiche. Si tratta di un'Associazione di estrema importanza e siamo sicuri che l'Assessore Ferri svolgerà un grande lavoro al suo interno".

Share on Facebook
Categoria: politica

Ius Soli, Pascucci al quinto giorno di sciopero fame

“Continuo la battaglia in favore dei più deboli"

redazione venerdì 20 ottobre 2017
sindaco alessio pascucciCERVETERI - "Da cinque giorni ho iniziato lo sciopero della fame sullo Ius Soli, una battaglia di civiltà che sto portando avanti perché non possiamo accettare che in un paese che si definisce Democratico e accogliente non vi sia ancora una Legge che riconosca lo stato di Cittadini Italiani ai bambini e alle bambine nate e cresciute nel nostro Paese solo perché figli di genitori stranieri"

Lo ha detto il sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci intervenendo ai microfoni di Radio Roma Capitale e di Radio Sonica. Proseguendo il suo intervento ha rivelato di aver deciso "di non fare lo sciopero della fame solo per un giorno perché ho voluto estenderlo anche ad altre battaglie per i diritti delle fasce più deboli, in particolare i bambini. Come Sindaco vivo quotidianamente i problemi di questi bambini e dei loro genitori che sfogano giustamente la propria rabbia nei nostri confronti, per la mancanza di servizi di assistenza adeguati. In questo momento, ad esempio, stiamo vivendo in tutta Italia una grave carenza per quanto riguarda il servizio degli AEC, gli assistenti educatori culturali al cui sostegno hanno diritto per legge gli alunni con difficoltà e che si occupano dell'autonomia del bambino, della comunicazione con gli altri compagni, dell'integrazione in classe".

"Questo servizio - ha spiegato il sindaco - viene considerato dallo Stato come "non essenziale" e i Comuni hanno la facoltà (non l'obbligo) di istituirlo: due anni fa nel nostro Comune i fondi per l'AEC ammontavano a 600mila euro, lo scorso anno sono stati ridotti a 400mila e quest'anno addirittura a 240 mila euro. La legge dice che questo servizio andrebbe dato solo a chi è ha diritto alla 104, noi negli scorsi anni siamo riusciti ad offrirlo anche a bambini con disturbi dell'apprendimento ma quest'anno, a causa degli ingenti tagli (circa il 50% rispetto al 2016), abbiamo dovuto ridurre notevolmente il servizio. Questi tagli che lo Stato centrale fa ai Comuni sono inaccettabili soprattutto quando costringono a tagliare su servizi essenziali come l'AEC. Credo che sia quindi necessario organizzare una protesta seria, mirata a scuotere gli Enti sovracomunali che non comprendono l'importanza di alcuni servizi che dovrebbero essere irrinunciabili."

"Sul tema dello Ius Soli – ha proseguito Pascuccci – vorrei invece esprimere la mia solidarietà a Paolo Fresu, uno dei più grandi musicisti italiani, che è stato violentemente attaccato dagli haters su Facebook per aver deciso di intraprendere questo sciopero per un diritto riconosciuto dalla nostra Costituzione. Lo Ius Soli è stato frainteso confondendolo con le tematiche relative all'immigrazione ma è una legge che tutela i bambini nati e cresciuti nel nostro paese, che condividono la stessa classe con i nostri figli, vivono rispettando i nostri usi e costumi e non vengono considerati come italiani. Questi bambini percepiscono il fatto di essere considerati come diversi dai propri coetanei e credo che riscoprire un sano orgoglio di appartenenza alla nostra nazione, una voglia di sentirsi italiani non solo durante le partite di un Mondiale, non voglia dire dover negare diritti ad altri".

"La mancata approvazione dello Ius Soli, i tagli al servizio di AEC, la mancanza di fondi per la rimozione delle barriere architettoniche e la mancanza di percorsi di accesso allo studio per tutte le fasce sociali – ha sotttolineato Pascucci – sono tutte violazioni della nostra Costituzione che all'articolo 3 recita che "tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. Il Governo e il Parlamento, che sembrano voler affrontare solamente il tema della Legge elettorale, si dovrebbero piuttosto concentrare e porre la fiducia su tematiche come queste, necessarie a garantire a tutti i diritti fondamentali sanciti dalla Costituzione. Molto spesso gli amministratori vengono criticati e invitati ad occuparsi solamente dell'ordinaria amministrazione e della manutenzione del territorio ma, anche se questi aspetti funzionassero perfettamente, non sarebbe sufficiente quando non riusciamo a garantire gli stessi diritti a tutti, in particolare alle fasce più deboli e svantaggiate".

"In una città in cui le strade fossero tutte perfette - ragiona il sindaco - qualora non vi fossero diritti per tutti, queste strade non porterebbero da nessuna parte: baratterei volentieri qualche buca in più con l'aumento dei fondi per l'assistenza ai disabili. Ritengo inoltre che un Sindaco non possa limitarsi all'ordinaria amministrazione e non possa chiudere gli occhi di fronte a ingiustizie, come quella dei tagli ai fondi per l'AEC, che hanno pesanti ripercussioni sui bambini e sulle fasce più deboli della nostra società. Oggi è il compleanno di Gianmaria, un bambino di Cerveteri affetto dalla Sma, una gravissima malattia che colpisce le cellule nervose del midollo spinale. Gianmaria - ha concluso Pascucci - è il simbolo di come in Italia a volte ci riempiamo la bocca con i diritti ma poi non siamo in grado di garantirli a tutti, perciò porto avanti questa battaglia per Gianmaria e per tutti i bambini come lui, per non dovergli dire, magari tra un anno, che non possiamo garantirgli l'assistenza a causa del continuo taglio dei fondi".

Share on Facebook
Categoria: politica

Fermiamo Cupinoro: Università Agraria grande assente

"Su TMB si esprima con chiarezza"

redazione venerdì 20 ottobre 2017
università agraria braccianoLAGO - Dal Movimento Fermiamo Cupinoro riceviamo e pubblichiamo.

Il giorno 17 ottobre 2017, presso il Comune Bracciano, si è svolta un'importante assemblea, convocata dal Movimento Fermiamo Cupinoro, alla quale hanno partecipato oltre ai movimenti, ai comitati ed alle associazioni, anche i rappresentanti istituzionali dei Comuni del territorio (Bracciano, Ladispoli, Cerveteri, Anguillara Sabazia, Trevignano Romano, Manziana e Canale Monterano) per dire un no secco alla Regione Lazio e al Curatore fallimentare della Bracciano Ambiente Dr. Sirleo al progetto di costruzione degli impianti previsti a Cupinoro (Trattamento Meccanico Biologico da 130.000 t/anno e impianto Biogas da 33.000 t/anno).

Unica grande assente, la principale protagonista della vicenda: l'Università Agraria di Bracciano, proprietaria dei terreni su cui dovrebbero sorgere gli "eco"-mostri.

Nel corso dell'assemblea si è appreso, con rabbia e stupore, che sembrerebbero già stati stipulati accordi tra l'Ente e il curatore fallimentare della fallita Bracciano Ambiente che avrebbero pattuito, per l'affitto dei terreni, la cifra di 296.000 €/anno.

Vorremmo ricordare all'Università Agraria quali sono i suoi compiti in relazione alla tutela dei terreni di sua proprietà che, tra l'altro, sono sottoposti a numerosi vincoli di cui, il più importante, è quello relativo agli Usi Civici.

E' un vero paradosso che un Ente preposto alla tutela e alla salvaguardia di intere porzioni di territorio, vocate all'agricoltura, decida, senza neanche consultare i cittadini soci dell'Ente stesso, di proseguire in un'attività che non le è consentita e che la comunità non vuole. Si possono barattare 296.000 € con la distruzione di un territorio e con la salute dei cittadini ?

Chiediamo all'Università Agraria di Bracciano di esprimersi con chiarezza e trasparenza rispetto alla decisione che dovrà necessariamente prendere laddove l'asta venga aggiudicata e i permessi per realizzare gli impianti fossero validi.

Chiediamo che tale espressione di volontà sia corredata da un'apposita delibera di Consiglio, al quale crediamo debbano partecipare tutti cittadini.

Non è più tempo dei giochetti ormai noti a tutti noi, tantomeno di fughe dalle proprie responsabilità, soprattutto se queste riguardano la tutela del bene comune.

Share on Facebook
Categoria: politica

Ius soli, Travaglia aderisce sciopero fame

Presidente Consiglio comunale affianca Pascucci

redazione giovedì 19 ottobre 2017
ius soliCERVETERI - "Da lunedì 16 ottobre ho iniziato lo sciopero della fame per lanciare un messaggio forte al Governo e al Parlamento affinché venga portata quanto prima all'approvazione delle due Camere la Legge sullo IUS SOLI. Sono ormai arrivato al terzo giorno di sciopero della fame e ho intenzione di andare avanti ad oltranza per un diritto che considero fondamentale per un paese come il nostro. Da lunedì 23 ottobre, si unirà al mio sciopero anche Carmelo Travaglia, Presidente del Consiglio comunale di Cerveteri, che ringrazio per il supporto e la sensibilità nel sostenermi in questa battaglia di civiltà".

Lo ha detto Alessio Pascucci, Sindaco di Cerveteri, annunciando l'adesione del Presidente del Consiglio comunale alla protesta per l'approvazione in tempi celeri della Legge che riconosce lo status di Cittadino Italiano ai bambini e alle bambine nati in Italia da genitori stranieri.

"Una battaglia di civiltà che intendo portare avanti con forza e determinazione – ha dichiarato il Presidente del Consiglio comunale Travaglia – ritengo inaccettabile che ancora oggi, nonostante esista da tempo un disegno di Legge, da mesi all'Ordine del Giorno dell'agenda politica, dibattuto nei programmi TV e sulle pagine dei maggiori quotidiani nazionali, il Parlamento non abbia ancora approvato questa Legge che, ci tengo ad evidenziarlo, non toglie diritti a nessuno, ma si limita solamente a riconoscerli. Riconoscerli a tutti quei bambini figli di genitori stranieri nati in Italia che nel nostro paese ci crescono, frequentano scuole, hanno amici, celebrano le nostre feste e le nostre ricorrenze e che forse si sentono italiani molto più di tanti italiani. Un paese che si riconosce come uno Stato Democratico, volto all'accoglienza come il nostro, non può che approvare quanto prima questa Legge, che ripeto, non toglie nulla a nessuno, ma riconosce un diritto fino ad oggi negato".

"Un altro aspetto su cui mi preme intervenire è quello legato alle strumentalizzazioni che si stanno facendo sullo IUS SOLI, rilegandolo ad un possibile orientamento elettorale a favore di uno schieramento rispetto ad un altro nel futuro – continua Travaglia – vorrei ricordare a tutte queste persone che in Italia hanno diritto al voto, attraverso lo strumento del voto all'estero, cittadini italiani di quarta generazione, che non hanno mai vissuto forse nel nostro Paese, ai quali viene riconosciuta la cittadinanza italiana solo perché un nonno o un bisnonno erano italiani. E allora mi viene spontaneo domandarmi: ma quei bambini nati in Italia da genitori stranieri, che contribuiranno alla crescita e allo sviluppo del nostro paese, non hanno forse più diritto al riconoscimento dello status di italiani e dei diritti che ne conseguono?".

Share on Facebook
Categoria: politica

Cerveteri, ad Adelaide Geloso Delega Diritti Animali

Collaborerà con il Comune a titolo gratuito

redazione mercoledì 18 ottobre 2017
adelaide gelosoCERVETERI - Con Decreto n.81 del 09 ottobre 2017 il Sindaco Alessio Pascucci ha conferito nelle mani della Signora Adelaide Geloso l'incarico di Delegata ai Diritti e Tutela degli Animali del Comune di Cerveteri.

Si tratta di una conferma per Adelaide Geloso, che già nella scorsa Amministrazione, nella seconda parte del mandato da Sindaco di Alessio Pascucci aveva ricoperto analogo ruolo.

"Ringrazio il Sindaco Pascucci per avermi rinnovato la sua fiducia su un tema così importante, che ho estremamente a cuore, e particolarmente sentito da tantissimi cittadini e possessori di animali domestici – ha dichiarato la neodelegata – in materia di Diritti e Tutela degli Animali il Comune di Cerveteri ha fatto enormi passi avanti negli ultimi anni. Uno su tutti, il Regolamento sul possesso e tutela degli animali, portato all'approvazione grazie allo straordinario lavoro della Consigliera comunale Roberta Rognoni, scomparsa due anni fa, attivista da sempre nel volontariato animalista, persona estremamente preparata, che ha ricoperto fino all'ultimo, con passione e dedizione il ruolo di Delegata. Senza dimenticare ovviamente le campagne di sensibilizzazione, continue, fatte sul territorio, per l'adozione degli animali. Ricoprirò questo incarico con la stessa tenacia e amore con la quale mi sono impegnata lo scorso mandato, per proseguire il lavoro già fatto, sempre in collaborazione con le Associazioni di Volontariato Animaliste del Territorio e le Guardie Ecozoofile di Fare Ambiente".

La Delegata Adelaide Geloso collaborerà a titolo gratuito con il Comune di Cerveteri a stretto contatto con l'Assessora all'Ambiente Elena Gubetti.

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -