Mercoledì, 28 Ottobre 2020
RSS Feed

politica

Categoria: politica

Anguillara, la Lega dice no a Pizzigallo candidato sindaco

Respinta anche l'alternativa del figlio Angelo

redazione giovedì 16 luglio 2020
lega anguillaraANGUILLARA - "Al di là delle normali schermaglie politiche, c'è un punto che rappresenta un vulnus insuperabile per i nostri sostenitori: la candidatura dell'ex sindaco Antonio Pizzigallo, ora di nuovo esponente di Forza Italia dopo una trasmigrazione da un gruppo politico ad un altro. Né può essere accettabile, come alternativa proposta, la candidatura del figlio Angelo".

Lo dichiara il Direttivo della Lega di Anguillara il cui referente principale è Daniele De Vito in una lettera indirizzata al responsabile provinciale della Lega, Claudio Durigon, nella quale evidenziano la netta contrarietà alla candidatura a sindaco per la compagine del centrodestra, dell'ex sindaco Antonio Pizzigallo o del figlio Angelo quale alternativa.

"Ad Anguillara non è in vigore la legge salica che prevede il passaggio del trono del Re ai primogeniti maschi – scrivono gli esponenti della Lega Anguillara - da noi esiste la regola democratica che impone di ascoltare gli elettori. E quest'ultimi non ne possono più di vecchi esponenti che non si rassegnano al trascorrere del tempo e del giudizio negativo delle urne, pena il mancato sostegno elettorale".

"Per noi, caro Claudio – sottolineano gli esponenti leghisti - è impossibile stringere un accordo in tal senso con Forza Italia. Al contrario, abbiamo buone probabilità di giungere ad un accordo soddisfacente con gli esponenti di FdI e della rappresentanza civica AnguillaraSvolta".

"Sicuri che saprai farti interprete di questi sentimenti e certi che anche per te il giudizio dei nostri sostenitori è sempre preminente rispetto a qualsiasi decisione – conclude la lettera a Durigon - contiamo sul tuo sostegno al fine di arrivare ad un accordo che tenga conto di quanto sopra".
 

Share on Facebook
Categoria: politica

Cerveteri, la Regione dice sì alla zona artigianale

Pascucci: stimiamo oltre 2000 posti di lavoro

redazione mercoledì 15 luglio 2020
sindaco alessio pascucciCERVETERI - La Giunta Regionale del Lazio ha approvato la Delibera relativa al Programma Integrato di intervento della Zona Artigianale e Semi industriale in località Pian del Candeliere. Un'opera che la nostra città aspetta da più di cinquant'anni e che avrà una enorme ricaduta da un punto di vista delle infrastrutture, dell'urbanizzazione e occupazionale, con una stima prevista di oltre 2.000 posti di lavoro tra indotto diretto e indiretto.

Un piano articolato che prevede tre interventi: la realizzazione di un parco commerciale, un piano degli insediamenti produttivi, ovvero l'area artigianale; e una serie di opere accessorie e complementari destinate alla collettività con la realizzazione di servizi e un miglioramento della viabilità grazie all'ampliamento della Via Fontana Morella con annessa una pista ciclopedonale e alla creazione di una nuova rete viaria che migliorerà i collegamenti tra Cerveteri e Cerenova.

Tutte opere che non avranno un costo per la cittadinanza ma saranno a carico di chi realizzerà l'area commerciale.

"L'Area artigianale è da sempre stata una priorità della nostra Amministrazione – ha dichiarato il Sindaco Alessio Pascucci – su cui abbiamo lavorato duramente mantenendo fin dall'inizio una posizione chiara e coerente. Vorrei ringraziare per il raggiungimento di questo straordinario obiettivo la mia maggioranza, e in particolar modo il consigliere comunale Matteo Luchetti, l'architetto Marco Di Stefano, Dirigente all'Urbanistica del nostro Comune e ovviamente il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e Massimiliano Valeriani, Assessore alle Politiche Abitative e Urbanistica, per l'attenzione dimostrata nei confronti della nostra città su una tematica fondamentale per il nostro tessuto economico ed imprenditoriale".

"Al nostro insediamento nel 2012 – prosegue il Sindaco Pascucci - abbiamo trovato una situazione ingarbugliata e che non pensava al bene dei nostri artigiani. Per come erano stati predisposti gli atti, la zona artigianale non avrebbe mai visto la luce. Abbiamo annullato il procedimento e siamo ripartiti da zero. Dopo un lungo lavoro di riprogettazione, che ci tengo a sottolineare non è costato un solo centesimo alle casse comunali, siamo riusciti a portare avanti un iter complesso e delicato, ma che finalmente consegnerà a Cerveteri la sua area artigianale accanto a un'area commerciale e a servizi".

Share on Facebook
Categoria: politica

Lazio, da Commissione ok a legge contabilità regionale

Il provvedimento ora passa all'esame dell'aula

redazione mercoledì 15 luglio 2020
sala mechelliLAZIO - La commissione Bilancio, programmazione economico-finanziaria, partecipazioni regionali, federalismo fiscale, demanio e patrimonio, del Consiglio regionale, presieduta da Fabio Refrigeri (Pd), ha approvato oggi all'unanimità la proposta di legge n. 213 ("Legge di contabilità regionale"), presentata in commissione lo scorso 25 marzo dall'assessora regionale al Bilancio, Alessandra Sartore.

Si tratta di un provvedimento che riordina l'intera materia sulla base dell'armonizzazione dei bilanci e che verrà trasmesso all'Aula per l'esame definitivo, partendo da un testo composto dai 52 articoli iniziali, più i quattro aggiuntivi approvati oggi (tre dell'assessora e uno a firma del presidente del Comitato regionale di controllo contabile, Giancarlo Righini di Fratelli d'Italia).

Approvati anche 33 emendamenti: 21 presentati dalla stessa Sartore, quattro da Righini e otto dalla vicepresidente della commissione, Valentina Corrado (M5s).

Come aveva già detto Alessandra Sartore in fase di presentazione del provvedimento, si tratta di "una proposta di legge che risponde all'esigenza primaria di una riforma della legge di contabilità che adegui la normativa regionale al quadro ordinamentale generale, superando i dettami della legge regionale n. 25/2001 e del relativo regolamento di attuazione, in ossequio anche a quanto osservato dalla Corte dei conti – Sezione regionale di controllo per il Lazio". La nuova legge, infatti, è in linea con il decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 e, per la parte applicabile alle Regioni, con le disposizioni della legge 31 dicembre 2009, n. 196.

Con specifico riferimento al quadro normativo della Regione Lazio, la nuova legge andrà a sostituire la legge regionale n. 25/2001, in coerenza con il processo di "armonizzazione dei bilanci" e di riforma della contabilità pubblica, avviato nel 2009. "Un processo – si legge nella relazione – che ha avuto il dichiarato obiettivo di realizzare un sistema contabile omogeneo per tutte le amministrazioni, necessario ai fini del coordinamento della finanza pubblica e del consolidamento dei conti, anche per rispondere con maggiore efficienza alle verifiche disposte in ambito europeo, delle attività connesse alla revisione della spesa pubblica e per la determinazione dei fabbisogni e costi standard".

In tale ottica, l'assessora Sartore, nella sua illustrazione aveva spiegato che "l'adozione di una nuova legge di contabilità rappresenta il punto di arrivo di un percorso di risanamento complessivo del bilancio regionale avviato ormai nel 2012 e, nel contempo, fornendo il quadro generale della disciplina regionale in materia, in coerenza con la disciplina contabile del D.lgs. n. 118/2011, è l'inevitabile punto di partenza per garantire una governance unitaria nel sistema di programmazione e di gestione del bilancio regionale".

Share on Facebook
Categoria: politica

Lazio, Usi Civici: ok a ordine del giorno a firma Porrello

"Adesso discutere la mia proposta di legge"

redazione martedì 14 luglio 2020
porrelloLAZIO - "L'aula del Consiglio Regionale del Lazio oggi ha approvato un mio ordine del giorno, sottoscritto anche da Gino De Paolis e Marietta Tidei, che impegna la Giunta ad attivarsi per restituire alla regione la potestà, sancita dalla legge, di nomina dei periti incaricati di mappare gli usi civici del Lazio. È una buona notizia perché il voto positivo dell'aula significa la volontà politica di superare l'impasse che si è venuta a creare. Oggi abbiamo compiuto un passaggio fondamentale per arrivare ad una soluzione della decennale querelle che coinvolge Regione Lazio, Università Agrarie e cittadini creando problemi soprattutto a questi ultimi. Un ordine del giorno è però un atto di indirizzo, diventa quindi ancora più necessario, alla luce del voto odierno, discutere la proposta di legge sugli Usi Civici che ho depositato nelle scorse settimane e che riporterebbe legalità e imparzialità dopo troppi anni di strapotere, immotivato, delle Università Agrarie. Sono disponibile al confronto con le altre forze politiche per arrivare finalmente ad una decisione che metta fine ad anni di incertezza per molti cittadini di Civitavecchia".

Lo dichiara Devid Porrello, Consigliere M5S Lazio e Vicepresidente del Consiglio Regionale.

Share on Facebook
Categoria: politica

Anguillara, De Vito (Lega): con Acea si confronti la nuova amministrazione

"Commissario agisca con prudenza e buonsenso"

redazione lunedì 13 luglio 2020
de vitoANGUILLARA - "Il Commissario prefettizio dovrebbe agire con prudenza e buonsenso, la fretta nel formalizzare al più presto il passaggio della rete idrica ad Acea offende i cittadini che vogliono essere partecipi delle condizioni, e le forze politiche che da lui hanno assicurazioni in tal senso. La parola per noi ha valore sempre, una stretta di mano con chi rappresenta lo Stato equivale ad un contratto".

Lo ha detto il coordinatore della Lega Anguillara, Daniele De Vito, riferendosi alle voci sui frequenti sopralluoghi effettuati da Acea per l'acquisizione della rete di distribuzione dell'acqua pubblica .

"Caroli – ribadisce il referente di Matteo Salvini ad Anguillara - continui ad occuparsi dell'emergenza attuale e stia al fianco degli operai sempre in prima linea nonostante la carenza di risorse come la risoluzione dell'acqua non potabile al Biadaro, un fatto diventato ormai consuetudine a turno con gli altri pozzi. I cittadini sono arrabbiati, pagano regolarmente bollette salate e spesso, per carenza di pressione, non possono permettersi neanche il lusso di una doccia ".

"Forse dedicare soltanto due giorni a settimana per svolgere il ruolo di sindaco, giunta e consiglio sono pochini – rincara De Vito – magari sarebbe utile allungare un po' la permanenza in ufficio e soprattutto incontrare cittadini e forze politiche per stabilire insieme la base delle condizioni da sottoporre ad Acea Spa facendosi garante del ruolo di mediazione. Questo – conclude il rappresentante della Lega Anguillara - sarebbe un buon servizio a favore della comunità di Anguillara, dopodiché dovrebbe lasciare alla nuova amministrazione che si insedierà in autunno la conduzione definitiva della gestione della rete idrica comunale. Noi speriamo sino alla fine che il parlamento legiferi perché rimanga pubblica ma in caso contrario pretendiamo il massimo da questa trattativa nell'interesse di chi rappresentiamo".

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -