Sabato, 26 Novembre 2022
RSS Feed

politica

Categoria: politica

Grottaccia, TAR annulla bando e assegnazione

Paparella: a pagare saranno i cittadini

redazione martedì 18 ottobre 2022
tribunaleLADISPOLI - Il TAR del Lazio (sezione Seconda Bis) ha annullato tutti gli atti connessi all'affidamento in concessione della Grottaccia, a cominciare dal bando di gara con cui il Comune di Ladispoli ha avviato l'iter che ha portato all'assegnazione del sito archeologico ad un'associazione culturale del territorio.

Il bando e gli atti successivi sono stati annullati a seguito del ricorso di un'associazione, della quale, secondo il TAR, sarebbe stata preclusa in modo ingiustificato la partecipazione per il solo fatto di avere sede legale nel comune di Cerveteri. Il bando di gara prevedeva, infatti, fra i requisiti di partecipazione l'obbligo di avere la sede legale nel comune di Ladispoli. Si tratta di una clausola escludente territoriale illegittima che viola diversi principi generali del codice dei contratti pubblici.

«La limitazione della partecipazione ai soli enti aventi sede legale in Ladispoli – scrivono i giudici nella sentenza 13287/2022 - è priva di alcuna giustificazione oggettiva e, come tale, risulta in palese contrasto con i principi di libera concorrenza, non discriminazione, trasparenza, proporzionalità come ha avuto modo, in più occasioni, di precisare la giurisprudenza (Cons. Stato n. 3147/19).»

Qualsiasi studente di giurisprudenza avrebbe fatto rilevare l'errore, ma a quanto pare nessuno dell'amministrazione comunale è stato in grado di accorgersi che la procedura era viziata fin dall'avviso pubblico iniziale.

La sentenza del TAR, annullando il bando e gli atti successivi, fra cui il verbale di gara e la determinazione dirigenziale 1289/2022 di aggiudicazione della stessa, ha accolto il ricorso dell'associazione ingiustamente esclusa e ha condannato il Comune di Ladispoli a pagare le spese legali di circa 3000 euro oltre I.V.A., più il contributo unificato, per un totale di circa 6500 euro a carico dei contribuenti.

A commentare il fatto è intervenuto il consigliere di opposizione Fabio Paparella (Ladispoli Attiva): «Questo è uno di quei casi in cui il mancato rispetto delle regole che garantiscono equità nell'accesso ai bandi si ripercuote sia sull'associazione aggiudicataria dello spazio, incolpevole rispetto a questo triste epilogo, sia sulla collettività che, oltre a sobbarcarsi le spese di giudizio, dovrà attendere un nuovo bando prima che la Grottaccia sia effettivamente utilizzata per una vera programmazione culturale».

«Auspichiamo – ha aggiunto Paparella – che questa vicenda aumenti il livello di attenzione dell'amministrazione non solo sul rispetto delle procedure negli appalti e sui principi del codice dei contratti pubblici, ma in generale su tutti quegli adempimenti che fanno parte delle linee guida dell'ANAC. Stupisce infatti che, al di là della clausola territoriale illegittima censurata dal TAR, nello stesso iter sia stata nominata la commissione giudicatrice prima che fosse scaduto il termine per presentare le offerte. Eppure l'art. 77 comma 7 del D.lgs 50/2016 (Codice dei contratti pubblici) parla chiaro: "La nomina dei commissari e la costituzione della commissione devono avvenire dopo la scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte". Non serve alcun geniale consulente preso da qualche altro comune per capire il senso e la ratio di una simile previsione. Basterebbe applicarla per prevenire responsabilmente il rischio di corruzione. Da parte nostra continueremo a vigilare sull'operato dell'Amministrazione, e se necessario ad adire gli organi competenti, affinché le norme siano rispettate e a tutti siano garantiti gli stessi diritti.»

Share on Facebook
Categoria: politica

Lazio, la settimana in Consiglio regionale dal 17 al 21/10

Prevista la sola convocazione della IV Commissione

redazione sabato 15 ottobre 2022
sala mechelliLAZIO - I lavori in Consiglio regioale per la prossima settimana interesseranno soltanto la Commissione Bilancio impegnata nell'esame della proposta di legge regionale n. 346 del 10 ottobre 2022, concernente: "Disposizioni collegate alla legge di Stabilità regionale 2022 e modificazioni di leggi regionali", il cosiddetto 'collegato'.

Per ora è stata fissata soltanto la seduta di  lunedì 17 ottobre, alle 15 in Sala Etruschi, riunione che deciderà se proseguire l'esame della pdl nei giorni a seguire o inviare direttamente il testo all'aula del Consiglio.



Share on Facebook
Categoria: politica

Cerveteri, l'assessore Gnazi resoconta i primi cento giorni

Rinnovate figure apicali, avviato riassetto uffici

redazione giovedì 13 ottobre 2022
Assessore GnaziCERVETERI - "Uno dei punti cardine di questi primi cento giorni di amministrazione è stato il riassetto della macchina organizzativa. Proprio come annunciato in campagna elettorale dalla nostra coalizione, che poi ha visto l'elezione a sindaco di Cerveteri di Elena Gubetti, uno dei settori sul quale avremmo maggiormente concentrato le nostre attenzioni sarebbe stato quello del personale dipendente del Comune. Crediamo fermamente che per rendere produttivo ed efficiente un ente come quello del Comune di Cerveteri, con oltre 37mila residenti che aumentano sensibilmente nel periodo estivo, sia fondamentale e imprescindibile apporre una attenzione capillare e dettagliata sul potenziamento degli uffici. Anche per questo, appena insediato in giunta, ho iniziato ad incontrare i dipendenti e le varie posizioni organizzative proprio per recepire tutte le loro necessità ed esigenze per il miglioramento dei servizi".

A dichiararlo è Alessandro Gnazi, assessore al Bilancio e al Personale del Comune di Cerveteri, nel fare un resoconto personale a cento giorni dall'insediamento della nuova Amministrazione comunale etrusca.

"Come primo step, ci siamo concentrati sulle figure apicali del nostro ente, di coloro che devono coordinare i vari servizi ed i vari uffici. Per questo, dopo un lungo ed intenso percorso, fatto di colloqui, di riunioni interne e di valutazioni, abbiamo pubblicato, nel minor tempo possibile, gli avvisi pubblici per il nuovo segretario generale ed attivato le procedure per l'assunzione dei nuovi dirigenti. La scelta è ricaduta, nel primo caso, sulla dottoressa Daniela Ventriglia e, come primo dirigente, sull'architetto Fabrizio Bettoni, due figure dal curriculum importante, di prestigio, con comprovate e proficue esperienze lavorative in realtà vaste e complesse, che sono certo sapranno portare le loro professionalità e competenze anche nel nostro ente. Quanto prima procederemo sia alla nomina di un secondo dirigente dell'area amministrativa, sia all'espletamento di un concorso per la nomina di una figura che si occupi dell'area urbanistica: in questo modo, dunque, avremo quasi completato il quadro delle figure dirigenziali del Comune. Anche in questo caso, opereremo con meticolosità e massimo scrupolo, proprio per trovare la persona giusta per ogni incarico", ha proseguito l'assessore Alessandro Gnazi.

"Stiamo pianificando il futuro – conclude Gnazi – e l'obiettivo è quello di rafforzare la pianta organica comunale anche con nuove assunzioni a tempo indeterminato. Per farlo daremo priorità ai concorsi e sfrutteremo anche le opportunità che ci offriranno i fondi del PNRR. In particolare, è nostra intenzione intervenire sulla Polizia Locale, che sebbene faccia un lavoro encomiabile, fatica a coprire il territorio nella sua interezza ed in quei settori quotidianamente più a contatto con il pubblico".

Share on Facebook
Categoria: politica

Cerveteri, al rinnovo Consulta dei migranti e apolidi

Sabato 22 ottobre a Cerenova il primo incontro

redazione martedì 11 ottobre 2022
consulta dei migrantiCERVETERI - Si rinnova la Consulta dei Cittadini Migranti di Cerveteri. Istituita per la prima volta nel 2016, la Consulta vuole rappresentare all'interno delle istituzioni locali tutti quei cittadini migranti comunitari e non comunitari che risiedono, lavorano, studiano o soggiornano all'interno del territorio comunale.

Durante il mese di Dicembre prossimo, inizierà l'iter che porterà all'elezione di una nuova Consulta e successivamente a quella di un nuovo consigliere comunale aggiunto, il secondo nella storia di Cerveteri, che non avrà diritto di voto all'interno dell'Assise cittadina, ma avrà ugualmente diritto di intervento in Aula.

Sabato 22 ottobre alle 11, al Centro Polivalente di Via Luni a Cerenova si terrà un incontro pubblico, con la presenza del sindaco di Cerveteri Elena Gubetti, al quale tutti i cittadini migranti e apolidi sono invitati a partecipare: sarà occasione per illustrare loro le attività della Consulta e anche per raccogliere adesioni ed eventuali candidature alle elezioni, che verranno indette per il mese di dicembre.

"L'elezione della Consulta dei Migranti e la conseguente nomina del Consigliere comunale aggiunto, rappresentata in questi anni da Nawall El Mandilli che ringrazio per il lavoro svolto in questi anni, hanno rappresentato una importantissima apertura culturale nei confronti di tutti quei cittadini che seppur non nati e cresciuti in Italia, con le loro famiglie, con le loro vite, con le loro storie, rappresentano una pietra fondante non solo del tessuto economico cittadino ma anche sociale e culturale – ha dichiarato la sindaca di Cerveteri Elena Gubetti – in questi anni, sono tante le volte in cui i componenti della Consulta, si sono messi a disposizione della collettività, non solo con le molteplici iniziative solidali a cui hanno preso parte, penso ad esempio alle giornate di colletta alimentare nazionale oppure alle giornate del banco farmaceutico, ma anche in eventi culturali e di sensibilizzazione verso una società più aperta e inclusiva".

"Riteniamo la Consulta dei Migranti uno strumento importantissimo nel processo democratico della nostra città – prosegue la sindaca – questo infatti si pone l'obiettivo di rappresentare tutti quei cittadini, davvero tanti nell'intero territorio comunale di Cerveteri, di origine straniera e che troppo spesso non vengono inseriti nei processi decisionali previsti dalla giurisdizione italiana. Sono certa che così come accaduto nell'anno della sua costituzione, le adesioni saranno in un numero davvero importante".

Possono essere eletti come membri della Consulta, tutti i cittadini stranieri, comunitari e non comunitari, anche con doppia cittadinanza e gli apolidi, residenti sul territorio da almeno un anno e che abbiano compiuto la maggiore età.

Le liste con i nominativi dei candidati, debitamente compilate e sottoscritte da un minimo di 30 firme, dovranno essere presentate all'ufficio elettorale del Comune di Cerveteri entro e non oltre una data che verrà stabilita nei prossimi giorni. La Consulta sarà formata in totale da 14 rappresentanti provenienti da diverse aree geografiche, oltre a un delegato che sarà scelto direttamente dal sindaco.

Maggiori informazioni sul funzionamento della consulta e sullo svolgimento delle elezioni, possono essere richieste alla Prof.ssa Lucia Lepore, già delegata al tema in passato e che anche quest'anno ha offerto la propria disponibilità, chiamando il numero 3396561228.

Share on Facebook
Categoria: politica

Cerveteri, Consiglio di Stato: su Beca ha ragione il Comune

Due sentenze confermano: furono azioni legittime

redazione martedì 11 ottobre 2022
Locandina urbanisticaCERVETERI - La politica e le azioni urbanistiche intraprese dal Comune di Cerveteri sono pienamente legittime. A stabilirlo è il Consiglio di Stato, che con le sentenze n. 8552 e 8555 del 6 ottobre del 2022, ha confermato totalmente le precedenti pronunce del Tar del Lazio: le disposizioni del nuovo Piano Regolatore Generale del Comune di Cerveteri, con specifico riferimento alla destinazione agricola delle aree della "Beca", sono totalmente corrette.

"Gli ultimi dieci anni sono stati caratterizzati dalla più grande rivoluzione urbanistica a cui Cerveteri abbia mai assistito – ha dichiarato Elena Gubetti, Sindaco di Cerveteri – nonostante i goffi e biechi tentativi di una frangia dell'opposizione di ostacolare con esposti, ricorsi e interrogazioni regionali lo svolgimento dell'iter, anteponendo all'interesse della città quello di pochi, il Consiglio di Stato ha confermato in toto la bontà del lavoro svolto dall'Amministrazione guidata da Alessio Pascucci, all'interno della quale ho ricoperto il ruolo di Assessore prima e di Vicesindaco poi".

"Nel 2012, quando la coalizione Esserci si presentò per la prima volta alle elezioni – prosegue Gubetti – inserì all'interno del proprio programma elettorale due volontà ben precise: quella di impedire la realizzazione di un Centro Commerciale in località 'Beca', un impegno che è stato mantenuto con la deliberazione del Consiglio comunale di Cerveteri n. 18 del 2 maggio 2017 per l'adozione della variante al nuovo piano regolatore generale, e la risoluzione della annosa questione relativa Campo di Mare, conclusasi con la storica acquisizione a patrimonio comunale del Lungomare dei Navigatori Etruschi e delle aree limitrofe. In entrambi i casi, il Consiglio di Stato ha ritenuto legittima su tutta la linea l'azione politica e urbanistica dell'Amministrazione: una risposta chiara, netta e definitiva a tutti coloro, politicanti e fantomatici e improvvisati comitati locali di protesta che hanno tentato in tutti i modi di affossare il procedimento".

"A margine di questa sentenza – aggiunge la sindaca – ci tengo a ringraziare con sincera stima e gratitudine il mio predecessore Alessio Pascucci, il primo in assoluto a credere in questo straordinario processo politico, amministrativo e urbanistico. È stato grazie alla sua tenacia e convinzione che oggi siamo giunti ad una fase storica per la nostra città ed è sempre grazie a lui se oggi Cerveteri, dopo oltre mezzo secolo, vede una nuova luce sul tema della pianificazione territoriale. Un ulteriore ringraziamento, lo rivolgo all'ufficio legale del nostro Comune ed in particolar modo l'avvocato Valerio Morini, che ci ha seguito nell'intero iter. Una menzione speciale finale, la rivolgo all'Ingegnere Mauro Nunzi, recentemente scomparso e che nel suo periodo da dirigente urbanistico del Comune di Cerveteri è stato uno degli artefici del grande percorso urbanistico svolto da questa amministrazione".

"Le sentenze rappresentano un chiaro riconoscimento alla competenza e alla professionalità del nostro apparato comunale nella sua interezza, che ha saputo affiancare e indirizzare l'azione della nostra amministrazione di cui ora mi onoro di guidare, guida - ha concluso Gubetti - che porterò avanti con la stessa passione e rispetto dei valori di legalità, trasparenza e correttezza con cui ho lavorato nelle due precedenti esperienze amministrative".

Share on Facebook