Domenica, 19 Novembre 2017
RSS Feed

primo piano

Categoria: primo piano

Comitato: siano pubblici i dati su captazioni

"Devono essere certificati da ente terzo"

redazione martedì 26 settembre 2017
Lago4
LAGO - Dal Comitato Difesa Lago di Bracciano riceviamo e pubblichiamo.

Siano resi pubblici immediatamente i dati dei prelievi dal lago di Bracciano da parte di Acea. Sono passati molti giorni da quando Zingaretti ha annunciato pubblicamente che avrebbe comunicato ai paesi rivieraschi e al Parco i dati sui prelievi ma ad oggi questi dati restano top secret.

Ancora una volta dobbiamo constatare che alle parole non seguono i fatti. Si ricorda infatti che l'8 settembre scorso il presidente regionale nell'annunciare la autorizzazione ad Acea di altri quattro fonti di captazione ha testualmente dichiarato: "Da oggi in poi la Regione Lazio trasmetterà alle amministrazioni rivierasche interessate il dato giornaliero delle captazioni operate dal lago di Bracciano, da parte del gestore Acea Ato 2 spa. Questo importante risultato è frutto dell'azione condotta dalla Regione per preservare il lago e consentire un monitoraggio giornaliero costante e continuo sul flusso di approvvigionamento della risorsa idrica in maniera trasparente e diffusa con i Comuni del Lago e dell'Ente Parco".

Nessun dato è tuttavia oggi diffuso né dalla Regione Lazio, né dal Parco di Bracciano-Martignano, né dai Comuni rivieraschi. Perché? Per sollecitare la pubblicazione erga omnes dei dati sulla captazione il Comitato per la Difesa del Bacino Lacuale Bracciano-Martignano ha scritto oggi a Regione Lazio, Parco di Bracciano-Martignano e sindaci di Bracciano, Anguillara e Trevignano.

Il Comitato ribadisce inoltre la necessità che sia un ente terzo, come l'Enea, l'Ispra o una Università, o gli stessi carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico che stanno indagando a seguito della denuncia querela da noi presentata a certificare i dati sulle captazioni.

Attendiamo inoltre ulteriori sviluppi dell'indagine avviata dalla Procura della Repubblica di Civitavecchia che ha portato al sequestro di 20 presunte captazioni abusive dal lago ma non ha ancora disposto, come richiesto nelle denunce querele depositate, il sequestro degli impianti di captazione Acea della Marmotta, vigilati 24 ore su 24 da una guardia armata pagata da Acea.

Il Comitato inoltre pone in evidenza come in questa vicenda si usano senza scrupoli due pesi e due misure. Acea stessa dopo aver paventato le conseguenze per gli ospedali romani di un eventuale razionamento dell'acqua su Roma considera routine approvvigionare l'ospedale Padre Pio con una autobotte a seguito di un guasto al servizio idrico di Bracciano, appena acquisito da Acea Ato 2, così come avvenuto – come da comunicato della stessa Acea – tra il 21 e il 22 settembre 2017.

Share on Facebook
Categoria: primo piano

Pascucci: "Raggi nega confronto su bilancio"

Riguardo il previsionale dell'Area Metropolitana

redazione giovedì 21 settembre 2017
palazzo valentini
CERVETERI - "È vergognoso che venga impedito il confronto tra gli Amministratori locali della Provincia di Roma su un tema fondamentale come quello del Bilancio", questa la dichiarazione del Consigliere della Città Metropolitana e Sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci a seguito del diniego da parte della Sindaca Virginia Raggi e del Vicesindaco Fabio Fucci all'utilizzo della Sala delle Bandiere di Palazzo Valentini per un incontro con gli Amministratori dei Comuni dell'Area Metropolitana, in vista della presentazione del Bilancio di Previsione 2017.

"In qualità di Presidente della Commissione Bilancio ed Enti Locali dell'Area Metropolitana – prosegue Pascucci – ho fatto richiesta alla Sindaca Raggi e al Vicesindaco Fucci di poter incontrare gli Amministratori dei Comuni coinvolti, per fare il punto sugli interventi previsti dal Bilancio di Previsione 2017, all'approvazione dell'Aula il prossimo 27 settembre. Tale Bilancio include lo stanziamento di risorse per interventi fondamentali – tra cui il piano triennale delle opere pubbliche – che, in un periodo di difficoltà come quello attuale, possono garantire la messa in sicurezza e la sopravvivenza stessa di molti Comuni. Tra l'altro, l'incontro si era reso ancora più necessario per il fatto che i documenti relativi al Bilancio Metropolitano ci sono stati consegnati il 18 settembre, a neppure dieci giorni dalla discussione in Aula. La richiesta della Sala delle Bandiere di Palazzo Valentini è stata però vergognosamente rifiutata, senza alcuna spiegazione plausibile."

"Questo rifiuto testimonia – continua Pascucci – non solo la mancanza di senso istituzionale da parte della Sindaca e del Vicesindaco, ma anche la lontananza di istituzioni già percepite distanti, come l'Area Metropolitana, dai reali e concreti bisogni e aspettative degli Amministratori e dei cittadini della Provincia di Roma. Non vorrei che dietro questo incredibile diniego si nasconda la volontà di escludere gli Amministratori dei Comuni dell'Area Metropolitana dalla discussione del Bilancio 2017, lasciandolo esclusivamente appannaggio dei Comuni più grandi, magari quelli a guida MoVimento5stelle".

"L'incontro, nonostante l'ostruzionismo della Raggi e di Fucci, si terrà lo stesso – conclude Pascucci – e si farà a Cerveteri, nell'Aula Consiliare del Comune dove sono Sindaco, perché credo sia fondamentale la partecipazione e il coinvolgimento degli Amministratori della Provincia di Roma alle scelte dell'Area Metropolitana. Se la Raggi e Fucci vogliono imporre solamente decisioni cadute dall'alto, come forse sono abituati nel MoVimento 5 Stelle, sappiano che gli amministratori del territorio non possono essere trattati come gli iscritti al blog di Grillo".

Share on Facebook
Categoria: primo piano

Torno Subito 2017, 2000 giovani in partenza

Nuovo bando regionale per la formazione

redazione martedì 19 settembre 2017
imprenditoria femminile tre
LAZIO - "Torno Subito è un segnale di speranza al Paese: la prova che si può reagire a un'emergenza nazionale come quella che riguarda i giovani con strumenti innovativi e che, se si costruiscono le condizioni, la risposta dei ragazzi è straordinaria. Sappiamo che l'Italia è un paese che lascia ai giovani poche prospettive: in Italia 8,6 milioni di persone tra i 15 e i 34 anni vivono ancora nella famiglia di origine (68,1% del totale) l'ascensore sociale è bloccato. Come rileva l'Istat, i percorsi d'istruzione si dividono sempre di più in base alla famiglia di origine. il livello degli investimenti in formazione è tra i più bassi d'Europa".

Così un comunicato della Regione Lazio sull'edizione 2017 del progetto Torno Subito.

Torno subito, 4° edizione: sono 2mila i giovani in partenza per la nuova edizione del bando che finanzia esperienze di studio o lavoro all'estero da continuare poi nel Lazio.

Entro il 2018 saranno 8.000 i ragazzi partiti con "Torno Subito". La Regione ha messo a disposizione un investimento complessivo di 100 milioni di euro per formare i giovani e aiutarli ad entrare nel mondo del lavoro. Oltre il 25% dei ragazzi partiti, dopo "Torno Subito", ha trovato un'occupazione.

Se replicata a livello nazionale, con le modalità adottate nel Lazio, questa iniziativa potrebbe aiutare 20mila giovani l'anno a costruirsi un futuro lavorativo nel nostro Paese, evitando di disperdere preziose capacità e competenze fondamentali per il rilancio del nostro paese.

Share on Facebook
Categoria: primo piano

Lazio, ok a quattro nuovi monumenti Naturali

Via libera dalla Commissione Ambiente

redazione venerdì 15 settembre 2017
Albero monumentale PrimoPiano
LAZIO - Parere favorevole all'unanimità, in Commissione regionale Ambiente, a quattro schemi di decreto del presidente della Regione Lazio che istituiscono altrettanti monumenti naturali, ai sensi dell'articolo 6 della legge regionale 6 ottobre 1997, n. 29.

Si tratta, in particolare:

dei "Valloni della Via Francigena" nel Comune di Capranica (VT);

di "Aquinum" nel Comune di Castrocielo (FR);

di "Pyrgi" nel Comune di Santa Marinella (RM);

de "La Frasca" nei Comuni di Civitavecchia (RM) e Tarquinia (VT).

Uno strumento prezioso per attrarre investimenti e risorse su questi luoghi al fine di conservarli, valorizzarli, proteggerli e al contempo renderli ancora più fruibili.

"Un modo, dunque, per attrarre turismo ed opportunità di sviluppo molto spesso a favore dell'intera area in cui il Monumento naturale va a ricadere. Importante, nei quattro monumenti naturali istituiti oggi, il coinvolgimento dei territori e dei cittadini che sempre più spesso, attraverso importanti azioni volte alla tutela ambientale, danno vita ad iniziative ambiziose per la valorizzazione delle nostre bellezze naturali- parole di Mauro Buschini, assessore ai Rifiuti e all'Ambiente.

Share on Facebook
Categoria: primo piano

Bilancio Lazio, Consiglio approva 38 odg

"Sfiduciata" Ravera. Valeriani:"Incidente d'aula"

redazione mercoledì 13 settembre 2017
aula pisana due
LAZIO - Il Consiglio regionale del Lazio ha approvato ieri 38 dei 410 ordini del giorno presentati in sede di discussione del cosiddetto collegato al Bilancio, approvato lo scorso 5 agosto, che dettano istruzioni alla Giunta nei campi più disparati. L'esame della lunga serie di ordini del giorno, molti dei quali sono stati ritirati, è stato interrotto a metà pomeriggio dalla discussione seguita all'approvazione, durante l'assenza di numerosi consiglieri della maggioranza, di un atto con il quale il Consiglio regionale, considerata "l'assenza dell'assessore Ravera, che perdura da tempo, alle sedute della Commissione e del Consiglio regionale relativamente alle tematiche di sua competenza" e "la dimostrata inadeguatezza", invita il presidente Zingaretti "a revocare le deleghe conferite all'assessore Ravera dandone comunicazione al Consiglio".

"È stato un incidente – ha poi dichiarato il capogruppo del Pd, Massimiliano Valeriani - C'è stato semplicemente un errore di disattenzione. Non c'è nessuna volontà politica di mettere in discussione l'assessore Ravera". Incidente che però ha provocato l'interruzione dei lavori e la convocazione della conferenza dei capigruppo. Il presidente Leodori ha poi riaperto i lavori e aggiornato la seduta a martedì 19 settembre alle ore 11, per la prosecuzione dell'esame degli ordini del giorno. Confermato il Consiglio di oggi con l'esame di una deliberazione in materia di protezione civile. Ma vediamo quali sono i temi dei documenti approvati ieri.

Il primo ordine del giorno approvato porta le firme del vicepresidente del Consiglio regionale Francesco Storace (Mns) e della consigliera Valentina Corrado (M5s) e impegna la Giunta a verificare con il consiglio di amministrazione dell'Agenzia regionale per la mobilità (Aremol), "la riorganizzazione normativa per la mobilità regionale del Lazio". Sempre di Storace, il documento sulla tutela dei lavoratori dei servizi Cup delle ditte esterne presso le Asl e le aziende ospedaliere. I consiglieri del gruppo Insieme per il Lazio Riccardo Agostini e Daniela Bianchi propongono la costituzione dell'unità regionale per le crisi aziendali e di una "Commissione regionale di indagine sul decent work e sul lavoro 4.0."

Alcuni ordini del giorno a firma Luca Malcotti (Cuoritaliani) intervengono in materia di debiti fuori bilancio della Regione e di alienazioni del patrimonio immobiliare regionale, nella vertenza degli autotrasportatori dell'autostrada A12 e sul programma di passaggi di qualifica del personale Laziocrea. Enrico Panunzi (Pd) e numerosi altri consiglieri di maggioranza hanno sottoscritto l'ordine del giorno volto ad attivare il fondo per l'associazionismo comunale e per la trasformazione delle comunità montane.

Sei ordini del giorno riguardano la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti e la società regionale Lazio Ambiente SpA, per la quale alcuni documenti presentati da Malcotti, Giancarlo Righini e Fabrizio Santori (FdI), e Daniele Fichera (Psi) impegnano la Giunta a garantirne i livelli occupazionali durante l'attuale fase di crisi e a sospendere il percorso di privatizzazione in attesa della definitiva indicazione delle scelte tecnologiche da adottare. In particolare, mettono l'accento sull'impianto di Colleferro due distinti ordini del giorno, uno dei consiglieri del Movimento 5 stelle, l'altro sottoscritto dai consiglieri Agostini e Bianchi del gruppo Insieme per il Lazio.

Tre ordini del giorno approvati riguardano la richiesta di tutela di specifiche aree naturalistiche del Lazio. La consigliera Rosa Giancola (Insieme per il Lazio) ha auspicato, nel suo intervento, il massimo rispetto dell'ambiente e del Parco della Riviera di Ulisse in virtù della realizzazione di un parcheggio multipiano a Gaeta; il consigliere Gianluca Quadrana (Lista Zingaretti) ha posto l'accento sulla macro area della Valle Galeria, impegnando la Giunta a non autorizzare nessun altro impianto industriale in zona. La tutela del monumento naturale "Palude di Torre Flavia" (tra Ladispoli e Cerveteri) è stato invece l'oggetto dell'ordine del giorno illustrato dal capogruppo di Insieme per il Lazio, Gino De Paolis e quindi approvato dall'Aula.

Dallo stesso gruppo consiliare, la gestione della tenuta di Castel di Guido è al centro dell'ordine del giorno di Agostini, Bianchi e Marta Bonafoni. I consiglieri Antonio Aurigemma, Mario Abbruzzese, Adriano Palozzi e Giuseppe Simeone del gruppo Pdl-FI sono gli autori di cinque documenti in materia di tutela e di recupero degli insediamenti urbani storici, di edilizia scolastica, di sviluppo del trasporto ciclistico, di eliminazione delle barriere architettoniche e in materia di recupero degli edifici di culto.

Approvato un pacchetto di ordini del giorno con primo firmatario Simeone per rendere disponibili su una serie di strade del Lazio le risorse per gli interventi di manutenzione straordinaria 2017-2019 contenuti nel "Quadro dei bisogni e delle esigenze delle rete stradale regionale". Si tratta della Ausonia (ex ss 630), della Carpinetana (ex ss 609), della Pontina, della strada regionale di Frosinone e Gaeta, di quella dei Monti Lepini (ex ss 156), della Valle del Liri (ex ss 82), della Nettunense e della Flacca (ex ss 213).

Gli atti di indirizzo indicano interventi stimati, complessivamente, in circa 62 milioni di euro. Via libera dall'Aula anche a un ordine del giorno, sempre di Simeone e altri, che impegna Zingaretti e la Giunta a verificare la possibilità di utilizzare "strumenti di somma urgenza" per stanziare le somme necessarie alla ricostruzione del Ponte sul fiume Sisto lungo la strada provinciale SP 87 Badino, tra Terracina e San Felice Circeo.

Tra gli atti di indirizzo votati dall'Aula, anche l'impegno per interventi di adeguamento e messa in sicurezza della stazione di Campoleone e per la valorizzazione dei prodotti tipici della tradizione agroalimentare del Lazio (atti entrambi a firma di Simeone). Il capogruppo di Insieme per il Lazio, De Paolis, figura poi come primo firmatario di un ordine del giorno di maggioranza che impegna il presidente Zingaretti a predisporre tutti gli atti necessari all'approvazione della convenzione di cooperazione che regola i rapporti tra i Comuni che ricadono nei vari ambiti di bacino idrografico del Lazio istituiti con la legge regionale n. 5 del 2014.

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -