Sabato, 21 Luglio 2018
RSS Feed

politica

Categoria: politica

Anguillara, Bianchini (Pd): le verità nascoste sul rendiconto 2017

Il capogruppo dem attacca la maggioranza

redazione venerdì 8 giugno 2018
silvio bianchiniANGUILLARA - Dal capogruppo Pd al Consiglio comunale di Anguillara, Silvio Bianchini, riceviamo e pubblichiamo.

Ieri è stato approvato il Rendiconto 2017 che nell'assordante silenzio della Sindaca è passato come se fosse un atto di semplice amministrazione. Forse questo può comparire agli occhi di qualche Consigliere o degli Assessori tecnici nominati da questa Giunta ma il documento è importante per capire come il Comune si regge e si potrà reggere nei prossimi anni.

In particolare ho preso visione del parere dei Revisori dei Conti e tutta la documentazione inerente l'ammontare dei residui attivi e delle fonti di potenziale passività per l'Ente.

Ormai – anche a causa della riduzione dei trasferimenti da parte dello Stato – il Comune deve andare avanti – per l'ordinaria amministrazione e per gli investimenti – quasi esclusivamente con le entrate proprie, cercando di evitare indebitamenti e ponendo nel bilancio entrate conformi all'andamento reale degli incassi.

Tale circostanza pone in carico a chi amministra il nostro Comune l'onere di avere un atteggiamento di grande responsabilità, tale da essere indirizzato non solo a rispettare formalmente i parametri minimi previsti dalla normativa, ma anche - proprio per il suddetto senso di responsabilità nei confronti dei cittadini, del bene comune e delle future generazioni - a porre in essere delle condotte e delle scelte volte al risanamento con una valutazione reale delle risorse disponibili.

Devo dire che le amministrazioni precedenti, quantomeno le due alle quali ho partecipato e che, quindi, conosco in maniera diretta, la prima come consigliere di opposizione sotto la Consiliatura e la ultima quale Vicesindaco, hanno messo in atto – non nascondo anche per obblighi normativi – tutta una serie di attività economiche ed amministrative volte al risanamento del bilancio e dei conti comunali.

Si è cercato di limitare le spese, si sono pagati numerosi debiti fuor bilancio si sono acceleratati i tempi di pagamento ai fornitori di beni e servizi, si è cercato di recuperare i crediti pregressi o, quantomeno, di organizzarne la riscossione e, nel 2016, proprio in ossequio alla nuova normativa sul bilancio armonizzato, si sono dovuti contabilizzare – sempre per obbligo di legge - tutta una serie di vecchi residui attivi coperti con l'accensione di un mutuo trentennale.

Mi sarei aspettato che anche questa amministrazione continuasse sulla linea della responsabilità e del risanamento, non "nascondendo di nuovo sotto al tappeto" tutta quella polvere che faticosamente si era provveduto a tirare fuori e pulire. Mi sarei aspettato che si fossero fatte poche, semplici, cose, ma buone e sostenibili. Mi sarei aspettato che questa maggioranza - in rispetto dei proclami elettorali – avesse valutato con accortezza le priorità di Anguillara contemperandole con le esigenze essenziali dei Cittadini , e fare il possibile per utilizzare al meglio le risorse effettivamente e realmente disponibili resistendo alle tentazioni di "trovate" ed espedienti tipici e cari al vecchio modo di fare politica.

Mi sarei aspettato – ad esempio – che si fossero limitati gli incarichi professionali esterni, visto che abbiamo tra i dipendenti molti tecnici all'altezza. Mi sarei aspettato che non si contraessero nuovi ed onerosi mutui o prestiti senza che fossero rigorosamente chiare le poste di spesa corrente con i quali coprirli, andando a trasferire, inoltre, questi costi ingenti sulle generazioni future, in controtendenza a tutta la attività di risanamento posta in essere dalle ultime amministrazioni.

E che dire della lotta all'evasione tributaria ed al recupero dei crediti pregressi? Le previsione fatte l'anno scorso sono state totalmente disattese .

Tutto questo è evidenziato nella mia depositata interrogazione avente ad oggetto i residui attivi e gli accantonamenti per le passività potenziali – ma voglio sottolineare che nel bilancio che viene proposto a quest'Aula figurano ancora RESIDUI ATTIVI (IMU, TARI, TASI, INCASSI DA VENDITA DI TERRENI etc.. ) con notevoli e fondati dubbi circa la loro effettiva esigibilità .

E pensare che in campagna elettorale si raccontava la favola del recupero o la compensazione attraverso il BARATTO AMMINISTRATIVO, o la "rivoluzionaria innovazione" del pagamento in cheque!!!!.

Altro grave aspetto è quello inerente alle potenziali passività – soprattutto quelle relative ai giudizi ed alle cause pendenti – per le quali non sono stati accantonati adeguati importi.

Mi riferisco – tra i vari – a tre procedimenti che potrebbero comportare negatività milionarie: l'arbitrato Sogeea, (richiesti di 2.500.000 euro) i vari ricorsi al Tar per il PRG, la causa Eredi ex Piano di Zona 167 (1.000.000 euro) e in ultimo la causa PISCINA COMUNALE (500.000 euro).

Di tutti questo non è stato accantonato nulla (tranne 150.000 per la ex 167) e come tutti sappiamo entro giugno avremo la sentenza della SOGEEA, per la scellerata scelta di questa Giunta di lasciare il procedimento presso il tribunale civile di Civitavecchia e optare per l'Arbitrato presso la AMC, scelta dalla stessa controparte.

Mentre sulla vicenda Piscina e sulle cose uscite su alcuni articoli di giornale, faremo un' interrogazione puntuale agli Organi competenti di controllo, per dimostrare come sono i fatti realmente e cosa sta accadendo e le responsabilità!!

In conclusione ritengo che se si fossero poste alla base di questo bilancio consuntivo concetti come la responsabilità e la verità si sarebbero fatte scelte differenti e stabilito differenti priorità evidenziando ai cittadini come stanno veramente le cose.

Si sarebbe evitato, inoltre, di pregiudicare i Bilanci delle future Giunte e la conseguenza di lacrime e sangue per i cittadini che sono i contribuenti principale del mantenimento della macchina amministrativa.

Share on Facebook
Categoria: politica

Anguillara, Consiglio il 7/6

Odg: rendiconto gestione anno 2107

redazione giovedì 7 giugno 2018
Anguillara porta orologioANGUILLARA - Convocato per oggi pomeriggio alle 17.30, il Consiglio comunale di Anguillara che dovrà discutere il RENDICONTO DELLA GESTIONE ANNO 2017.

La vigilia della seduta si presenta infuocata dalle polemiche accese dalle regole adottate dalla presidenza del Consiglio comunale in merito alla diciplina degli interventi in aula. Decisioni che hanno suscitato le proteste del capogruppo dem Silvio Bianchini e che oggi si presume abbiano seguito.

Share on Facebook
Categoria: politica

Comitato: bene rinvio udienza tribunale acque pubbliche

Termine fissato al prossimo 25 luglio

redazione martedì 5 giugno 2018
Livello idrometrico lagoLAGO - Dal Comitato per la Difesa del Bacino Lacuale Bracciano-Martignano riceviamo e pubblichiamo.


Il rinvio al 25 luglio dell'udienza del Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche riguardo la richiesta di annullamento della determinazione regionale del 29 dicembre 2017 che sottopone ad autorizzazione eventuali nuovi prelievi dal lago di Bracciano da parte di Acea è una buona notizia perché significa che almeno fino a quel momento (e salvi diversi provvedimenti attualmente non previsti), le captazioni rimarranno interdette.

Ci auguriamo che nessun altro provvedimento possa essere emesso dalla Regione Lazio nel frattempo. Si ricorda che la determinazione regionale della quale Acea chiede l'annullamento si fonda su rapporti scientifici di Ispra, del Parco di Bracciano-Martignano e di diversi professori e ricercatori universitari, che hanno tutti accertato la grave compromissione subita dall'ecosistema lacustre.

Tra le norme considerate, l'articolo 164 del decreto 152/2006 che regola la disciplina delle acque nelle aree protette del quale si è avvalso il Parco di Bracciano-Martignano per la dichiarazione di non captabilità delle acque dal lago di Bracciano.

Il Comitato ringrazia i propri legali, Simone Calvigioni, Francesco Falconi, Mario Lepidi e Marco Marianello, per il lavoro che stanno svolgendo a tutela dell'ecosistema lago in modo del tutto volontario.

Ringrazia altresì il Parco di Bracciano-Martignano e i Comuni di Anguillara, Bracciano e Trevignano che stanno rappresentando, tramite i rispettivi legali, le istanze del territorio nel procedimento pendente.

Si attende inoltre la chiusura delle indagini, avviate su denuncia querela da noi presentata il 20 giugno 2017, unitamente all'allora deputato Emiliano Minnucci, da parte della Procura della Repubblica di Civitavecchia per l'accertamento di eventuali responsabilità.

Share on Facebook
Categoria: politica

Bianchini:"Bavaglio al Consiglio comunale"

"Dal Bilancio partecipato al Bilancio segreto"

redazione sabato 2 giugno 2018
silvio bianchini treANGUILLARA - Dal consigliere Pd al Comune di Anguillara, Silvio Bianchini, riceviamo e pubblichiamo.


I paladini (a parole, ma non nei fatti) della trasparenza e della partecipazione popolare si sono inventati una comunicazione a tutti i Consiglieri dove sono imposte le regole su come affrontare il prossimo Consiglio Comunale che avrà all'ordine del giorno un punto importante come il Bilancio di Rendiconto di Gestione 2017.

Probabilmente avendo paura di una libera ed aperta discussione in Aula Consiliare - o ritenendo , forse, che la sua maggioranza non fosse all'altezza di affrontare un pubblico dibattito - la presidente del Consiglio sig.ra Silvia Silvestri ha destinato alla Conferenza dei Capogruppo – da tenersi in via riservata ed a porte chiuse - la discussione sostanziale sul Bilancio, demandando all'Aula ed alla seduta pubblica di Consiglio solo la mera dichiarazione di voto sullo stesso.

Tale disegno comporta non solo il divieto di qualsiasi discussione aperta, ma nella sostanza nega ai cittadini la possibilità di poter assistere all'esame dei punti da verificare e chiarire ed al dibattito sugli stessi che – lo ripeto –secondo il piano della sig.ra Silvestri dovrà avvenire nelle segrete stanze e non in pubblica seduta.

La udienza Consiliare sarebbe riservata esclusivamente alla sola dichiarazione di voto da effettuarsi – ha ricordato, oltretutto, la Silvestri- in tempi strettamente da lei limitati.

Premesso che nessuna Amministrazione precedente si è mai sognata di promuovere tale illiberale e oscura procedura, sottolineo – nella mia qualità di Consigliere di opposizione – che non solo il TUEL, ma nemmeno nessun articolo del Regolamento di Contabilità, prevede questa limitazione del ruolo e delle prerogative del Consigliere comunale il quale deve essere libero – in sede di seduta consiliare – di poter esprimere il proprio pensiero e di farlo udire e conoscere a tutte le persone interessate.

Tale iniziativa, inoltre, lede il diritto dei cittadini – sia di quelli presenti in aula che di quelli collegati via streaming - ai quali la legge ha concesso la facoltà di poter assistere e di essere testimoni della discussione sulla approvazione di un atto amministrativo fondamentale come il bilancio consuntivo.

Inoltre in questo modo – non vigendo per la seduta dei Capogruppo l'obbligo di registrazione degli interventi - non saranno messi agli atti , annotati ed archiviati tutti i quesiti, , i chiarimenti e le domande che porranno i Consiglieri.

Non se tale iniziativa della sigra Silvestri sia nota anche ai Consiglieri della maggioranza – i quali potrebbero essere stati convinti a condividere senza discutere il Bilancio di previsione così come approvato recentemente- ma trovo gravissimo che tale procedura sia imposta alla opposizione a cui viene negata la possibilità di esercitare pubblicamente le funzioni di partecipazione e di controllo.

Il Sindaco venga in Aula – apertamente - a discutere del bilancio, come del resto hanno fatto tutti i suoi predecessori, senza sottrarsi al dialogo chiaro e pubblico alla presenza dei cittadini.

Avrebbe così la possibilità di spiegare pubblicamente quali siano le probabili future passività del Comune, quali e quanti siano i crediti inesigibili, con quali voci di entrata ha previsto di coprire i mutui o i prestiti richiesti per milioni di euro e se e come graveranno sulle future generazioni, a quanto ammontano gli incarichi esterni affidati nel corso dell'anno e tanto altro.

I Cittadini debbono constatare – purtroppo – come siamo passati da una campagna elettorale dove si decantava il BILANCIO PARTECIPATO alla amara realtà dove di applica il BILANCIO SEGRETO.

Share on Facebook
Categoria: politica

Città della Metropoli: nomina vicesindaco sia condivisa

Raggi assicura che avverrà entro pochi giorni

redazione venerdì 1 giugno 2018
palazzo valentiniROMA - "Ci sono voluti 3 mesi per fare un Governo, ma non è un record isolato. Sono 5 infatti i mesi che sono passati senza che la Sindaca Raggi trovasse il modo ed il tempo, dopo la cacciata di Fucci, di nominare un nuovo Vicesindaco in Città Metropolitana".

Così, in una nota il gruppo di centrosinistra "Le Città della Metropoli" in Consiglio Metropolitano.

"Nell'ultimo Consiglio, dove abbiamo avuto il piacere di rivedere la stessa Sindaca, dopo mesi di assenza - prosegue il comuncato -  ci è stato assicurato dalla stessa che entro pochi giorni arriverà questa nomina. Abbiamo ricordato, per bocca del capogruppo Federico Ascani, che in aula il M5S non ha la maggioranza assoluta, e quindi tutti i provvedimenti devono vedere il coinvolgimento delle altre forze politiche. Ogni volta infatti che si è tentato, da parte dei 5 stelle, di forzare i lavori o proporre scelte inopportune, è stato complicato per loro trovare i numeri in Aula. E siamo attesi nelle prossime settimane alla prova dell'approvazione del Bilancio 2018, atto indispensabile ed atteso da tanti Sindaci e dalle nostre comunità. Per questo abbiamo avanzato la proposta, per la nomina del Vicesindaco, di aprire una consultazione sul profilo che dovrebbe avere questa figura, fondamentale per l'Ente".

"Sappiamo che la Sindaca Raggi, per il carico già di per se complesso della guida della Capitale, non può assolvere a tempo pieno anche quello in Città Metropolitana - sottolinea il gruppo -  e visti i numeri del Consiglio Metropolitano, occorre che si scelga un Consigliere che apra un dialogo con noi e con il centro destra. L'esperienza precedente con Fucci è stata assolutamente negativa, e non vogliamo che si ripeta. Inoltre occorre tener presente che la Città Metropolitana ha bisogno di un giusto bilanciamento tra la Capitale ed i 120 Comuni che ne fanno parte. Abbiamo atteso tanto, meglio qualche giorno in più che un'ennesima scelta di chiusura", conclude la nota.
 

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -