Sabato, 20 Gennaio 2018
RSS Feed

primo piano

Categoria: primo piano

E' franato "il Pizzo"

Chiusa anche Via Cusmano per allagamento

Redazione martedì 12 marzo 2013
frana pizzo
ANGUILLARA - Una frana di grosse dimensioni si è verificata in Viale Reginaldo Belloni poco prima della curva del "Pizzo", per chi da Anguillara percorre la strada verso Vigna di Valle. Diverse tonnellate di detriti, arbusti e soprattutto tanto fango, hanno invaso completamente la carreggiata. Nel punto dove la terra è smottata si è formata quasi una caverna da dove continua a scendere molta acqua mista a fango.

Sul posto sono intervenuti prontamente i vigili della Polizia Locale coordinati dal Comandante Francesco Guidi. La strada è stata chiusa da ambo le parti e per quanto riguarda Viale Belloni, il traffico è deviato verso Via della Cannella all'imbocco di fronte al ristorante 'Lo Chalet del lago'.

In un primo momento si è avuto il timore che sotto la frana potesse esserci un'automobile ma un testimone oculare che si è visto cadere l'enorme massa di terra davanti, ha assicurato che in quel momento non transitava nessuno.

Il Comandante Guidi ci detto che della chiusura della strada sono state informate le autorità provinciali, il Cotral, il 118 e l'Ospedale di Bracciano.

Intanto continua a piovere e soltanto domattina sarà possibile verificare le possibilità di intervento e le condizioni di sicurezza.

Anche Via Cusmano, ad Anguillara, è stata interessata dal maltempo. Un allagamento all'incirca presso la postazione della Croce Rossa, ne ha reso necessaria la chiusura al traffico all'innesto della Valle dei Trocchi, all'intersezione con la strada per il Lago di Martignano.

frana pizzo tre





Share on Facebook
Categoria: primo piano

CARA, proroga sino a fine mese

Atteso per oggi comunicato del Sindaco

redazione martedì 12 marzo 2013
prefettura 1
ANGUILLARA -  Bocce ferme fino al 31 Marzo per il CARA di Ponton dell'Elce. Questa sembra sia stata la decisione scaturita dalla riunione di ieri pomeriggio in Prefettura. Stando alle prime notizie trapelate, gli ospiti potranno rimanere nella struttura sino alla fine del mese, data entro la quale avranno ottenuto il diritto di asilo e saranno liberi di muoversi sul territorio nazionale. In un certo senso, quindi, si sono "allungati" i tempi dell'ordinanza sindacale di sgombero.

Risolta anche la questione dei costi, che continueranno ad essere erogati dalle istituzioni nazionali e non ricadranno sul Comune di Anguillara.  Per oggi è atteso un comunicato stampa del Sindaco Pizzorno.

Share on Facebook
Categoria: primo piano

Tutto nelle mani del Prefetto

CARA, situazione difficile, lunedì la decisione

Andrea Camponi domenica 10 marzo 2013
prefettura 1
ANGUILLARA - Tutto rimandato a lunedì pomeriggio alle 16.30 negli uffici del Prefetto a Roma. Lì il sindaco Pizzorno saprà se il Comune è finito in un cul de sac, o se la vicenda dei rifugiati ospitati nel CARA di Ponton dell'Elce, troverà soluzione. Sindaco che ammette di trovarsi di fronte "ad un problema più grande di noi, un problema – ha specificato – che non possiamo risolvere noi, ma la Prefettura. Vedremo lunedì cosa succede".

Due ore e dodici minuti di conferenza stampa svolta sabato mattina potrebbero riassumersi qui. Il resto è stato un ripercorrere tutte le vicissitudini del CARA, per bocca sia dello stesso sindaco e degli amministratori che lo affiancavano – Bianchini, Cutillo, Mochi e il comandante della Polizia locale, Guidi – sia dai rappresentanti della cooperativa Ericas, tra cui il direttore Claudio Bolla, che gestisce il centro.

Una ricostruzione che è partita dall'insediamento del Commissario ad acta per gestire il problema dei rifugiati nel nostro paese, l'insediamento ad Anguillara di uno dei siti di accoglienza, la gestione degli ospiti, i vari problemi affrontati nel corso di quel lasso di tempo, fino all'ordinanza di trasferimento dei giorni scorsi – a seguito dei rapporti di Asl e forze dell'ordine - per criticità riscontrate (l'acqua proviene da un pozzo, c'è una fossa biologica e manca l'allaccio alla fogna, le stanze sono piccole), sovraffollamento e mancanza di standard minimi di sicurezza, e requisiti di abitabilità della struttura (la struttura è abusiva, il condono edilizio è stato richiesto ma ancora non ottenuto). Non c'è mai stato, però, un problema di ordine pubblico.

La cooperativa Ericas, dal canto suo, ha difeso il proprio operato sia per quanto riguarda la scelta della struttura di Ponton dell'Elce fatta a suo tempo, sia riguardo la mancanza di agibilità ha mostrato una autocertificazione che il proprietario rilasciò all'epoca della stipula del contratto di affitto. Tutto – secondo la Ericas – secondo quanto previsto dalla legge. Rimane il fatto che il problema è da risolvere.

Va sottolineato che la fine emergenza profughi è stata disposta il 18 febbraio scorso, con il conseguente passaggio di competenze e fondi economici dal Commissario ad acta alle prefetture. E l'aspetto economico non è trascurabile perché il costo giornaliero pro-capite è alto, 35 euro gli adulti, circa il doppio i bambini.

E veniamo al mancato - o parziale - trasferimento dell'altro giorno, quando circa 45 persone si sono rifiutate di salire sul pullman, palesando la volontà di voler rimanere nel Centro di Ponton dell'Elce. L'alternativa sarebbe stata quello di uno sgombero forzato con Pubblica Sicurezza, Carabinieri e Polizia Locale. Saggiamente, si è cercato il dialogo. Il Comandante Guidi - grande esperienza e buonsenso da parte sua - ha raccontato che con l'ausilio dei servizi sociali e degli altri operatori presenti, ha provato a colloquiare con le persone rimaste cercando una via d'intesa.

Guidi ha ottenuto risposte vaghe, tra l'altro, a lui è sembrato che "fossero alquanto istruiti". Cosa peraltro confermata da Bolla, non è un mistero - ha detto - che "c'è chi fomenta". Chi, è da chiarire.

Sta di fatto che le persone sono ancora in una struttura inidonea, e c'è un'ordinanza sindacale – sacrosanto, a fronte dei rapporti pervenuti, l'intervento del Sindaco: era dovuto - che ne impone il trasferimento, con le autorità sovracomunali che raccomandano tutta la prudenza possibile ma non indicano soluzioni lasciando sulle spalle (piccole e inadeguate) del Comune, la gestione di un problema che è troppo grande da affrontare con le proprie forze.

Tutto questo quando era quasi concluso l'iter di sei mesi per l'ottenimento del diritto di asilo da parte dei rifugiati, di fatto manca soltanto il colloquio finale previsto tra un mese.

Per ora la patata bollente ce l'ha in mano il sindaco, al quale, però, riconosciamo di aver agito secondo quanto gli imponevano le leggi. Vediamo cosa deciderà il Prefetto lunedì.

In conclusione, un'annotazione personale a Sindaco e amministrazione. Avranno appurato, in questa occasione, che i giornalisti non mordono, rivolgono domande. Alcune scomode altre no. A tutte si può rispondere argomentando, spiegando le proprie ragioni informando i cittadini. Bene dunque, che sia stato infranto il muro del silenzio con questa conferenza stampa.

Adesso sarebbe il caso che, come avviene in tutte le istituzioni del mondo, che Sindaco e assessori rilascino dichiarazioni e rispondano a domande della stampa, che finisca, insomma, quell'assurda cortina del silenzio verso la stampa, che prima ancora di essere ridicola è lesiva della libertà d'informazione. Auguriamoci, noi e loro, buon lavoro.

Share on Facebook
Categoria: primo piano

C.A.R.A., fare chiarezza

Sindaco convoca conferenza stampa

redazione sabato 9 marzo 2013
CARA2
ANGUILLARA - Nubi sull'intricata vicenda del mancato, o parziale, trasferimento degli ospiti extracomunitari del Centro di accoglienza per rifugiati richiedenti asilo (C.A.R.A.), di Ponton dell'Elce. L'ordinanza del Sindaco Pizzorno che ha disposto lo spostamento, si era resa necessaria per accertate condizioni igieniche precarie e sicurezza sotto gli standard richiesti, per il sovraffollamento delle strutture e per la mancanza del certificato di agibilità.

Ora sembra che il trasferimento sia avvenuto solo in parte, con un rincorrersi di voci e diverse versioni dei fatti che rendono la vicenda poco chiara. E questo non va bene, perché ci sono di mezzo persone – donne, alcune in stato di gravidanza, bambini – che devono confrontarsi con condizioni igienico-sanitarie carenti e promiscuità. Sembra che al momento nell'immobile siano rimaste 47 persone mentre un centinaio è stato trasferito.

La vicenda è delicata e interessa non solo il Comune ma anche Ministero dell'Interno, Pubblica Sicurezza, Carabinieri, ed anche, se la questione prendesse pieghe distorte, la magistratura.

Con tutta la prudenza del caso, sul tavolo c'è un'ordinanza sindacale che va eseguita, soprattutto a tutela dei rifugiati. Tenerli nello stabile di Ponton dell'Elce sarebbe illegale. E soprattutto costoso. Pare che il costo pro-capite sia di circa 54 euro.

L'ordinanza dunque, sembra sia stata ottemperata in parte, nonostante la diffida ai gestori da parte del comando della Polizia locale, a riprendere il servizio. Oggi Polizia di Stato, Carabinieri e Polizia locale saranno di nuovo sul posto, mentre il prefetto ha convocato una riunione con le autorità comunali per lunedì mattina. Intanto c'è da precisare che nonostante l'ordinanza non parli di sgombero ma di trasferimento, la sostanza non cambia: gli ospiti lì non possono restare.

C'è da notare che ieri i bambini del Centro non sono andati a scuola. Sarà una coincidenza. Strana però. Occorre fare chiarezza. Il Sindaco, dal canto suo, ha convocato una conferenza stampa per questa mattina. Un gesto apprezzabile verso gli organi d'informazione che questa amministrazione non sembra amare molto.

Share on Facebook
Categoria: primo piano

Festa Della Donna

I festeggiamenti a Roma e sul Lago

redazione venerdì 8 marzo 2013
festa donna
8 Marzo - Auguri a tutte le donne dalla redazione de il Corriere del Lago! Tanti gli appuntamenti a Roma e sul lago per festeggiare la Festa della Donna.

FESTA DELLA DONNA A BRACCIANO:

VENERDI 8 MARZO: ROCK 4 WOMEN: Uno straordinario omaggio musicale alle donne di Bracciano in versione rock: Dai Beatles ai Rolling stones dai Deep Purple ai Led Zeppelin, da Jimi Hendrix a Sting i migliori pezzi musicali interpretati da Klaudio Sisto e la sua Band Rock Juice con intermezzo del duo internazionale "Soul Revolution".

luogo: Auditorium Comunale Via delle Ferriere ore 21
promotore: Ass.Pandora

8 Marzo 2013: La Festa della Donna a Roma

In occasione della Giornata Internazionale della Donna, musei gratis, a Roma, per tutte le donne. Il sito Musei in Comune Roma comunica le strutture che aderiscono all'iniziativa:

Centrale Montemartini, Mercati di Traiano, Museo dell'Ara Pacis, Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco, Museo della Civiltà Romana, Museo delle Mura, Villa di Massenzio, Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina, Museo di Roma, Museo Napoleonico, Galleria d'Arte Moderna, MACRO, Museo Carlo Bilotti, Museo Pietro Canonica, Museo di Roma in Trastevere, Musei di Villa Torlonia, Museo Civico di Zoologia.

II Planetario e i Musei Capitolini, manterranno il pagamento del biglietto ma ad un prezzo ridotto. Prezzo invariato, invece, per la mostra "Tiffany e Gallè" a Palazzo Caffarelli. Confermata la riduzione anche per il MAXXI dove le donne potranno usufruire di un biglietto ridotto di 8 euro, unito ad un cadeau: la "bag" in tela della mostra "William Kentridge. Vertical Thinking". In serata, l'8 marzo offrirà uno spettacolo d'eccezione, con il Colosseo illuminato contro la violenza.

La Festa nelle biblioteche

Calendario e programma:

Borghesiana (Municipio Roma VIII – Vermicino) largo Monreale senza numero civico, 00133 Roma, tel. (0039) 06 45460361
18 marzo
ore 17.30 Presentazione del libro di Monica Lanfranco, Uomini che (odiano) amano le donne. Virilità, sesso, violenza: la parola ai maschi, con la partecipazione dell'autrice.

Casa del Parco (Municipio Roma XIX – Pineta Sacchetti) via della Pineta Sacchetti 78, 00167 Roma, tel. (0039) 06 45460671
8 marzo
ore 10.30 Realizzazione del libro artigianale Le donne: storia e leggenda. Lucy, Nefertiti, Ester, Giuditta, Didone, Ipazia
ore 17.00 Presentazione del romanzo di Antonella Cassanelli Nella trappola dell'indifferenza

Casa delle Traduzioni (Municipio Roma I) via degli Avignonesi 32, 00187 Roma, tel. (0039) 06 45430235 – 06 45460720
Allestimento di una vetrina tematica

Ennio Flaiano (Municipio Roma IV – Tufello) via Monte Ruggero 39, 00139 Roma, tel. (0039) 06 45460431
11 marzo "Storie di donne: il mondo musulmano attraverso lo sguardo femminile"
ore 17.00 Presentazione del libro di Francesca Caferri Il paradiso ai piedi delle donne: le donne e il futuro del mondo musulmano, con la partecipazione dell'autrice
ore 19.00 Proiezione del film di Radu Mihaileanu La sorgente dell'Amore

Enzo Tortora (Municipio Roma I – Rione Testaccio) via Nicola Zabaglia 27 b, 00153 Roma, tel. (0039) 06 45460601
8 marzo
ore 18.00 Presentazione del libro di Amedeo Letizia e Paola Zanuttini Nato a Casal di Principe. Una storia in sospeso, con la partecipazione degli autori

Europea (Municipio Roma II – Salario) via Savoia 15, 00198 Roma, tel. (0039) 06 45460686
7 marzo
ore 18.00 Proiezione del film di Italo Spinelli, Gangor, tratto da un racconto della scrittrice Mahasweta Devi, con la partecipazione di Maurizio Carrassi e Italo Spinelli

Flaminia (Municipio Roma II – Flaminio) via Cesare Fracassini 9, 00196 Roma, tel. (0039) 06 45460441
11 marzo "Una giornata particolare"
ore 17.00 Lettura di brani e testimonianze con la partecipazione di Fausta Manni, Lino Damiani, Stefania di Michele, Iris Peynado, Antonella Cecora, Niccolò Frattarappa, Anna Laura Cesarano, Christa Windisch, Gizelle Catibag, Andrea Amatiste
Proiezione del flash mob "One Billion Rising" nel mondo

Franco Basaglia (Municipio Roma XIX – Primavalle) via Federico Borromeo 67, 00168 Roma, tel. (0039) 06 45460371
5 marzo
ore 19.00 Conferenza di presentazione del libro di Luca Attanasio Se questa è una donna, organizzata in collaborazione con l'Opera Don Calabria e l'Associazione "Articolo Tre". Partecipano l'autore e rappresentanti dell'Opera Don Calabria, dell'Associazione "Articolo Tre" e delle Associazioni delle donne immigrate

Galline Bianche (Municipio Roma XX – Labaro) via delle Galline Bianche 105, 00188 Roma, tel. (0039) 06 45460451
Allestimento di una vetrina tematica

Goffredo Mameli ex Pigneto (Municipio Roma VI – Prenestino / Labicano) via del Pigneto 22, 00176 Roma, tel. (0039) 06 45460541
4-14 marzo "Donne in mostra", mostra-viaggio attraverso le conquiste politiche, economiche e sociali delle donne, a cura di Ottavia Murru
8 marzo
ore 18.00 Presentazione del libro di Paolo Brogi Uomini e donne del Sud, con la partecipazione dell'autore
ore 20.30 Incontro dal titolo "Violenza domestica. Dalla parte delle DONNE che AMANO ancora TROPPO"
Proiezione del film di Icíar Bollaín Ti do i miei occhi e dibattito a cura di Teresa Dattilo, presidente dell'associazione Donna e Politiche Familiari

Longhena (Municipio Roma XVI – Pisana) via Baldassarre Longhena 98, 00163 Roma, tel. (0039) 06 45460471
Allestimento di una vetrina tematica
8 marzo
ore 17.00 Proiezione del film di Icíar Bollaín Ti do i miei occhi
9 marzo
ore 10.00 Proiezione del film The Help

Penazzato (Municipio Roma VI – Collatino / Prenestino) via Dino Penazzato 112, 00177 Roma, tel. (0039) 06 45460531
Allestimento di una vetrina tematica
Rispoli (Municipio Roma I – Rione Pigna) piazza Grazioli 4, 00186 Roma, tel. (0039) 06 45460561
8 marzo
ore 13.00-15.00 Proiezione del film di Giovanna Gagliardo Bellissime. Il novecento visto dalla parte di lei
12 marzo
ore 19.00 Presentazione del libro La casa di Safyia di Enrica Tedeschi e reading sul viaggio al femminile Incipit in movimento, letture di scrittrici esordienti

Festa della donna sui tram Atac anni '30

Spettacolo + Aperitivo + Tour di Roma per una serata davvero speciale, la festa della donna e di tutte le donne a bordo dei tram storici anni '30
Due sono le repliche del tour (20:30 e 22:15) che partono da Piazza di Porta Maggiore e attraversano il Colosseo, il Parco del Celio e la Piramide Cestia, oppure dal quartiere storico di San Lorenzo per Piazzale del Verano e Piazza Galeno.

8 e 9 marzo a teatro: "Per le donne facciamo il bis!"

Nelle serate dell'8 e del 9 marzo in occasione della festa della donna, Not For Tourist Rome propone due appuntamenti all'insegna del teatro e della buona cucina. Alle 21.00 nello storico teatro Ambra Jovinelli vi attende il divertentissimo spettacolo "...e fuori nevica" scritto e diretto da Vincenzo Salemme con una compagnia tutta partenopea.

Dalle 22.30 a pochi passi dal teatro, lo chef di "Cucina Pepe" rimarrà in tema, proponendo un tipico menù della tradizione campana. 8 e 9 marzo a teatro: "Per le donne facciamo il bis!"

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -