Sabato, 19 Gennaio 2019
RSS Feed

primo piano

Categoria: primo piano

Lazio, i nuovi eventi nei parchi

Conoscere le bellezze naturalistiche della regione

redazione giovedì 17 gennaio 2019
Lago3
LAZIO - Corso pratico di Birdwatching organizzato dalla LIPU Roma - Osservare e riconoscere gli uccelli acquatici in inverno. Corso pratico di Birdwatching per imparare a riconoscere le specie di uccelli acquatici (stanziali, svernanti e migratori) nella regione Lazio nel periodo invernale.

Lo rende noto un comunicato della Regione Lazio.


Le date delle prossime lezioni sono:

13 gennaio - Vulci per IWC censimento uccelli svernanti
26 gennaio - Laguna di Orbetello
10 febbraio - Oasi WWF di Alviano

Informazioni: CRFS LIPU Roma tel. 06 3201912, mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Mercoledì 12 gennaio - Convegno sulla biodiversità dei Monti Lepini – Cori (LT)

Nel comune di Cori – Latina si terrà una giornata di conferenza scientifica per conoscere e valorizzare la biodiversità dei monti Lepini. Appuntamento al teatro comunale Luigi Pistilli di Cori dalle ore 9,00 alle ore 17,00.

Domenica 13 gennaio - Le gole del Biedano – Barbarano Romano (VT)

Escursione naturalistica al Parco Marturanum nel comune di Barbarano Romano e Blera. Abbigliamento sportivo, scarpe da trekking.. portare uno spuntino e dell'acqua.

Si parte da Blera per raggiungere dopo circa 4 ore l'abitato di Barbarano Romano. A cura dell'associazione Antico Presente. Appuntamento ore 9,30 in piazza Papa Giovanni XXIII a Blera (VT) di fronte al ristorante la Torretta.

Quota di partecipazione € 10.00 comprensiva di assicurazione

Informazioni e prenotazioni: prenotazione obbligatoria almeno 3 giorni prima per poter stipulare l'assicurazione MariaGiulia 335 8034198, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lunedì 14 gennaio - Degustazione olio extravergine d'oliva – Monte Rufeno (VT)

Presso la Riserva Monte Rufeno degustazione dell'olio dalle ore 16,30 alle ore 18,00 obbligatoria la prenotazione al tel.0763 733442

Inoltre è possibile visitare il Museo del Fiore

Mercoledì 16 gennaio - Presentazione dell'atlante della flora vascolare del Lazio - Roma

Nella sala Tevere della Regione Lazio dalle ore 9,30 alle ore 13,30 sarà presentato l'atlante della flora vascolare

Domenica 20 gennaio – Festa di Sant'Antonio – Jenne (RM)

Il parco dei monti Simbruini e il comune di Jenne organizzano la tradizionale festa di Sant'Antonio dalle ore 9,30 alle 13,00.

Da martedì 8 gennaio – Visite al Museo Ebraico di Fondi e a Palazzo Caetani – Fondi (LT)

Museo Ebraico: aperto dal martedì alla domenica dalle ore 9,00 alle ore 13,00 e dalle ore 16,00 alle ore 20,00 tel. 0771 513644; Palazzo Caetani aperto dal martedì alla domenica ore 09,00-13,00 e ore 16,00-20,00 tel. 0771 513644;

Maggiori informazioni e aggiornamenti sul sito www.parchilazio.it al link:

http://www.parchilazio.it/news-3405-appuntamenti_dei_prossimi_giorni_nei_parchi_del_lazio

Share on Facebook
Categoria: primo piano

Lazio, ok a Piano triennale per beni culturali

Migliorerà e semplifichera i servizi

redazione mercoledì 16 gennaio 2019
Civita di Bagnoregio
LAZIO - Approvato ieri dalla Giunta Regionale del Lazio il piano triennale 2019 -2021 in materia di servizi e di beni culturali.

Lo rende noto la Regione Lazio

Il Piano introduce alcuni importanti elementi di novità: fornirà più risorse grazie anche ai Fondi Europei, consentirà una maggiore progettualità per interventi e finanziamenti, semplificherà i meccanismi di adesione e favorirà una maggiore sinergia con i territori, grazie al rafforzamento delle reti tematiche e territoriali dei luoghi della cultura. Un ulteriore contributo si aspetta sia dalla Commissione Cultura sia dal Consiglio regionale per poter chiudere l'iter di approvazione in tempi stretti.

"Si tratta di un piano atteso da molti anni – dichiara il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti – che finalmente consentirà a musei, istituti culturali, archivi e biblioteche presenti sul nostro territorio di lavorare con maggiore programmazione, avendo certezza dei finanziamenti nell'arco del prossimo triennio.

Share on Facebook
Categoria: primo piano

Pascucci lancia Rete Sindaci per no discarica

Domani a Roma circa 100 tra sindaci e comitati

redazione lunedì 14 gennaio 2019
discarica
CERVETERI - Una rete di sindaci, amministratori e comitati civici per dire No alla discarica di Roma nel territorio della provincia della Capitale. A lanciarla è Alessio Pascucci, sindaco di Cerveteri, località simbolo delle battaglie contro la discarica di Roma, già vinta nel 2008 quando si era pensato di scaricare a Pizzo del Prete, località a pochi chilometri dal sito Unesco della Banditaccia, i rifiuti della Città Eterna.

A firmare la missiva inviata al ministro dell'Ambiente, Sergio Costa, e al presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, sono circa cento tra sindaci e rappresentanti di comitati.

"Domani con la fascia tricolore ci presenteremo in Campidoglio per consegnare alla Raggi questo appello. Avremmo voluto farlo in Città Metropolitana, ma la sindaca non viene mai, a dimostrazione di quale sia la sua considerazione e il rispetto per i cittadini che vivono nell'hinterland della Capitale", spiega Pascucci.

L'elenco dei firmatari è bipartisan e include comuni coinvolti dalla mappatura contenente le aree idonee alla localizzazione degli impianti di gestione dei rifiuti, inviata lo scorso 20 dicembre 2018 dalla Città Metropolitana alla Regione Lazio, ma anche territori che non sono interessati dalla problematica ma che chiedono alle Istituzioni che Roma Capitale, al pari di tutti gli Enti Locali, si preoccupi di chiudere il ciclo dei rifiuti all'interno del raccordo anulare.

A chiederlo a Virginia Raggi, oltre al sindaco Alessio Pascucci, primo firmatario e promotore dell'iniziativa, ci sono due consiglieri municipali di Roma, Dario Nanni del VI e Andrea Bozzi del X municipio, 22 Sindaci tra cui il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino, il sindaco di Latina, Damiano Coletta, i sindaci di Frascati, Ladispoli, Bracciano, Castelnuovo di Porto, Grottaferrata, Tolfa, Fiano Romano, il grillino Antonio Cozzolino, primo cittadino di Civitavecchia, i consiglieri regionali Marta Bonafoni, Gino De Paolis, Michela Califano, Emiliano Minnucci, i deputati Serse Soverini, Rossella Muroni, Marietta Tidei, Paola Binetti, gli europarlamentari David Borrelli e Daniela Aiuto, la Co-Presidente dei Verdi Europei Monica Frassoni, la Co-Portavoce Federazione dei Verdi Elena Grandi. Un elenco al quale in queste ore si stanno unendo decine di altri amministratori e comitati ambientalisti.

"Ci duole osservare che, non solo nella redazione della suddetta mappa non si è tenuto conto delle indicazioni fornite dai diversi Comuni, ma sono anni che i territori che governiamo subiscono le cattive politiche di gestione dei rifiuti di Roma ed è inaccettabile pensare di individuare la discarica al di fuori della stessa Capitale. I nostri cittadini collaborano ogni giorno per differenziare correttamente i loro rifiuti e in molti dei nostri territori il porta a porta è una realtà consolidata che raggiunge percentuali rilevanti", si legge nella missiva.

"Non saremo mai disposti ad accogliere i rifiuti di una metropoli che effettua una raccolta differenziata insufficiente e che fornisce ai cittadini un servizio inadeguato di raccolta dei rifiuti. Roma, è sotto gli occhi di tutti, è incapace di fare quello che tutte le altre capitali europee fanno e vuole scaricare la sua inadeguatezza gestionale sui territori della Provincia", è l'accusa rivolta all'amministrazione capitolina.

Per questo motivo, la rete dei Sindaci chiede a Costa e a Zingaretti di predisporre "un piano basato su criteri moderni di gestione dei rifiuti che definisca in maniera integrata le politiche da attuare in materia di prevenzione, riciclo, recupero e smaltimento dei rifiuti nonché di gestione dei siti inquinati da bonificare".

Occorre sancire in maniera chiara, affermano i firmatari della lettera appello, "il principio che il ciclo dei rifiuti deve essere completato all'interno dei territori in cui questi vengono prodotti. Ci auguriamo che questo sia solo il primo passo e che tale richiesta venga anche recepita all'interno del futuro Piano nazionale dei rifiuti che indichi le modalità per uscire dalla fase di emergenza in cui versano molti territori italiani, pianificando finalmente una gestione complessiva del problema, basata sull'adozione e sull'applicazione di un modello effettivo di economia circolare".



Share on Facebook
Categoria: primo piano

Anguillara, mozione di sfiducia alla Sindaca

Presentata dalle opposizioni, Consiglio e breve

redazione giovedì 10 gennaio 2019
palazzo del comune

ANGUILLARA - Mozione di sfiducia per la sindaca di Anguillara Sabrina Anselmo. A presentarla sono i consiglieri di minoranza Bianchini, Calabrese, Catarci, Guiducci, Fioroni, Flenghi e Pizzigallo.

Nel testo della mozione (per teto mozione clicca qui Mozione sfiducia Anselmo) i firmatari fanno riferimento a "gravi inadempienze" allo "stato di abbandono in cui versa il Comune", ad un'attività politico amministrativa "pesantemente ingessata" e di un Sindaco e i suoi assessori "arroccati nelle loro posizioni in maniera arrogante, senza tener conto e senza coinvolgere il Consiglio, sminuendo il ruolo dei consiglieri comunali e tralasciando ogni valore etico-programmatico che ha permesso la loro elezione".

Nel documento gli esponenti dell'opposizione riportano un lungo elenco di motivi che hanno spinto a presentare la sfiducia, motivi per i quali "il Sindaco ha irrimediabilmente compromesso il Consiglio Comunale minando nel profondo la credibilità e l'autorevolezza che il primo cittadino deve necessariamente avere nel rapporto  con la città".

Secondo lo Statuto comunale, la mozione dovrà essere discussa in un Consiglo comunale straordinario da tenersi entro dieci giorni e non oltre trenta gioni dalla data di presentazione della mozione (10 gennaio scorso). La votazione avverrà con appello nominale.

Share on Facebook
Categoria: primo piano

Grando: "pronti alla piazza contro discarica"

Il Sindaco: Ladispoli non sarà discarica di Roma"

redazione mercoledì 9 gennaio 2019
discarica
LADISPOLI - "Se il sindaco Virginia Raggi pensa di risolvere il problema dello smaltimento dei rifiuti, trasformando il territorio di Ladispoli in una discarica di Roma, può anche rinchiudere nei cassetti del Campidoglio la mappa delle aree dei siti dove aprire una discarica. Siamo pronti a scendere in piazza insieme a tutti i cittadini contro una decisione scellerata che porrebbe a rischio la salute pubblica, pregiudicherebbe per decenni l'ecosistema del litorale, con effetti devastanti anche sull'economia turistica".

E' sul piede di guerra il sindaco Alessandro Grando appena appresa dalla stampa la notizia che i dirigenti della Città Metropolitana, ente guidato dal sindaco Raggi, avrebbero stilato l'elenco delle zona del Lazio dove ospitare la nuova discarica di Roma dopo l'incendio che ha distrutto lo scorso mese l'impianto di trattamento sulla via Salaria. Nell'elenco figurerebbero, tra gli altri, Ladispoli, Cerveteri e la vicina città di Fiumicino nella zona della frazione di Tragliatella.

"Non è colpa dei cittadini di Ladispoli – prosegue Grando – se da sei anni il Comune di Roma non riesce a risolvere il problema dello smaltimento dell'immondizia dopo la chiusura della discarica di Malagrotta. Da tempo assistiamo al palleggio di responsabilità tra Regione Lazio e Città metropolitana, è ora che il Governatore Zingaretti ed il sindaco Raggi si assumano le responsabilità delle proprie scelte e spieghino alla gente perché Regione e Campidoglio non hanno mai attuato un vero programma di riduzione dei rifiuti, con l'introduzione della raccolta differenziata. Come effettuano da anni comuni virtuosi come Ladispoli che hanno abbattuto la quantità di spazzatura conferita nelle discariche. Ci stiamo muovendo attraverso tutti i canali istituzionali, chiediamo di partecipare all'incontro che dovrebbe vedere la presentazione ufficiale alla Regione Lazio della mappa dei siti individuati dalla Città Metropolitana. E' in ballo il futuro del nostro territorio - conclude il sindaco di Ladispoli - non permetteremo passivamente a nessuno di calpestare la salute della gente con la riproposizione di un progetto assurdo ed irrispettoso per l'ambiente".

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -