Venerdì, 17 Novembre 2017
RSS Feed

politica

Categoria: politica

Un rimpasto con tanti perché

Di Gioia da Lavori Pubblici al Bilancio

Marco Sciarra mercoledì 30 gennaio 2013
Anguillara porta orologio
ANGUILLARA- Più che un rimpasto è un rimpastino. Il Sindaco Pizzorno ha revocato ad Antonio Di Gioia la delega assessorile ai Lavori Pubblici e gli ha assegnato il Bilancio che sino a quel momento il primo cittadino esercitava ad interim. Di Gioia è uno stimato architetto con passate esperienze amministrative, la delega ai Lavori Pubblici ci stava tutta. Abituato a progettare costruzioni e a frequentare cantieri, non gli era difficile seguire il buon andamento di un opera pubblica in corso. Il Bilancio, invece, di questi tempi, è più adatto a tecnici contabili. Si dirà: l'assessore dà la linea degli interventi di spesa e gli uffici redigono i documenti contabili, non occorre per forza un ragioniere. Vero, ma per un incarico simile perché togliere quella che dovrebbe essere la persona giusta al posto giusto? Il Sindaco, dal canto suo, ha annunciato di aver adottato il provvedimento perché "ha ritenuto opportuno procedere ad una ridistribuzione e diversa ripartizione delle competenze assessorili; pertanto, tenuto conto della centralità e della complessità, in questo mandato, delle materie economiche, ha trasferito le competenze relative al Bilancio all'Assessore Nicola Antonio Di Gioia". Va bene, ma insomma, perché il Sindaco ha ritenuto opportuno togliere i Lavori Pubblici a Di Gioia? Vista con disincanto, la cosa sembrerebbe una promozione, il Bilancio è l'assessorato che determina la vita amministrativa del Comune. Da un'altra angolazione, e volendo essere un po' meno naif, appare più come il classico "promoveatur ut amoveatur". Fermo restando che chi sa progettare un palazzo potrà ben redigere un rendiconto finanziario, resta sempre la domanda: perché è stato rimosso Di Gioia?
Marco Sciarra

Share on Facebook
Categoria: politica

Manciuria punta alla Camera

Ottavo della lista Udc Lazio 1

redazione domenica 27 gennaio 2013
foto sergioANGUILLARA - Sergio Manciuria si candida alla Camera dei Deputati alle prossime elezioni all'ottavo posto nella Lista Udc Lazio 1 che appoggia il premier Mario Monti.

Dalla sua, l'attuale capogruppo Udc al Comune di Anguillara ha una lunga esperienza politica che intende mettere in campo per puntare a Montecitorio. Certo è che Manciuria ha speso tanti anni di vita politica ad Anguillara - e non solo - come esponente dell'area democratico cristiana, prima con il CDU locale, di cui è stato segretario dal '96 al '97, poi come Presidente dell'Associazione Popolari Riformatori - da lui fondata nel 2004 e con cui si è candidato alle elezioni comunali di Anguillara risultando il secondo degli eletti -, quindi da Presidente del Consiglio Comunale di Anguillara per il quinquennio 2004-2009, con delega all'Area artigianale e allo Sviluppo e Assetto del Territorio.

Recentemente Manciuria si è battuto con forza per sensibilizzare i vertici nazionali del suo partito verso un'apertura agli esponenti del territorio, agli amministratori cioè che vivono da vicino la realtà dei bisogni dei cittadini. Un appello che sembra aver dato i suoi frutti, dal momento che sono stati candidati molti esponenti locali, in gran parte giovani, che intendono mettere a disposizione le loro esperienze. Lo stesso è pronto a fare Manciuria che, forte del consenso elettorale ottenuto nel 2009, e del buon risultato riportato alle ultime elezioni comunali, si appresta a chiedere fiducia agli elettori, unendosi agli altri concittadini che corrono ugualmente per un seggio alla Camera: Giorgio Simeoni, deputato uscente del Pdl, Emiliano Minnucci, ex-sindaco di Anguillara (la cui giunta cadde proprio per una crisi politica con l'Udc di Manciuria) che si presenta con il Pd, ed Enrico Serami, ex consigliere comunale Pdl che si presenta con la neo lista Fratelli d'Italia di Meloni e Crosetto.

Share on Facebook
Categoria: politica

Revocati finanziamenti regionali

Paolessi (pdl) denuncia la revoca di 74.000 euro

redazione venerdì 25 gennaio 2013
Anguillara Municipio PoliticaANGUILLARA - "A Pizzorno non è bastato di aver dato dimostrazione di grande incapacità per non aver fatto le richieste di finanziamenti regionali per le opere pubbliche. Non contento di quel risultato, la sua giunta ha pensato bene di dimostrare di non essere capace neanche di portare a termine le procedure tecniche per l'ottenimento dei finanziamenti regionali che la giunta da me presieduta è riuscì faticosamente ad ottenere nel 2009".

Lo afferma il Capogruppo Pdl al Comune di Anguillara Stefano Paolessi, annunciando la notizia della revoca del finanziamento regionale di 74.000 euro per lavori inerenti Piazza del Molo (ex commi 50 e 51).

"Ricordiamo tutti – aggiunge Paolessi – che il finanziamento di 74.000 euro sarebbe servito a sistemare lo scempio di piazza del Molo avvenuto sotto la giunta Minnucci. L'invio da parte della Regione della revoca del finanziamento è dovuto alla mancata presentazione delle procedure tecniche e del contratto di aggiudicazione che avrebbe dovuto essere inviato alla Regione entro il 12 ottobre 2012. Ma nonostante il parere favorevole dell'ufficio Urbanistica del Comune fosse stato rilasciato il 23 settembre 2011 dall'Arch.Violo – spiega il capogruppo Pdl –. la pratica è rimasta a giacere nei cassetti del Comune, cosa di cui non se ne capisce il motivo, ed è stata spedita in Regione solo il 30 marzo 2012, ben sette mesi dopo aver ottenuto detto parere. C'è da domandarsi come mai sia potuta accadere una cosa del genere dal momento che il Consigliere delegato è sempre presente e lavora tanto. Ma forse una risposta c'è: la giunta di sinistra che male amministra la nostra città usa il calendario Pizzorniano e non quello Gregoriano, quindi i tempi non sono quelli normali. Cosa però – conclude Paolessi – che in questi diciotto mesi non ha impedito a questa giunta di distinguersi per l'aumento delle tariffe, dell'accise sull'energia e dei valori dell'Imu".

Share on Facebook
Categoria: politica

Peppe Mariani ci riprova

l'ex consigliere punta di nuovo alla Pisana

redazione venerdì 25 gennaio 2013
Foto Mariani 1ROMA - Peppe Mariani, esponente delle liste civiche e consigliere regionale durante la presidenza Marrazzo, tenta di nuovo la corsa alla Pisana con la lista Diritti e Libertà – Centro Democratico per Zingaretti, apparentata allo schieramento di centrosinistra che tenterà la conquista del Consiglio regionale alle ormai prossime elezioni.

Al telefono con il Corriere del Lago, Mariani ha spiegato le ragioni della sua scelta. "Da sempre – ha spiegato l'esponente politico - ho messo a disposizione di tutti il mio impegno nel difendere quei cittadini che troppe volte sono stati dimenticati. Durante la mia passata esperienza in Consiglio regionale da presidente della commissione lavoro l'ho fatto più volte senza guardare in faccia nessuno, molte volte hanno tentato di fermarmi ma sono andato avanti con ancora maggiore determinazione. C'è un lavoro da finire, occorre mettere mano ad una riforma del welfare che eravamo ad un passo da approvare e che il centrodestra ha stravolto, per questo chiedo di nuovo la fiducia ai cittadini".

"La politica - ci ha spiegato Mariani - per me è e rimarrà sempre, passione, militanza, perseveranza, determinazione, il coraggio di sognare di cambiare il mondo, di provare a dare rappresentanza a chi non ce l'ha attuando una politica sociale che esca dagli schemi tradizionali. Io sono sempre stato indipendente ed ho agito fuori dagli steccati politici, ed è proprio l'indipendenza che mi ha dato la forza di agire e di assumere posizioni ferme ed a volte scomode. La lista civica a cui ho aderito ha nel suo logo due parole per me insostituibili: diritti e libertà. Se gli elettori ci daranno di nuovo il loro consenso – ha concluso Mariani – insieme a loro ne faremo l'elemento portante su cui poggiare il nostro programma di rinnovamento politico".

Share on Facebook
Categoria: politica

Gli auguri dI Luciani AL NOSTRO GIORNALE

"Il buon lavoro" del Sindaco di Trevignano

Redazione giovedì 17 gennaio 2013
massimo lucianiTREVIGNANO - "I più vivi auguri e felicitazioni" per la nostra testata giornalistica, sono stati espressi dal Sindaco di Trevignano Massimo Luciani.
"Sono sicuro – ha scritto il Sindaco in un messaggio inviato al nostro direttore - dell'ottimo servizio che lei fornirà a tutti noi amministratori. Mi sento per questo di ringraziarLa e Le faccio di cuore un 'in bocca al lupo'".
Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -