Giovedì, 22 Febbraio 2018
RSS Feed
Categoria: politica

Anguillara, ex giunta Pizzorno: no a eliminazione raccolta sfalci

Stronati e Bianchini: danno per i cittadini

redazione sabato 3 febbraio 2018
potatura alberiANGUILLARA - "L'estensione del porta a porta in Zona B era stato già concordato, a costo zero per i cittadini e senza eliminare la raccolta a domicilio degli sfalci/potature. La riorganizzazione in corso, posta in essere dall'attuale Amministrazione, danneggia i cittadini e comporta risparmi ai costi di gestione in carico alla ditta appaltatrice".

Così l'ex assessore all'ambiente Enrico Stronati e l'ex vice sindaco e atttuale consigliere dem al Comune di Anguillara, Silvio Bianchini, in merito al nuovo servizio di raccolta rifiuti porta a porta - che prevede l'estensione di zona in cambio dell mancato ritiro degli sfalci e potature - messo in essere dall'attuale amministrazione M5s.

"Eliminare la raccolta degli sfalci - dichiarano i due esponenti - vuol significare ridurre i costi di trattamento/smaltimento di questa frazione che, come suddetto, gravano sulle casse della ditta appaltatrice e non sulle spalle dei cittadini. Cittadini che ora – oltre alla eliminazione di un servizio ormai consolidato e a regime – vedranno aumentare i costi per il trattamento/smaltimento dei rifiuti indifferenziati: quanti - si chiedono Stronati e Bianchini - "scaricheranno" i sacchi degli sfalci e delle potature lungo le strade? Quanti metteranno la porzione "verde" nell'indifferenziato?".

"Fortunatamente - ragionano - tale quantitativo può arrivare sino al massimo consentito dall'accordo del luglio 2015 pari a 3000 tonnellate/anno! Quindi un danno limitato (grazie all'accordo stipulato e previsto dai precedenti amministratori). Ma quello che suona come una vera e propria beffa è il fatto che la estensione del porta a porta sulla Zona B con il mantenimento del servizio della raccolta degli sfalci era già stato concordato a suo tempo (rimaneva fuori la ex Zona C, circa 1000 utenze, sulle quali un accordo sarebbe stato facilmente raggiungibile – vista la semplicità nella raccolta porta a porta per la conformazione urbanistica e viaria dei 3 grandi quartieri principali, Ponton dell'Elce, Colle Sabazio e Colle dei Pini); chi oggi lavora all'Ufficio Ambiente è perfettamente in grado di ricostruire i fatti dai verbali e concordare con la ditta il miglior modo per onorare gli accordi".

"Non è dato sapere - continuano gli ex asessori della giunta Pizzorno - per quale motivo ed in cambio di quale vantaggio per la comunità sia stata eliminata, oggi, la raccolta degli sfalci/potature. I fatti qui narrati dimostrano che ciò non fosse necessario. Tutto ciò premesso, vista le motivazioni sopra esposte, la scelta di "barattare" la raccolta degli sfalci/potature con l'estensione del porta a porta su tutto il territorio, è decisamente incomprensibile nonché un evidente danno che ricade sulle spalle dei cittadini. Si ricordino gli attuali amministratori quando dalla piazza gridavano allo scioglimento del contratto e con umiltà accettino i consigli che gli furono forniti al momento del loro ingresso in Comune, quando tutto ciò fu puntualmente relazionato".

"Relazione data proprio per evitare che tutto questo accadesse, proprio per evitare che a pagare fossero di nuovo i cittadini – già vessati da un contratto scellerato e di durata sconsiderata – perché chi scrive sapeva e sa bene che difendere gli interessi dei cittadini è ben altro rispetto a scrivere un post su Facebook. La decisione oggi assunta dall'Amministrazione dimostra, invece - concludono Stronati e Bianchini - che a circa 2 anni dall'insediamento, non si ha ancora contezza di come stanno le cose o, forse, non si hanno le capacità per gestirle.


Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -