Martedì, 16 Luglio 2024
RSS Feed

primo piano

Categoria: primo piano

Santa Severa, via libera a ciclabile Porto-Castello

Impegnati oltre tre milioni di euro

redazione sabato 11 maggio 2024
castello santa severa drone
LAZIO - La Regione Lazio ha dato il via libera all'iter tecnico del progetto per la realizzazione di una pista ciclabile lunga circa 25 km, che congiungerà il Castello di Santa Severa al Porto di Civitavecchia. Il costo totale per i lavori è di 3.326.000 euro e il contributo regionale sarà pari a 2.993.400 euro. La differenza della spesa verrà ripartita a carico dei Comuni interessati.

«Questo investimento testimonia il nostro impegno nel promuovere infrastrutture turistiche e culturali di valore per il territorio». Lo ha dichiarato Roberta Angelilli, vicepresidente della Regione Lazio e assessore allo Sviluppo economico, al Commercio, all'Artigianato, all'Industria e all'internazionalizzazione.

«Lavorare a stretto contatto con i Comuni coinvolti è stato fondamentale per raggiungere tale traguardo e sono fiduciosa che, grazie alla collaborazione continua, riusciremo a completare l'opera entro i tempi stabiliti. La pista ciclabile non solo offrirà un modo sostenibile per esplorare il litorale, ma sarà anche un'opportunità per valorizzare il patrimonio culturale della zona. Continueremo a monitorare da vicino l'avanzamento del progetto e a fornire il nostro sostegno affinché sia realizzato nel modo più efficace e tempestivo possibile» ha concluso la vicepresidente Roberta Angelilli.

(Immagine sito web Regione Lazio)

Share on Facebook
Categoria: primo piano

Lazio, Sanità: annunciato maxi piano di assunzioni

9.700 operatori sanitari per potenziare servizio

redazione mercoledì 8 maggio 2024
Sanità-ospedale-lavoro
LAZIO - Varato il più grande investimento sul personale della sanità pubblica in Regione Lazio degli ultimi venti anni: il presidente Francesco Rocca ha annunciato ai sindacati il piano di assunzioni 2024-2025, che rappresenta la volontà di potenziare l'intero Servizio sanitario regionale.

Si tratta di un totale di 9.699 assunzioni di professionisti della sanità, di cui 8.158 nuove assunzioni a tempo indeterminato per il biennio 2024-2025 (6.843 autorizzazioni per il 2024 e 1.315 per il Giubileo 2025), oltre alle 1.541 stabilizzazioni per l'anno in corso.

Una vera e propria boccata d'ossigeno che non ha precedenti: sommando, infatti, le assunzioni già concesse nel 2023 (4054 unità, comprese 1605 stabilizzazioni, per 195,5 milioni di euro), arriviamo a 13mila e 753 operatori sanitari (tra nuove assunzioni e stabilizzazioni) per un investimento totale di 661 milioni e 500mila euro. Il nuovo personale servirà anche a rendere pienamente operativi gli interventi realizzati con il PNRR - Piano nazionale di ripresa e resilienza, riguardanti 59 Centrali operative territoriali, 35 Ospedali di comunità, 131 Case di Comunità e 298 grandi apparecchiature.
 
Il Servizio sanitario regionale passerà dai 53mila e 583 dipendenti del 2023 ai 62mila e 662 professionisti del 2025, pianificando l'accoglienza dei milioni di fedeli in vista del Giubileo 2025. Un aumento vertiginoso per la sanità del Lazio: più 17 per cento, che riduce il precariato e abbraccia le nuove generazioni nel mondo del lavoro.

«Il Servizio sanitario nazionale rappresenta oggi uno degli asset più importanti del Paese. Dal suo buon funzionamento passano la salute dei cittadini e la loro qualità di vita. Ogni giorno migliaia di donne e uomini si svegliano con l'obiettivo di garantire a tutti noi il diritto alla salute. Lo sappiamo bene, ed è per questo che abbiamo deciso di approvare uno dei più grandi investimenti degli ultimi anni sulla sanità pubblica» ha spiegato il presidente Francesco Rocca, incontrando i sindacati di categoria nella sede della Regione Lazio, insieme con il direttore della Direzione Salute e Integrazione sociosanitaria, Andrea Urbani.

«Oltre 6.800 nuove assunzioni che, con le 2.500 approvate nelle ultime settimane dello scorso anno, diventano circa 9.300, più le 1300 per il Giubileo 2025. A queste bisogna aggiungere 1.500 stabilizzazioni, che si sommano alle 1600 già effettuate nel 2023. Uno sforzo di programmazione che, complessivamente, ha riguardato quasi 14mila operatori per un investimento da 661,5 milioni di euro. Una scommessa sul futuro» - ha spiegato Rocca ai sindacati aggiungendo - «Parliamo di una sfida di civiltà rispetto alle avverse condizioni in cui oggi operano migliaia di operatori sanitari, tecnici e amministrativi, con l'unico obiettivo di prendersi cura di noi cittadini nel momento che siamo più deboli, fragili e spaventati».

«È una scelta forte e chiara, sostenuta da ingenti risorse pubbliche. Un segnale di stima e di vicinanza ai nostri medici, agli infermieri, agli operatori sanitari, ai tecnici e agli amministrativi. Una scelta che comporterà un incremento del 17 per cento dell'attuale forza lavoro. Ma soprattutto una scelta che intende contribuire ad accrescere i servizi che i cittadini del Lazio meritano, insieme con la serenità dei nostri operatori» ha concluso Rocca.

Share on Facebook
Categoria: primo piano

Agroalimentare, la Regione Lazio a Cibus

Per promuovere le eccellenze del territorio

redazione martedì 7 maggio 2024
Cibus 2024
LAZIO - Si apre martedì 7 maggio a Parma la XXII edizione di Cibus, la manifestazione internazionale dedicata all'agroalimentare "Made in Italy", in programma fino al 10 maggio nella splendida città emiliana, che, come da tradizione, vede la nostra regione tra i protagonisti principali.

La Regione Lazio, in collaborazione con Arsial, prende parte alla manifestazione con un proprio spazio istituzionale e una collettiva di 17 imprese d'eccellenza, con l'obiettivo di promuovere non solo il patrimonio agroalimentare regionale, ma anche la particolare bellezza dei nostri territori. Come già accaduto per le fiere del vino, la presenza della Regione a Cibus è scandita dal claim "Lazio. All roads lead to taste". Ispirato a un antico motto, il claim è pensato come un invito alla scoperta, lasciando intendere che ogni viaggio intrapreso nella nostra regione, porta il visitatore a vivere esperienze straordinarie, enogastronomiche e non solo.

All'interno dello stand istituzionale di quasi 200 mq (Padiglione 07/08 - Stand D 006), le 17 aziende del Lazio sono presenti con centinaia di referenze, che includono vino, olio evo, pasta, distillati, tartufo, salumi, specialità ittiche, caffè, bevande, prodotti da forno, legumi, cereali e cibi fermentati. Sempre nel corso della fiera, il Lazio sarà protagonista di due masterclass ispirate all'enogastronomia di qualità, tenute martedì 7 maggio, dallo chef Alessandro Circiello che presenterà per l'occasione due ricette gourmet, preparate con i prodotti delle aziende laziali presenti a Cibus.

«Per noi Cibus – commenta l'Assessore all'Agricoltura Giancarlo Righini – è una tappa obbligata. È uno tra gli eventi di settore più prestigiosi, che per la sua natura di fiera internazionale offre straordinarie opportunità di business. Siamo convinti che la nostra partecipazione contribuirà a rafforzare i legami con i partner storici e a stabilire nuove relazioni commerciali, con l'obiettivo di sostenere la crescita delle nostre aziende sui mercati. Vogliamo restituire al "Lazio del Cibo" lo spazio e la considerazione che merita. Siamo al Cibus per trasmettere l'anima e l'autenticità del nostro agrifood e conquistare il palato di chiunque voglia scoprire i prodotti portati in fiera dalle imprese laziali».

«Siamo presenti a Cibus 2024 – aggiunge il Commissario Straordinario di Arsial Massimiliano Raffa – con 17 aziende di eccellenza in rappresentanza dell'agrifood del Lazio, certi che i loro prodotti e l'appeal dei nostri territori sapranno conquistare nuove fette di mercato, rafforzando le strategie di crescita e di espansione sui mercati internazionali. Attraverso una rinnovata azione di promozione e di marketing, che abbiamo chiamato "Modello Lazio", stiamo affiancando e sostenendo, nelle principali fiere internazionali, le aziende produttrici del Lazio, affinché possano aumentare l'export dei propri prodotti e, al tempo stesso, stiamo promuovendo in Italia e all'estero l'immagine del territorio regionale e delle sue eccellenze, tra le quali non ultima quella enogastronomica. Accanto all'intramontabile "Made in Italy" miriamo a far affermare il "Made in Lazio", grazie ad una gamma di eccellenze pronte a confrontarsi sui mercati internazionali. Vi aspettiamo nel Padiglione del Lazio, dove il futuro dell'agroalimentare è servito!», conclude Raffa.

Cibus è la manifestazione di riferimento per il settore agroalimentare Made in Italy. Con i suoi 120 mila mq di esposizione, articolati in otto padiglioni, offrirà uno spaccato completo del settore alimentare italiano, L'edizione attuale è la più numerosa di sempre tanto per numero di espositori, oltre 3.000, che per numero di buyer della grande distribuzione: più di 2.000 accreditati, provenienti in gran parte da Stati Uniti, Germania, Spagna, Francia, Regno Unito e Medio Oriente. Il 2024 è inoltre l'anno dei Paesi dell'area ASEAN, grazie al ritorno in fiera della Cina, grande assente durante la pandemia, e alla presenza di un'importante delegazione dal Giappone. Info e dettagli sulla partecipazione della Regione Lazio a Cibus, incluso l'elenco delle aziende presenti sono disponibili sul sito istituzionale di Arsial: https://www.arsial.it./ 

Share on Facebook
Categoria: primo piano

Ladispoli, manovra di bilancio da 7 milioni di euro

Per sociale, riqualificazione urbana e turismo

redazione lunedì 6 maggio 2024
municipio ladispoli copy
LADISPOLI - Dal sindaco di Ladispoli, Alessandro Grando, riceviamo e pubblichiamo.

Nella seduta che si è svolta lo scorso 2 maggio il Consiglio Comunale ha approvato una importante manovra di bilancio, da oltre 7 milioni di euro. Il criterio per la ripartizione delle risorse è stato quello che la mia Amministrazione ha utilizzato fin dal suo insediamento: prima si soddisfano i bisogni dei Servizi Sociali e poi si assegna il resto agli altri settori.

Ed infatti 2,3 milioni di euro sono stati dedicati solo a questo reparto, andando ad incrementare i fondi per l'assistenza domiciliare per disabili e anziani, l'assistenza educativa scolastica, le rette per il ricovero in istituto dei minori non accompagnati, per gli anziani nelle residenze sanitarie assistite e per altri progetti a supporto delle fasce più vulnerabili della nostra comunità.

Sul fronte dei lavori pubblici e delle manutenzioni abbiamo stanziato oltre un milione di euro per finanziare una serie di interventi di riqualificazione urbana, volti a migliorare la qualità della vita dei cittadini e alla valorizzazione del nostro patrimonio immobiliare.

Nello specifico, abbiamo previsto: la riqualificazione dei campi di basket e della pista ciclopedonale del parco di via Firenze, la manutenzione straordinaria dello stadio Sale e dell'ex scuola del Boietto, la realizzazione di aree fitness all'aperto, la manutenzione degli impianti sportivi esistenti, l'efficientamento e l'implementazione della pubblica illuminazione, l'abbattimento delle barriere architettoniche nei plessi scolastici e abbiamo incrementato i fondi per la potatura delle alberature.

Questi fondi vanno ad aggiungersi ai 5 milioni di euro già stanziati per il rifacimento delle strade e dei marciapiedi nel biennio 2024/2025.

Abbiamo inoltre avviato l'iter per l'acquisizione al patrimonio pubblico del terreno di 5 ettari adiacente al parco pubblico del Bosco di Palo, per l'acquisto di un locale che verrà adibito a centro diurno per la disabilità gravissima e per la realizzazione di un nuovo plesso scolastico in sostituzione di quello di Via Praga.

Una parte significativa delle risorse è stata destinata anche a promuovere iniziative turistiche, culturali e sportive, con l'obiettivo di rendere Ladispoli un luogo sempre più accogliente e attrattivo per i suoi abitanti e per i visitatori.

Ricordo che quest'anno la nostra città ospiterà la 5ª edizione del Summer Fest, l'Air Show delle Frecce Tricolori e la seconda edizione del Concerto di Capodanno, oltre ad una lunga serie di eventi culturali e sportivi che faranno da cornice all'estate ladispolana.

Ringrazio i Consiglieri della maggioranza, gli Assessori e tutto il personale comunale, con una particolare menzione per il Responsabile della Ragioneria Dott. Renato Barbato, per l'impegno e la collaborazione profusi nell'elaborazione di questo importante provvedimento.

Il sostegno alle fasce sociali più fragili, il miglioramento della qualità della vita dei cittadini e lo sviluppo dell'economia locale continuano ad essere una nostra priorità, e questa manovra di bilancio ne è una chiara dimostrazione.

Continueremo a lavorare per fare di Ladispoli una città sempre più bella, vivibile e inclusiva.

Il Sindaco
Alessandro Grando

Share on Facebook
Categoria: primo piano

Lazio, 3mln per valorizzare e promuovere il litorale

A breve i Piano per il Litorale e per blu economy

redazione venerdì 3 maggio 2024
litorale
LAZIO - La Giunta regionale presieduta da Francesco Rocca, su proposta dell'assessore allo Sviluppo economico, Roberta Angelilli, ha deliberato di stanziare tre milioni di euro come risorse per interventi di valorizzazione e promozione economica del litorale laziale, attraverso la fruibilità in sicurezza delle spiagge libere e dei pontili di ormeggio e delle banchine, a supporto della stagione balneare 2024.

Il budget per il 2024 è stato incrementato, rispetto allo scorso anno, di 500mila euro passando, per l'appunto dai 2,5 milioni del 2023 ai 3 milioni di quest'anno. Sono 21 i Comuni laziali, tutti con arenili accessibili, interessati allo stanziamento. A questi si aggiungono anche i 2 comuni isolani di Ponza e Ventotene.

La delibera prevede una serie di criteri di ripartizione delle risorse ai Comuni: il 50% in ragione del numero dei residenti in ogni singolo Comune alla data del 1° gennaio 2023 e il 50% in ragione dei metri lineari di arenile ancora libero al 31 dicembre 2023 rispetto alla totalità della costa accessibile di ciascun Comune. Gli importi destinati ai Comuni saranno erogati in un'unica soluzione.

Gli interventi finanziabili riguardano: attività volte alla sicurezza dell'accesso alla spiaggia libera, anche per le persone disabili; alla pulizia delle spiagge libere; alla guardiania e vigilanza; alla sicurezza della balneazione e dei pontili; all'eliminazione delle plastiche dagli arenili e, infine, a interventi di trattamento e disinquinamento delle acque marine. Verranno dichiarate ammissibili tutte le spese inerenti a quelle attività che siano state effettuate nel corso della stagione balneare 2024, dal 1° maggio al 30 settembre.

"Anche quest'anno la Giunta Regionale del Lazio ha stanziato un contributo importante per sostenere i Comuni costieri nella stagione balneare, aumentando le risorse rispetto al 2023. A breve sarà presentato il piano per il litorale e il piano di azione per la blu economy" dichiara Roberta Angelilli, vicepresidente della Regione Lazio e assessore a Sviluppo economico, Commercio, Artigianato, Industria e Internazionalizzazione.

Share on Facebook