Lunedì, 18 Dicembre 2017
RSS Feed

politica

Categoria: politica

Minnucci (Pd): “Con noi nuovo percorso politico”

Intervista al Corriere del Lago

Andrea Camponi - Direttore giovedì 7 febbraio 2013
foto minnucciMinnucci, una volta a Montecitorio qual è la prima legge che presenterà?

"Da deputato, sin dai primi giorni vorrei incentrare il mio impegno lavorando ad una proposta di legge sulla tutela e la valorizzazione delle Acque Interne (Fiumi, Laghi, ecc...).

Un bene essenziale e comune a noi tutti. Credo infatti che oggi più che mai sia necessaria una legge in questo campo, innanzitutto per limitare il potere delle società private o pubblico/private rispetto allo sfruttamento di queste strategiche risorse idriche ed ambientali.

Nella Regione Lazio basta ricordare l'affaire ACEA - purtroppo caso non isolato - per comprendere la gravità delle situazione dell'acqua pubblica. Occorre agire subito e senza indugi per il bene di tutti i cittadini".


Lei è molto legato al territorio in cui è nato e dove vive (Anguillara Sabazia) quali saranno le istanze del luogo che porterà in Parlamento?

"Tutti i Comuni limitrofi alle grandi metropoli italiane denunciano situazioni di difficoltà: rete sanitaria, trasporto su ferro, infrastrutture viarie e socio-culturali, impiantistica sportiva sono alcune delle questioni che da anni attendono una risoluzione. È ora di dire basta! Ed affrontarle una ad una, mettendo in campo tutte le forze a nostra disposizione.

Immagino un futuro diverso per chi abita in piccoli centri, intendo impegnarmi affinché ogni realtà consolidi e sviluppi quelle che sono le proprie peculiarità. Serve riprendere in mano il tema delle Aree Metropolitane, per dare politiche coordinate, risorse adeguate e poteri reali a quei Comuni che, come i nostri, corrono il rischio di essere schiacciati dalle grandi città".

Lei è nelle liste del Partito Democratico, l'unico partito che ha avviato il meccanismo partecipativo delle primarie dando la possibilità agli elettori di scegliere i propri candidati. Sicuramente si è dimostrata un'iniziativa che in qualche modo ha restituito agli elettori la facoltà di preferenza, ma non c'è il rischio che la selezione dei candidati abbia provocato malumori pericolosi?

"Effettivamente la sfida delle Primarie per il Parlamento ha fatto bene al Pd e, più in generale, ha contribuito a riavvicinare i cittadini alla politica. Infatti in presenza di una pessima legge elettorale, che nega agli elettori il diritto di scegliersi il proprio parlamentare, il Partito democratico ha scelto di chiamare il proprio popolo a decidere.

Un fatto rivoluzionario in sé che dimostra quanto il mio partito sia vicino alla gente, quanto sia in grado di ascoltarne le istanze e comprenderne le problematiche da risolvere. Rischio malumori? No, non direi. La selezione democratica che è arrivata dalle elezioni primarie ci ha dato la legittimazione necessaria per intraprendere un nuovo percorso politico, basato su rinnovamento generazionale e di linea politica".      

Share on Facebook
Categoria: politica

Pizzigallo: “chiariscano su Di Gioia”

“Amministrazione esposta a rischio”

redazione mercoledì 6 febbraio 2013
Pizzigallo PoliticaANGUILLARA - "La vicenda può avere conseguenze politiche, anche pesanti, sia per l'interessato sia per il Sindaco e la maggioranza, ma ritengo meno probabile un possibile scioglimento del Consiglio comunale".

Lo ha afferma il capogruppo Mpa in Consiglio comunale Antonio Pizzigallo, rispondendo ad una domanda riguardo la questione di presunta incompatibilità che ha portato alla revoca delle deleghe ai Lavori Pubblici all'assessore Di Gioia - sollevata dal capogruppo Pdl Stefano Paolessi, nel corso dell'ultima seduta del Consiglio – e la successiva riassegnazione allo stesso Di Gioia di quelle al Bilancio.

"La vicenda è da chiarire – osserva Pizzigallo – ma se ci fossero gli elementi sarebbe estremamente grave, soprattutto dopo quello che è capitato a me a seguito della denuncia d'incompatibilità nei miei confronti presentata proprio dallo stesso Di Gioia".

"Conosco Di Gioia come personaggio di esperienza e assennato – prosegue il capogruppo Mpa - mi sembra improbabile che possa esserci stata volontà da parte sua a non osservare quanto impongono le norme, tuttavia, se così non fosse, la verità dovrà emergere con tutta la sua forza".

"Non c'è dubbio che l'amministrazione è esposta a rischio, ma occorre fare chiarezza e distinguere tra responsabilità politica e personale. E pensare – conclude Pizzigallo – che tutta la campagna elettorale del centrosinistra si è basata sulla trasparenza di atti e persone: ma quale trasparenza!"
Share on Facebook
Categoria: politica

Revoca finanziamenti, risponde Pizzorno

Sindaco ribatte alle accuse di Paolessi

redazione venerdì 1 febbraio 2013
Sindaco Pizzorno 1ANGUILLARA - Lettera aperta del Sindaco Pizzorno a Paolessi.

Da quando sono diventato sindaco ho deciso di non alimentare polemiche sterili e senza costrutto. La vicina scadenza elettorale, però, oltre a generare in qualcuno una iperattività straordinaria, non deve portare ad affermazioni che stravolgono la verità.

Per ciò che attiene alle ultime dichiarazioni del capogruppo del Pdl inerenti la revoca di un finanziamento pari a 50mila euro che lo avrebbe lasciato in preda alla "rabbia e all'indignazione", mi limito a rispondere con documenti dalla cui analisi si può evincere facilmente il reale andamento dei fatti.

Con determina del 3.9.07 la Regione Lazio concedeva al comune di Anguillara Sabazia un contributo pari a 50mila euro per "lavori di realizzazione di marciapiedi con eliminazione di barriere architettoniche".
Con nota del 23.1.08 – sempre dai competenti uffici regionali – veniva notificata al comune la scheda delle "direttive generali con indicazione delle procedure e tempistiche previste per la definizione ed attivazione dell'intervento". Il termine per la definizione della procedura cadeva in data 15.10.08.

Superato detto termine, nell'inerzia dell'amministrazione, la Regione Lazio con documento del 17.10.12 si limitava a comunicare la revoca del finanziamento in quanto "il comune di Anguillara Sabazia ha completamente disatteso dette direttive omettendo la trasmissione del progetto, l'inoltro di eventuali richieste di proroghe ai sensi di quanto previsto al comma 5, art. 30 della L.R. 9/05 e – conseguentemente – alla comunicazione dell'avvenuta obbligazione di spesa verso terzi entro il prefissato termine del 15.10.08".
E' di tutta evidenza, pertanto, che l'attività volta all'ottenimento del finanziamento doveva effettuarsi entro il 15.10.08.Qualora si fosse voluto salvare il finanziamento poteva richiedersi – nel momento temporale immediatamente successivo – una proroga, atto non posto in essere dagli uffici comunali né, ove possibile, sollecitato dagli amministratori di allora.

L'attuale capogruppo del Pdl – già assessore ai lavori pubblici e Sindaco facente funzioni nel periodo intercorrente dal giugno 2009 al maggio 2011 – oltre ad indignarsi dovrebbe illustrare quale attività abbia posto in essere per far sì che detto finanziamento fosse salvato e come mai non abbia provveduto a richiedere una proroga.

Dovrebbe inoltre spiegare come mai nello stesso periodo sia andato in perenzione un finanziamento pari a 365mila euro relativo al restauro della Torre medioevale. Penso non sia il caso di spendere ulteriori parole sull'argomento data la chiarezza della documentazione. Condivido, comunque, per altro verso, il sentimento di "rabbia ed indignazione".

Francesco Pizzorno




Share on Facebook
Categoria: politica

San Raffaele, Commissario Governo incontra proprietà

Lo annuncia Emiliano Minnucci (Pd)

redazione venerdì 1 febbraio 2013
ROMA - "Già nell'incontro dello scorso 22 gennaio il Commissario Palumbo aveva concordato con le OO.SS. CGIL - CISL - UIL - UGL l'erogazione di 10 milioni entro la data odierna e di ulteriori 10 nei primi giorni di febbraio. Auspico che l'incontro di oggi sia davvero risolutivo e che i fondi vengano sbloccati entro le date concordate".

Lo dichiara in una nota Emiliano Minnucci, candidato PD alla Camera dei Deputati, in riferimento alla riunione prevista per oggi pomeriggio presso gli uffici del Ministero della Salute a Lungotevere Ripa, tra il Commissario alla Sanità Regionale Filippo Palumbo e la proprietà della San Raffaele SpA, per sbloccare l'erogazione di una prima tranche dei 260 milioni di crediti a favore della San Raffaele.

"Manifestando la mia solidarietà e vicinanza alle 2000 famiglie dei lavoratori del San Raffaele da ottobre senza stipendio – conclude Minnucci - mi auguro che possano ricevere tutti gli arretrati e riprendere la loro vita quotidiana con serenità il prima possibile".

Share on Facebook
Categoria: politica

Revocato un secondo finanziamento regionale

Paolessi: "in fumo altri 50mila euro"

redazione mercoledì 30 gennaio 2013

foto paolessi 1ANGUILLARA - "Questa ulteriore revoca è ancora più amara della precedente, perché a pagare saranno i diversamente abili e tutti i cittadini con difficoltà motorie. Lo sconcerto per tanta pochezza e inadeguatezza lascia il posto alla rabbia e all'indignazione: andatevene per il bene di Anguillara".
Lo ha detto il capogruppo Pdl al Comune di Anguillara, Stefano Paolessi, rivolto al Sindaco Pizzorno e alla sua giunta, commentando la notizia di una nuova revoca di un finanziamento regionale di 50 mila euro, questa volta da destinare a 'lavori di realizzazione marciapiedi con eliminazione barriere architettoniche'.
"E' l'ennesima prova di incapacità amministrativa della giunta Pizzorno – ha aggiunto Paolessi – che va ad aggiungersi a quella di qualche giorno fa che ha provocato la revoca del finanziamento di 74 mila euro per mettere in sicurezza piazza del Molo dopo lo sfacelo attuato dalla giunta di sinistra guidata da Minnucci. Rimaniamo sbalorditi dall'incompetenza di questa giunta di sinistra che ha provocato un'altra revoca di finanziamento per ben 50 mila euro da destinare alla realizzazione di marciapiedi ma, soprattutto, alla rimozione delle barriere architettoniche. Adesso diciamo basta – ha aggiunto il capogruppo Pdl -, la giunta Pizzorno ha assunto un dirigente responsabile delle manutenzioni e LL.PP, l'Arch. Villelma Carucci, alla modica cifra di circa 54/55 mila euro l'anno. Facendo una veloce valutazione, la dirigente ha collezionato una serie di insuccessi clamorosi: dopo quelli citati, dobbiamo aggiungere anche la dimenticanza della richiesta di finanziamenti regionali entro il 30 giugno. In questi giorni il Sindaco ha revocato le deleghe all'assessore ai LL.PP, sarebbe il caso che revocasse l'incarico anche all'Arch. Carucci per manifesta incapacità. E dato che ci siamo caro sindaco – conclude Paolessi rivolgendosi al primo cittadino -, faccia un regalo ad Anguillara e si dimetta anche lei. Basta con i dilettanti improvvisati che lasciano revocare finanziamenti preziosi per Anguillara".

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -