Sabato, 23 Febbraio 2019
RSS Feed

politica

Categoria: politica

Lazio, la settimana in Consiglio

Giovedì seduta - il calendario delle Commissioni

redazione domenica 20 gennaio 2019
ingresso consiglio regionaleLAZIO - Il presidente Leodori ha aggiornato la seduta n. 20 del Consiglio regionale del Lazio a giovedì 24 gennaio alle ore 10.30, per la prosecuzione dell'esame della proposta di deliberazione consiliare n. 12.

COMMISSIONI CONSILIARI PERMANENTI E SPECIALI

Lunedì 21 gennaio

Ore 9.30 - Sala Latini

IX Commissione - Lavoro, formazione, politiche giovanili, pari opportunità, istruzione, diritto allo studio

All'ordine del giorno della seduta l'esame della proposta di Legge n. 40 del 21 giugno 2018 "Norme per la tutela e la sicurezza dei lavoratori digitali".

Ore 10.30 – Sala Di Carlo

I Commissione - Affari costituzionali e statutari, affari istituzionali, partecipazione, risorse umane, enti locali, sicurezza, lotta alla criminalità, antimafia

La seduta esaminirà il testo unificato delle proposte di legge n. 50 e n. 59 concernente: "Riordino delle istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza (Ipab) e disciplina delle Aziende pubbliche di servizi alla persona (Asap).

Ore 11 – Sala Etruschi

VIII Commissione – Agricoltura, ambiente

Audizione: relazione del presidente dell'Arsial.

Ore 12 – Sala Etruschi

V Commissione – Cultura, spettacolo, sport e turismo

Audizione con Liberato Mirenna, Presidente dell'Associazione Wiin - World intercultural institute e dell'Ompseco, per l'illustrazione del progetto "Expo Universale 2019" e la presentazione degli eventi "Mister Tourism World" e "International Fashion Roma".
Martedì 22 gennaio

Ore 11.30 – Sala Di Carlo

VII Commissione - Sanità, politiche sociali, integrazione sociosanitaria, welfare

All'ordine del giorno due audizioni:

alle 11.30 Casa di cura Villa Gioia di Sora (Fr);
alle 12.30 Daniela Pezzi, presidente Consulta per la salute mentale.

Ore 13.30 – Sala Latini

VI Commissione – Lavori pubblici, infrastrutture, mobilità, trasporti

All'ordine del giorno l'esame dello schema di deliberazione n. 37 del 9 gennaio 2019 concernente: legge regionale n. 4/2018. Capitolo c12520 per l'esercizio finanziario 2019. Euro 5.000.000 per interventi di viabilità per le strade di Roma Capitale.

Ore 14 – Sala Latini

VI Commissione – Lavori pubblici, infrastrutture, mobilità, trasporti

All'ordine del giorno un'audizione sulla linea ferroviaria Roma-Lido. Saranno ascoltati: l'assessore regionale Mauro Alessandri, la sindaca di Roma, Virginia Raggi, l'assessore capitolino alla Città in movimento, Linda Meleo, il presidente del X Municipio, Giuliana Di Pillo, il presidente dell'Atac, Paolo Simioni, Roberto Spigai e Maurizio Messina del Comitato pendolari Roma-Lido.

Ore 15 – Sala Etruschi

IV Commissione – Bilancio, Programmazione economico-finanziaria

XI Commissione – Sviluppo economico e attività produttive, start-up, commercio, artigianato, industria, tutela dei consumatori, ricerca e innovazione

Seduta congiunta per l'esame della proposta di deliberazione consiliare n. 23 del 5 dicembre 2018 concernente: "Approvazione delle linee guida per la predisposizione del piano industriale 2019-2021 di Lazio Innova Spa ai sensi dell'art. 2, comma 1 lett. A) della legge regionale 13 dicembre 2013 n. 10".

Ore 15 – Sala Di Carlo

III Commissione - Vigilanza sul pluralismo dell'informazione

Audizione con i direttori delle testate giornalistiche.

Ore 16 – Sala Rutuli

II Commissione - Affari europei e internazionali, cooperazione tra i popoli

Esame della proposta di legge n. 93 del 7 gennaio 2019 di iniziativa del consigliere Capriccioli concernente: "Modifiche alla Legge Regionale 9 febbraio 2015 n. 1 "Disposizioni sulla partecipazione alla formazione e attuazione della normativa e delle politiche dell'Unione Europea e sulle attività di rilievo internazionale della Regione Lazio".

Share on Facebook
Categoria: politica

MInnucci: bene Legautonomie su indennità sindaci

Mi auguro che pdl sia condivisa

redazione giovedì 17 gennaio 2019
minnucci emilianoLAZIO - "Nel nostro paese un sindaco di un comune di 10mila abitanti percepisce un'indennità di circa 2mila euro al mese. A fronte di questo compenso il sindaco, oltre la parte politica e programmatica, ha responsabilità in materia sanitaria, di igiene pubblica, di polizia giudiziaria e di pubblica sicurezza. Rispondendone in prima persona, sia in sede civile che in quella penale. Davanti a questo quadro, dunque, quanti cittadini consapevoli sarebbero disposti a ricoprire un ruolo così importante e delicato che prevede ad oggi un'indennità così contenuta?"

lo ha detto il Consigliere della Regione Lazio, Emiliano Minnucci, commentando la pdl presentata alla Camera dei deputati da Matteo Ricci, Sindaco di Pesaro e Presidente di Legautonomie, e dai parlamentari Claudio Mancini, Serse Soverini e Gian Mario Fragomeli, che prevede una rivisitazione delle indennità degli amministratori locali.

"Fare il sindaco non vuol dire solo indossare orgogliosamente una fascia tricolore. Fare un sindaco vuol dire rappresentare una comunità di cittadini garantendo presenza, ascolto e competenza. Vuol dire mettere in cantiere progetti per la propria comunità, reperire i fondi necessari per realizzarli e rispettare i vincoli imposti dalla normativa. Vuol dire garantire sicurezza e igiene urbana gestendo ogni tipo di emergenza, sia in termini ordinari che straordinari. In quest'ottica – ha concluso Minnucci - la proposta di legge promossa dal presidente di Legautonomie, Matteo Ricci, rappresenta un passo importante a tutela della dignità di ogni amministratore locale che quotidianamente si scontra con i problemi e le esigenze del proprio territorio. Mi auguro che questa pdl venga condivisa da tutte le forze politiche al fine di garantire adeguatamente ai nostri primi cittadini quella dignità che oggi purtroppo non hanno".

Share on Facebook
Categoria: politica

Pascucci: da sindaca Raggi bugie e sgarbo istituzionale

Protesta dei sindaci in aula Giulio Cesare

redazione giovedì 17 gennaio 2019

CERVETERI - "Ieri, insieme ad una delegazione di sindaci della città metropolitana di Roma ci siamo recati in aula Giulio Cesare per consegnare una lettera appello alla sindaca Raggi in cui chiediamo di non far pesare i gravi problemi dei rifiuti di Roma sui territori della Provincia. In tutta risposta ci siamo ritrovati gli insulti della Sindaca che ha definito una strumentalizzazione la nostra iniziativa. Dopo aver atteso oltre cinque ore per consegnare la lettera firmata da Sindaci di tutti gli schieramenti politici, la Raggi non solo non ci ha fatto intervenire ma ha fornito risposte insufficienti e ricostruzioni piene di inesattezze".

Così in una nota Alessio Pascucci, sindaco di Cerveteri e promotore della rete dei sindaci #NoDiscaricaInProvincia che ha raccolto oltre cento firme tra amministratori pubblici.

"La Raggi ha rotto un rapporto istituzionale denigrando il ruolo che noi, come garanti dei nostri territori, siamo chiamati a fare. Siamo venuti in Campidoglio nostro malgrado, perchè la correttezza vorrebbe che questi temi venissero discussi in Città Metropolitana dove la Raggi è presidente e dove vergognosamente in due anni e mezzo non si è mai degnata di ascoltarci".

"Almeno con la nostra protesta abbiamo strappato alla Raggi che nessuna discarica né inceneritore verranno costruiti in provincia, sperando che queste non siano le solite promesse disattese tipiche dei 5 Stelle. La questione più grave resta che la Sindaca continua a negare l'evidenza sostenendo di avere recepito le nostre indicazioni sui vincoli ma ha trasmesso alla Regione una mappa in cui non sono presenti i vincoli archeologici da noi indicati sulle aree bianche, compresa quella di Pizzo del Prete", spiega Pascucci.

"Dopo le proteste di ieri, oggi alle 15 le nostre istanze di Sindaci e amministratori dei territori sono arrivate in Parlamento attraverso un'interrogazione al Ministro Costa sulla discarica di Roma, proposta da tre deputati tra cui Rossella Muroni che risulta anche tra i firmatari della nostra Lettera-Appello".

Lo comunica in una nota l'ufficio stampa del sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci.

Share on Facebook
Categoria: politica

Grando:stop rifiuti in provincia

Consegnata lettera di protesta a Raggi

redazione giovedì 17 gennaio 2019
sindaco alessandro grandoLADISPOLI - "Siamo soddisfatti della riuscita della manifestazione che si è svolta ieri al Campidoglio, nella quale i sindaci delle città dell'hinterland capitolino hanno rinnovato al sindaco di Roma e della Città Metropolitana Virginia Raggi un secco NO all'ipotesi di aprire una discarica in provincia per accogliere i rifiuti della Capitale. Sindaci di tutti i colori politici che avrebbero meritano ben altra considerazione e rispetto da parte del sindaco di Roma che invece si è distinta solo per pretestuose allusioni. Noi non molleremo la presa, il nostro territorio non sarà mai la discarica di Roma".

Le parole sono del sindaco Alessandro Grando, reduce dalla manifestazione in Campidoglio insieme ai colleghi delle città interessate. Amministratori che hanno consegnato al sindaco Raggi una lettera di protesta contro un progetto che danneggerebbe in modo irreparabile la zona scelta per l'eventuale centro di smaltimento dei rifiuti.

"E' inaccettabile – prosegue il sindaco Grando – che nell'aula Giulio Cesare, durante il Consiglio comunale capitolino, Virginia Raggi si sia permessa di sollevare il dubbio che la nostra iniziativa sia soltanto animata da spirito di propaganda elettorale in vista delle consultazioni europee di primavera. Alla prima cittadina di Roma ricordiamo che la lettera è stata sottoscritta anche da amministratori del Movimento 5 Stelle. Quello del sindaco Raggi è un modo di sviare il discorso, di non volersi assumere le proprie responsabilità politiche, mostrando anche una scarsa conoscenza del territorio, come confermato dal fatto che la Città metropolitana, di cui la Raggi è a capo, avrebbe indicato zone come Pizzo del Prete, tra Cerveteri e Fiumicino e vicinissima a Ladispoli, dove esistono dei vincoli ben precisi che impediscono l'apertura di una discarica. Noi sindaci abbiamo il dovere di difendere le nostre città ed è quello che stiamo facendo. Non accetteremo decisioni calate dall'alto senza il nostro coinvolgimento. Siamo pronti alla mobilitazione civile e democratica, il messaggio che abbiamo consegnato in Campidoglio è molto chiaro. Stop ai rifiuti di Roma nella provincia!".

Share on Facebook
Categoria: politica

Pascucci-Montino: no discarica a Pizzo del Prete

Incontro in Regione con l'assessore Valeriani

redazione giovedì 17 gennaio 2019
discaricaLAZIO - Il sindaco di Cerveteri, Alessio Pascucci, e il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino, sono stati ricevuti dall'assessore all'ambiente della Regione Lazio, Massimiliano Valeriani. All'incontro hanno partecipato anche il vicesindaco di Fiumicino Ezio di Genesio Pagliuca, l'assessora al Territorio di Cerveteri Elena Maria Gubetti e i consiglieri regionali Michela Califano ed Emiliano Minnucci.

"L'incontro, avvenuto alla Pisana, ha consentito - si legge in una nota congiunta di Pascucci e Montino - di sottolineare con estrema nettezza quanto da ormai due anni si fa presente alla Città Metropolitana. Le mappe inviate dalla Città Metropolitana alla Regione non tengono conto del sistema di vincoli anche paesaggistici e archeologici, certificati dalla Sovrintendenza, che rendono Pizzo del Prete non idonea ad ospitare un impianto di gestione dei rifiuti. Abbiamo chiesto alla regione che prenda preliminarmente in considerazione le osservazioni presentate dalle due amministrazioni cosa che Raggi non fa da due anni".

"Abbiamo nuovamente sottoposto alla Regione Lazio le stesse osservazioni inviate più volte alla Città Metropolitana e misteriosamente omesse nella mappatura definitiva. L'assessore Valeriani ci ha garantito un approfondimento sul sistema di vincoli cui è sottoposto Pizzo del Prete prima di procedere con l'iter" conclude la nota di Pascucci e Montino.


Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -