Martedì, 25 Giugno 2019
RSS Feed
Categoria: politica

Ladispoli, Perretta: MLC incompetente e allarmista

Replica a una nota diffusa dalla lista civica

redazione domenica 9 giugno 2019
PerrettaLADISPOLI - "Con un comunicato dai toni allarmanti, il movimento civico Ladispoli Città, dimostra tutta la propria incompetenza politica ed amministrativa".

Con queste parole il vice sindaco ed assessore al demanio, Pierpaolo Perretta, ha replicato ad una nota diffusa dagli esponenti della lista civica.

"In tale comunicato – prosegue Perretta - si farnetica di una presunta bocciatura che la Regione Lazio avrebbe dato su fantomatici ripascimenti e/ o dragaggi effettuati a Ladispoli. Niente di più falso. La Regione Lazio risponde ad una richiesta della locale Capitaneria di Porto dando una lettura precisa di quale sia la propria competenza in materia di movimentazione dei sedimenti. Ed in tal senso la Regione esplicita una ovvietà e cioè che una cosa sono i prelievi per i quali non vi è necessità di autorizzazione regionale, altro è la vera e propria movimentazione dove invece è necessaria una formale espressione della stessa. Una ovvietà, naturalmente, per chi conosce o dovrebbe conoscere, la normativa di riferimento. Ma informarsi non è attività che i consiglieri comunali del movimento Ladispoli città sono soliti fare: meglio gettare fango a priori ed a prescindere. Per evitare inutili e dannosi fraintendimenti è bene precisare che la amministrazione Grando sta procedendo, in accordo con la Regione Lazio, alla rimodulazione dell'intervento di difesa costiera relativo ad un finanziamento ministeriale di oltre 10 anni fa".

"Finanziamento – continua il vice sindaco - che le passate amministrazioni, tutte targate PD, erano riuscite a farsi togliere e che questa Amministrazione è riuscita a far tornare nella disponibilità del comune. Tale finanziamento prevedeva, tra le azioni da porre in essere, anche il ripascimento morbido, ossia, in sintesi, la movimentazione di sabbia da un sito di partenza ad un sito di atterraggio. Movimentazione che deve essere autorizzata dalla Regione, ente competente in tale materia. Ovviamente tale autorizzazione può essere concessa solo se la sabbia "aggiunta" sia microbiologicamente utilizzabile e sia compatibile da un punto di vista gralunometrico e cromatico ed altro ancora. Tali informazioni sono parte integrante ed imprescindibile della istanza da presentare alla Regione e si chiamano caratterizzazioni. Come si caratterizza la sabbia? Attraverso prelievi che, come specificato dalla stessa Regione nella lettera citata dal movimento civico, non necessitano di nessuna autorizzazione regionale".

"Ed è quello - spiega Perretta - che si sta facendo a Ladispoli: si sta procedendo alla caratterizzazione della nostra sabbia per poi procedere, previa autorizzazione Regionale, ad un ripascimento. Questo solo per quanto riguarda l'aspetto della movimentazione, il progetto di difesa costiera è infatti molto più articolato. Siamo, quindi, di fronte ad una goffa strumentalizzazione che dimostra, ancora una volta, alla città in che modo si muove la vecchia politica locale: montando casi che non esistono al solo fine di danneggiare l'avversario politico di turno. Il danno, anche di immagine, che simili azioni producono a Ladispoli è secondario se non di nessuna importanza per chi le pone in essere. Quello che, inoltre, fa riflettere - ragiona il vice sindaco - è il grado di informazione e conoscenza delle normative in questo territorio: il DM 173/2016 è una legge fondamentale che ha regolato compiutamente la materia della movimentazione dei sedimenti in Italia: confondere prelievi finalizzati ad analisi con azioni di dragaggio e/o ripascimento è circostanza che desta molta preoccupazione. È proprio il caso di dire – conclude Perretta - che l'unica vera bocciatura di questo fine anno scolastico è quella dei consiglieri comunali del Movimento Ladispoli Città a cui bisognerebbe consegnare due simboliche orecchie d'asino".

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -